Magazine - Fine Living People
Design of desire

Design of desire - 18/03/2019

A Lissone c’è Natuzzi e la storia dei big del design

La capitale del mobile ha i pezzi dei grandi del nostro gusto al MAC: Vico Magistretti, Alessi, Gae Aulenti, De Lucchi, Sambonet.

Con l’apertura l’anno scorso del negozio Natuzzi e il debutto recente della mostra permanente al MAC, Lissone, in Monza-Brianza, si conferma la capitale del mobile italiano.

L’arrivo dei big dei divani dalla Puglia è solo l’ultimo in ordine di tempo, nella città simbolo dell’eredità di sapienza e artigianalità del mobile italiano. Una centralità nello sviluppo del mito dell’arredo della Brianza, Lissona l’ha preservata anche grazie al Museo d’Arte Contemporanea, costruito nel 2000, nei pressi della stazione ferroviaria, per dare una sede ufficiale alla raccolta delle opere già presenti al Palazzo Terragni e nella Villa Candiani-Magatti.

Dopo lunghe attese, il MAC di Lissone ha finalmente incrementato il proprio patrimonio artistico con una collezione dedicata in modo esclusivo al design aperta dallo scorso febbraio. Tale scelta si è resa necessaria e inevitabile considerando la realtà del territorio, fortemente legata alla filiera del legno-arredo; nel secolo scorso Lissone era, non a caso, sinonimo di “Capitale del mobile”.

In virtù di una storia importante ma spesso sottovalutata, il MAC ha integrato le sue raccolte con oggetti che afferiscono ai trascorsi della cittadina briantea, proiettandosi vieppiù in un panorama ampio ed eterogeneo, di respiro nazionale e internazionale.

Dagli inizi del Duemila le raccolte museali hanno continuato a documentare il divenire delle arti visive, ma è solo dal 2007 che la programmazione del MAC si rivolge al mondo del design, istituendo un premio biennale per i giovani progettisti. Malgrado la manifestazione si inserisca in un tessuto di ricerca e di sviluppo appartenente alla tradizione lissonese, soltanto dieci anni dopo è stato possibile costituire il primo nucleo della neonata collezione, che in breve tempo si è ampliata considerevolmente. Allo stato attuale la collezione è composta da un centinaio di oggetti e da più di trecento disegni tecnici, unitamente a una raccolta di materiali inerenti il visual design.

LA MOSTRA – La volontà di celebrare “l’arte del progetto”, all’insegna dell’innovazione e dell’iconicità, trova la via delle sale museali con la mostra Guardare la luna, non il dito. Il titolo, che parafrasa il celebre detto cinese «quando il dito indica la luna lo stolto guarda il dito», allude alla necessità di osservare con attenzione gli oggetti esposti per riuscire a trascenderne la forma e comprenderne più a fondo la progettualità. Con lo stesso intento, infatti, si è voluto ridisegnare/riprogettare la collezione del museo, che il Direttore del MAC ha arricchito con oggetti che rispecchiano l’ingegno dei loro autori e la perizia di alcune tra le più rinomate aziende del settore.

A fianco di celebri icone del design – immancabili nelle collezioni museali di tutto il mondo – trovano posto progetti, prototipi ed edizioni limitate che si articolano attorno a gruppi tematici.

Capolavori di eccellenza artigianale, come il Leggio d’Orsay di Aulenti, la Parola Amore di Tovaglia, il Segavento di Livio e Piero Castiglioni o il Papillon di Botta, dialogano con i moderni calcolatori di Bellini, il packaging Tŷ Nant di Lovegrove e il Discovolante di Lissoni. Ironia e originalità contraddistinguono l’appendiabiti Stella dei fratelli Mendini, il tavolino Aile di De Marco e Fanciullacci, l’orologio ipnotico e perpetuo di Zambelli, l’abito in vinile di Cannavacciuolo e lo storico Componibile di Castelli Ferrieri rivisitato da Fabio Novembre. Tra le curiosità, sono presenti anche una croce componibile di Iacchetti e il rosario usa e getta di JoeVelluto, gli occhiali da sole di Duranti e gli occhiali in cartone di La Roche.

