Magazine - Fine Living People
Design of desire

Design of desire - 13/08/2016

Alla Triennale la Stanza primordiale di Francesco Librizzi

A Milano fino al 12 settembre il giovane artista per Stanze. Altre filosofie dell’abitare. Vi portiamo dentro l'opera.

Triennale Milano Stanza dell'Uomo

Francesco Librizzi mette in scena la prima stanza dell’uomo: il D1

Francesco Librizzi, il più giovane degli 11 autori invitati a presentare la propria visione di spazio, fino al 12 settembre alla Triennale di Milano espone “D1”, ritenuta la prima stanza dell’uomo.

Librizzi, per Stanze. Altre filosofie dell’abitare (a cura di Beppe Finessi) ha architettato una stanza che racconta la scoperta dello spazio domestico: la rivelazione della linea che ci divide dalla natura, oltre la quale lo spazio non è più selvatico.

Ispirata alla casa mediterranea, la stanza di Francesco Librizzi è un ambiente vuoto, posizionato al centro, che fa da cardine a una serie di spazi satellite che gli orbitano attorno. Ci si sente come i primi uomini che scoprivano spazi nuovi e decidevano di stanziarsi nei luoghi appena rivelati davanti ai loro occhi.

In questo senso D1 è la “prima stanza dell’uomo”.

La creazione dello spazio

Ci sono tre recinti di colori diversi, un piano del tavolo con microarchitetture a celebrare il valore degli oggetti che scegliamo di portare con noi. La presenza di elementi strutturali a vista, mette in luce l’influenza che gli oggetti hanno nel determinare i campi di esercizio delle nostre azioni.

Realizzata da De Castelli, la sezione degli elementi metallici lascia trasparire le caratteristiche materiche dell’acciaio.

Gli oggetti sono realizzati da Emmemobili in ottone tagliati ad acqua, assemblati e saldati in argento. Le sedie reralizzate da Zanotta, per Francesco Librizzi dovrebbero esprimere la volontà di rimanere nella stanza. Da una parte riprendono l’immagine delle poltroncine di Vienna, dall’altra si rifanno all’interpretazione moderna delle sedute in tubolare di acciaio.

XXI Triennale International Exhibition

Palazzo dell’Arte, Milano

“21st Century. Design after Design

2 aprile – 12 settembre 2016

Stanze. Altre filosofie dell’abitare

www.francescolibrizzi.com

 



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Society - 30/04/2016

Speciale Mia / Marko Zink: “I miei Swimmers sono giochi di forme”

Marko Zink è un artista che viene dall'Austria, terra che non ha mare. Ma al Mia Photo Fair di Mila [...]

Leisure - 19/12/2017

Tom Walker: “Sono andato a Glastonbury da spettatore e ho finito per cantarci”

Leave A Light On è uno dei maggiori successi di questo inverno e Tom Walker, ragazzo di Manchester [...]

Fashion - 13/01/2018

Anche la moda uomo “cede” alle Instagram stories

Maurizio Miri arriva alla sua prima sfilata ed Ermenegildo Zegna sceglie la Bocconi per l'avvio di M [...]

Top