Magazine - Fine Living People
Design of desire

Design of desire - 10/08/2018

Il Bosco Verticale e i suoi gemelli tutti in un libro

Una selezione di 50 stravaganze sui tetti delle città del mondo ci aiuta a capire cosa succede sulle nostre teste. E in testa a chi le progetta.

Per l’Italia c’è solo il Bosco Verticale (Vertical Forest, nella denominazione internazionale) di Milano ma sono decine gli spazi verdi e di ricreazione in generale presenti nel nuovo libro della Taschen chiamato “Rooftops Islands in the Sky” che con foto mozzafiato esplora lo spazio che sale sulle città ed è abitato dai facoltosi inventivi alleati di architetti visionari.

Il tetto di un edificio, un tempo elemento strutturale superficiale, è ora uno spazio urbano in sé e per sé, amato per la capacità di ricavare ulteriore spazio per vivere o per creare rifugi ispirati lontano dal trambusto della metropoli.

Perché in qualsiasi spazio urbano che oggi si rispetti, la vera vita lussuosa è in alto, dove anche l’immaginazione sale ed è agli ultimi piani di tutto il mondo che si consumano manie ed eccentricità di ogni tipo. Ci sono piscine, terrazze attrezzate ma anche interi boschi privati e passeggiate che si illuminano di notte.

Il libro raccoglie una collezione di tetti ispirati in tutto il mondo. Dai giardini gloriosi ai bar più glamour della città, ogni progetto è caratterizzato da fotografie brillanti e illustrazioni contemporanee. Tra gli architetti figurano Frank O. Gehry, Shigeru Ban, Bjarke Ingels (BIG), Annabelle Selldorf e Julien De Smedt (JDS).

L’autore Philip Jodidio ha studiato storia dell’arte ed economia ad Harvard e ha diretto Connaissance des Arts per oltre 20 anni. I suoi libri TASCHEN includono Architecture Now! serie e monografie su Tadao Ando, ​​Norman Foster, Renzo Piano, Jean Nouvel, Shigeru Ban, Oscar Niemeyer e Zaha Hadid. L’illustratore Boyoun Kim è nato in Corea e ha studiato illustrazione alla School of Visual Arts di New York. Il suo lavoro è stato presentato dalla società di illustrazioni americana, la Society of Illustrators, ed è apparso in numerose pubblicazioni tra cui The New York Times, The New Yorker e The Washington Post.

Il libro permette di farci vedere come architetti e progettisti urbani realizzano strutture nuove e sperimentali e allo stesso tempo studiano edifici esistenti per una potenziale reinvenzione o espansione.

Questa selezione internazionale di tetti urbani cataloga una nuova dimensione urbana. Attraverso oltre 50 bar, ristoranti, installazioni artistiche temporanee e giardini, testimonia la varietà di progetti intelligenti ed esuberanti che abbelliscono i vertici della città da Sydney a Hong Kong, da Oslo a Chicago. Tra gli artisti in primo piano in questo movimento verso i cieli ci sono i vincitori del premio Pritzker Norman Foster e Shigeru Ban, Jeffrey Inaba, Julien De Smedt (JDS) e paesaggisti come Ken Smith e Vladimir Djurovic.



Vip House - 13/10/2017

La casa di Cecchi Paone: amore e comodità

Ha sempre avuto la faccia da primo della classe.  Alessandro Cecchi Paone in questa intervista mi h [...]

Society - 15/03/2018

La fame di conoscenza secondo Achille Bonito Oliva

A una settimana dall'inizio della primavera, fiorisce "L'Albero della cuccagna: Nutrimenti dell'arte [...]

Leisure - 21/02/2017

La cotoletta alla milanese, ecco i posti dove si mangia la vera ricetta

È il simbolo della vecchia e un po' vilipesa cucina milanese, insieme a risotto, ossobuco e panetto [...]

Top