Magazine - Fine Living People
Una giornata col creativo

Una giornata col creativo - 13/07/2017

Andrea Calvo, l’educatore alimentare che ama (e conosce) l’Oriente

In tour a Milano con un personal stopper di eccezione. Ecco come riconoscere luoghi, sapori e prodotti autentici.

Lui si chiama Andrea Calvo, è un tecnico ed educatore alimentare e oggi ci fa conoscere l’Oriente in tavola. Laureato in Scienze Gastronomiche presso l’Università degli Studi di Pollenzo, quella fondata dall’inventore di Slow Food Carlo Petrini (classe Scienze e Tecnologie Alimentari), ha fatto della sua più grande passione una scelta di vita: l’oriente. Ha lavorato nel settore della ristorazione in Cina dal 2005 al 2008 e dal 2011 si occupa in Italia di importazione di prodotti alimentari asiatici (di provenienza per l’80% giapponese e per il 20% cinese), di cui è profondo conoscitore sia sul piano del gusto sia sul piano nutrizionale.

La nostra giornata in compagnia di Andrea inizia nel cuore della China Town milanese.

A due passi da Via Paolo Sarpi, c’è il suo ufficio dove arriva ogni mattina, dopo aver controllato e verificato i prodotti da spedire ai propri clienti. “Mi sveglio molto presto, quando la città dorme ancora, e mi sposto fuori Milano nel magazzino della mia società dove organizzo la giornata di lavoro – racconta – e poi arrivo in studio, dove visito e incontro i pazienti: insegno loro cosa mangiare per sentirsi meglio, fornisco  i consigli su cosa acquistare, a volte vado con loro a fare la spesa. Non parliamo solo di cucina orientale, ma dell’alimentazione in generale. Credo che le contaminazioni facciano bene, quando si ha una conoscenza dei valori nutrizionali dei prodotti e dei piatti“.

Sequenza 1

Beviamo un caffè, nel bar sotto l’ufficio, una pasticceria che sarebbe una tentazione anche per i palati più resistenti, eppure Andrea non cede a dolci e zuccheri. “Sarebbe meglio evitarli con il caldo! In estate sarebbe meglio non bere succhi di frutta e le bibite zuccherate perchè, appunto, gli zuccheri portano a una perdita di liquidi e sali minerali“.

Camminiamo per il quartiere,  vuole mostrarci un vero e storico ristorante cinese: “Li riconosci dalla sputacchiera all’ingresso, espressione della cultura di questo Paese“. E i bottegai locali presso i quali fa la spesa, dalla rosticceria made in oriental al supermercato. Lasciamo Andrea al suo pomeriggio, ma prima di salutarlo gli strappiamo un invito  a cena per gustare un vero pasto cinese.

Sequenza 2

Mangiamo Hot-Pot con acqua, vino di riso, salsa di soia e glutammato monosodico; man mano cuociamo i contorni nella grande pentola: gamberi, funghi shitake, funghi orecchio di Giuda, germogli di soia, tofu, gnocchi di riso, bamboo, broccoli. Gustiamo edamame, involtini ripieni di cavolo cinese e pak choi home-made (sono frittelle cinesi  realizzate con un impasto a base di farina di grano tenero acqua e sale). Il tutto è accompagnato da foglie di tè verde.

Society - 24/05/2017

Cannes 70, glamour ed eleganza sul red carpet. Arriva anche Bruno Mars

Il festival del Cinema di Cannes 2017 ha incassato un'altra manciata di giorni ad alto tasso di glam [...]

Design of desire - 15/10/2016

Preciosa porta il lusso del cristallo a bordo degli yacht

Preciosa è la casa ceca di illuminazione innovativa che con il range Preciosa Maritime fa sognare o [...]

Fashion - 14/06/2017

Unica e duratura, la moda degli allievi dell’Accademia del Lusso

Ci sono quegli abiti fatti per shoccare anche alla sfilata dell'Accademia del Lusso a Milano. Ma non [...]

Top