Magazine - Fine Living People
Design of desire

Design of desire - 10/09/2018

A Maison & Objet anche la pelle italiana

La fiera degli arredi e del lifestyle fino all'11 settembre 2018 a Parigi presso il Parc des expositions Paris Nord Villepinte.

Fino all’11 settembre 2018 a Parigi presso il Parc des expositions Paris Nord Villepinte, Maison & Objet, la fiera dell’arredo e del design per casa, mostra le ultime tendenze. E anche molte suggestioni dall’Italia. Novità di quest’anno arrivano anche dal comparto conciario tricolore.

UNIC – Concerie Italiane vola a Parigi a Maison & Objet con una proposta di oggetti e complementi d’arredo in pelle per mostrare al pubblico francese l’altissimo valore stilistico e qualitativo della pelle italiana. Negli spazi del Material Village (hub organizzato da Material Connexion Italia, network di respiro internazionale per la consulenza sui materiali) i nuovi manufatti. Le vendite di arredi tra il 2017 e il 2022 cresceranno del 22%. Non a caso le griffe del lusso, da alcune stagioni, stanno progressivamente ampliando i loro orizzonti creativi in direzione degli accessori per la casa e l’interior design. La versatilità della pelle italiana è ideale per soddisfare le loro necessità.

Green Apple è il marchio portoghese di arredi di lusso più in rapida crescita negli ultimi anni. Con uno stile che si ispira alla natura locale e ad alcune architetture monumentali tipiche di Lisbona, il brand  crea e produce arredi e illuminazione per il settore residenziale e alberghiero in Portogallo ed esporta e commercializza in tutto il mondo.

Una storia di successo, nata dalle menti brillanti di Sérgio Rebola e Rute Martins, una coppia di economisti con un master in gestione aziendale, appassionata ed esperta di articoli di lusso che ha focalizzato i propri standard al servizio dei propri clienti e fondato la mission aziendale sulla soddisfazione dei bisogni dei più esigenti.

Una storia fatta di talento, lavoro, capacità di ripresa, visione e strategia, che ha permesso ai due partner di diventare attori invidiabili nella produzione e nell’esportazione di beni di lusso in mercati tanto diversi quanto estesi come quelli americani, asiatici ed europei, e di costruire un forte e solida reputazione come risultato della loro coerenza ed eccellenza.

L’esclusività di ogni pezzo è il risultato di un lavoro svolto grazie alla conoscenza ancestrale della produzione delle Caravelle di Cristoforo Colombo, tramandata oggi ai maestri artigiani che l’hanno saputa integrare con la tecnologia moderna.

Arredi Green Apple a Maison & Objet di Parigi edizione 2018.

Sempre affascinato dai viaggi, Vito Nesta in occasione di Maison&Objet 2018 (foto in apertura) presenta le nuove collezioni del brand Grand TourCairo racconta le donne egiziane del passato assorte in sguardi pensosi, vestite di gioielli e copricapi che parlano di un mondo lontano nel tempo e nello spazio; Kenya, ispirata alle popolazioni keniote ricche di storia e cultura e Libano, di cui architetture e suggestioni del Vicino Oriente costituiscono il tratto distintivo.

Dalla collezione Cairo di Vito Nesta.

Seletti è pronto a sorprendere nuovamente con una serie di inediti prodotti e collaborazioni, all’edizione di settembre di Maison&Objet, la fiera per eccellenza dedicata al design e alla decorazione della casa.

Il design brand italiano amato per il suo approccio pop e democratico, conferma ancora una volta l’attitudine unica nel suo genere di unire l’accessibilità alla desiderabilità del design da collezione: dopo la collaborazione di successo con il magazine fotografico Toiletpaper – che ha visto la contaminazione tra oggetti di largo consumo e le immagini surreali di Maurizio Cattelan e Pierpaolo Ferrari – e lo sviluppo del progetto BLOW che ha trasformato l’estetica dei pezzi unici di Studio Job in oggetti democratici, Seletti presenta un nuovo progetto che vede protagonista uno degli studi creativi più apprezzati a livello internazionale, il duo newyorkese Snarkitecture.

Seletti a Parigi presenta la nuova collezione disegnata dai creativi di Snarkitecture.

Dalla Toscana a Parigi, IVV Industria Vetraria Valdarnese , azienda che lavora il vetro a mano fondata da un gruppo di maestri vetrai nel 1952.
Nel corso degli anni IVV si è affermata tra i protagonisti europei nella produzione del vetro soffiato e fatto a mano coniugando ricerca sulla materia, design, tecniche di tradizione artigiana e controllo dei processi per dar vita a oggetti che hanno reinterpretato lo spazio e la tavola.

Oggetti in vetro fatti a mano in Italia: IVV.

Dalla Danimarca invece arrivano le novità minimali ma colorate di TROELS FLENSTED STUDIO. I creativi che sono dietro questi oggetti promettono sempre di commercializzare complementi d’arredo “che abbiano delle storie importanti da raccontare”.

TROELS FLENSTED STUDIO da Copenhaghen a Maison & Objet a Parigi.



Society - 31/05/2016

Antonio Syxty e i suoi Amazon Papers: la carta da pacchi è arte concettuale

Antonio Syxty da quando ha iniziato a operare a Milano sul finire degli anni 70 ha sperimentato con [...]

Leisure - 31/05/2018

Che succede se 5 rock festival si mettono assieme

Nasce uno dei più grandi coordinamenti d'Italia tra gli event manager dei festival rock, una festa [...]

Fashion - 30/06/2017

Sergio Tacchini e Andrea Crews a Parigi sfila il nuovo streetwear

Sergio Tacchini lancia una capsule collection streetwear. Il noto marchio di abbigliamento sportivo [...]

Top