Magazine - Fine Living People
Design of desire

Design of desire - 21/03/2019

Il Franco Parenti a Milano da teatro ad Art Design District

Per la prima volta nella design week del 2019 un luogo di spettacolo diventa location per ammirare idee innovative. Dal 9 aprile il cuore sarà la piscina dei Bagni Misteriosi.

Ci mancava solo l’utilizzo da parte di designer e poi la riabilitazione della storica location milanese dei Bagni Misteriosi è completata. La si vedrà in tutto il suo splendore, nel quartiere iper-borghese di Porta Romana durante la design week del 2019 che parte il 9 aprile. L’esposizione di arte e design in loco è voluta dal Teatro Franco Parenti, esso stesso un esempio di architettura mirabile e incontro di culture e storie come raramente accade. Le sale e gli spazi esterni sono stati rinnovati dall’architetto Michele De Lucchi, con una riqualificazione che ha ricomposto il complesso originario degli anni ’30, smembrato e ferito durante e dopo la guerra, per la riapertura in grande stile del 2008.

Il distretto si chiama Parenti Art Design, un palinsesto tutto nuovo e tutto inedito voluto da un’idea di Andrée Ruth Shammah, anima del Teatro Franco Parenti, e si è sviluppato, in questa prima edizione, grazie alla preziosa collaborazione di Domus, media partner del progetto e di Galleria Continua, Mosca Partners e Galleria Jean Blanchaert, Intesa Sanpaolo e Associazione Pier Lombardo che cureranno i contenuti all’interno del Quartier Generale del distretto costituito dagli spazi del teatro e della piscina.

Shammah dice che “non vuole essere una location come le altre, qui si deve venire perché è diverso e c’è bellezza”. E sicuramente così sarà. Il quartiere compreso tra Piazza Medaglie d’Oro e Corso di Porta Vittoria si trasformerà in un’area dedicata al design in cui diverse realtà commerciali, culturali, espositive, oltre che case di privati, metteranno a disposizione i propri spazi per allestimenti, mostre ed eventi.

LE GALLINE – Le galline sono anche l’immagine simbolo del distretto, a metà tra il provocatorio e il fascino naturalistico. Ci sarà infatti il contest “pollaio uovo azzurro” in collaborazione con la Fondazione Lighea Onlus. L’open call raccoglierà proposte per la progettazione di un pollaio di nuova generazione che verrà realizzato e installato negli spazi outdoor del Teatro Franco Parenti e che ospiterà le galline Araucane per la produzione di uova azzurre, simbolo della diversità.La Fondazione Lighea si occupa del reinserimento sociale di persone con disagio psichico. Una volta realizzato, il pollaio uovo azzurro farà parte dei progetti di reinserimento lavorativo della Fondazione e sarà curato e gestito dai pazienti Lighea.

MOSTRA – Dal 2 aprile al 18 maggio, quindi ben oltre i limiti della design week, c’è un progetto artistico che ingloba la parte scoperta del teatro, i Bagni Misteriosi e la splendida piscina recuperata tra i palazzi. Nella Palazzina dei Bagni Misteriosi sarà allestita la mostra Immersione Libera, un progetto di Marina Nissim, a cura di Giovanni Paolin in collaborazione con Galleria Continua. Immersione libera sarà una mostra collettiva, una piattaforma aperta dove dodici giovani artisti attivi in Italia, tra le voci emergenti più interessanti e innovative del panorama internazionale contemporaneo, esporranno opere pensate per fondersi con lo spazio circostante e favorire il coinvolgimento dei visitatori. Artisti: Alfredo Aceto, Agreements to Zinedine – ATZ, Antonello Ghezzi,Calori & Maillard, Campostabile, Giovanni Chiamenti,Alessandro Fogo, Francesco Fonassi, Valentina Furian,Raluca Andreea Hartea, Valentina Ornaghi e Claudio Prestinari, Marta Spagnoli. Curatori ospiti: Giulia Colletti, Caterina Molteni, Treti Galaxie.