Tra le sedute sono state scelte Universale di Colombo, Monk di Afra e Tobia Scarpa, Plopp stool di Zieta, Rememberme di Juretzek, Seconda di Botta, Spaghetti di Belotti, Tuttitubi di Damiani, la panca Iron di Bergne (in edizione speciale) e il prototipo di uno sgabello di Luraschi. Una sezione è stata riservata all’illuminotecnica, annoverando lampade assurte a vere icone del design, dalla Eclisse di Magistretti alla Passiflora di Natalini e Toraldo di Francia, dal Cuboluce di Bettonica e Melocchi alla Tolomeo di De Lucchi e Fassina, fino alla più recente Elica di Sironi. A padroneggiare l’angolo cucina sono i bollitori di Gehry e Graves, le caffettiere di Rossi e Sapper, la pesciera di Sambonet e il set di “Monachine” di Duranti; all’area del giardinaggio rimandano invece il vaso avvitabile di Santachiara e la carriola di Faccin.

Assieme a disegni autografi di Ambasz, Aulenti, Hejduk e Ungers sono proposti gli elaborati grafici di Baruffi/De Santi, Confalonieri, Fronzoni + Gruppo MID, Lupi, Nizzoli, la serie completa di Inventario – il progetto editoriale di Finessi e Croatto premiato nel 2014 con il Compasso d’Oro – e una selezione di progetti tecnici di Foresti-Volonterio, Pessina-Pica-Rascaroli, Salvati-Tresoldi. Di particolare rilievo per la storia locale è l’esposizione di alcuni manifesti promozionali delle storiche Settimane lissonesi e una inedita eliocopia del Palazzo del Mobile di Lissone progettato dagli architetti Faglia e Galmanini.

Natuzzi Italia Store Viale Nuova Valassina, 42 20851 – Lissone (MB)

NATUZZI – Natuzzi ha rafforzato la sua presenza in Lombardia con l’apertura nel 2018 di un nuovo negozio a Lissone, il primo in Italia aperto in partnership, che si affianca ai tre negozi di proprietà già presenti in Lombardia. Lo store ospita pezzi per la zona giorno con divani, mobili e complementi per il living, come il nuovo divano Colosseo accompagnato dalla parete attrezzata Kubika o il best seller Iago con il tavolino centrale Tempo. Per la zona notte i letti Diamante e Piuma rivestiti in pelle Natuzzi offrono un perfetto riposo, sintesi di qualità, ricercatezza dei materiali e ricchezza dei dettagli. Mobili e complementi che identificano un percorso estetico sempre in equilibrio fra tradizione e innovazione.

Pasquale Junior Natuzzi, Chief Creative, PR & Communication Officer, ha commentato: “Nella nuova visione Natuzzi, i nostri negozi sono luoghi in cui si celebra l’armonia e l’italianità, dove il brand esprime il proprio lifestyle mediterraneo. Colori, profumi, musica ed accoglienza insieme all’assistenza all’interior decoration – più vicina ad un vero e proprio studio di architettura che al classico percorso di vendita in negozio – sono elementi che portano il consumatore ad essere ammaliato da un brand che trasferisce valore attraverso una lifestyle experience esclusiva. Così offriamo un’esperienza di acquisto unica nella quale eleganza e italianità diventano stile di vita”.

Il brand ha scelto la zona della Brianza come punto strategico dove allargare la sua presenza, occasione per celebrare la poltrona Re-vive: l’icona dell’innovazione Natuzzi Italia, sintesi perfetta di comfort ergonomico, tecnologia e design funzionale. Re-vive è una performace recliner completa di pouf che, grazie a speciali meccanismi brevettati, si muove seguendo costantemente gli impercettibili assestamenti del corpo. In occasione dell’apertura uno degli artigiani Natuzzi ha realizzato dal vivo una Re-vive, mostrando come la tradizione artigianale si sposi con materiali e tecnologie all’avanguardia.

Con questa apertura salgono a cinque i Natuzzi Italia Store in Italia, ai quali si aggiungono i 29 Natuzzi Italia Essence aperti negli store multimarca in tutta la penisola.



Fashion - 23/12/2018

Fashion Graduate, l’Italia che insegna moda e la sua creazione

Nell'autunno 2018 il polso della creatività giovane e delle potenzialità del mondo della moda che [...]

Trends - 27/06/2017

Ethimo, design e peonie in accordo con l’ambiente

Il trend dell'anno è il greenery ma raramente ci capita, come nel caso di Ethimo, di trattare desig [...]

Trends - 17/05/2017

La pittura decorativa di Wilson & Morris

La pittura decorativa per interni domestici è un trend inarrestabile dell'home decor. Negli ultimi [...]

Top