MOSCAPARTNERS – Negli spazi outdoor della piscina gli allestimenti saranno curati da Valerio Castelli e MoscaPartners che presenterà le installazioni Around the water. La rivista di architettura e design svedese Rum, insieme alle scuole di design dell’Università di Belle Arti di Konstfack, Crafts and Design e Malmstens Linköping University, torneranno alla Milano Design Week negli spazi dei Bagni Misteriosi.

Un invito a scoprire i designer di domani e porre in primo piano prodotti e processi sostenibili, innovativi, interessanti e – non meno importante – belli. Rum lancerà anche la sua nuova edizione internazionale in inglese, un repertorio di 300 pagine dedicate all’architettura e al design, visto da una prospettiva scandinava.Le cabine dei Bagni Misteriosi diventeranno delle vere e proprie sale espositive in cui sei aziende svedesi presenteranno un prodotto iconico della loro produzione. Inoltre viene proposta la mostra Eros il cui approfondimento esplora i lavori del workshop degli studenti della scuole del design del Politecnico di Milano condotto da Michele de Lucchi, Francesca Balena Arista e Mario Greco. EspositoriRum, Konstfack University of Crafts, Arts and Design di Stoccolma e della Malmstens Linköping University di Lidingö, Scuola del Design del Politecnico di Milano condotto da Michele De Lucchi, Francesca Balena Arista e Mario GrecoBrand coinvolti nell’allestimento delle cabine sono: Materia, Ogeborg, Dahl Agenturer, Nola Industries, Fogia, Holmquist design. Lampade Magneto (design di Giulio Iacchetti) di Foscarini.Partner del progetto: Swedish Wood, Glänta Design – Outdoor and furniture e Exercise Equipment and JCS Snickeri.Regista performance sarà Fabio Chersitch.

La location sarà la piscina e Stecca dei Bagni Misteriosi, Foyer alto e sala AcomeA del Teatro Franco Parenti.

 

DENTRO IL TEATRO – La Galleria Blanchaert ha curato gli allestimenti dei vari spazi interni al teatro, presentando le installazioni raccolte sotto il titolo Riflessioni Riflesse. Otto designers/artisti si esprimeranno attraverso l’uso di diversi materiali, il vetro in particolare, all’insegna della qualità e della ricerca, con grande attenzione sia ai processi tradizionali che all’innovazione tecnologica. Temi d’ispirazione saranno l’acqua, la trasparenza, lo specchio e la loro interazione dinamica con l’ambiente. Sarà presente anche un focus sul genio di Leonardo da Vinci, in occasione dei cinquecento anni dalla sua morte. Artisti/DesignersSimone Crestani, Silvia Finiels, Pietro Follini, Raoul Gilioli, Sedicente Moradi, Joanna Louca, Omri Revesz, Maria Grazia Rosi.

 

IL QUARTIERE – Quattordici realtà nella zona tra Piazza Medaglie d’Oro e Corso di Porta Vittoria hanno accolto con entusiasmo l’iniziativa del Teatro Franco Parenti, aprendo i propri spazi a installazioni, mostre e eventi all’insegna dell’arte e del design.Esposizioni e eventi intorno al Quartier Generale Plinio il Giovane Showroom via Cernuschi 1Il Cineminovia Seneca 6Vaziliki Kouzinavia Clusone 6Zucchetti. Kos Showroomvia Tiraboschi 6Flouvia Regina Margherita 10/12Galleria Nicola Quadrivia Pier Lombardo 30Il Giardino Incantato Galleryvia Montenero 68Galleria Francesco ZanusoCorso di porta Vigentina 26C|E Contemporary via Tiraboschi 2/76La Città del SoleCorso Lodi 2Seganti Arredavia Papi 12Giardino delle culturevia Emilio Morosini 8Casa privata di Alberto Mugnainivia Burlamacchi 6Casa privata di Rossella RossiPiazza Medaglie d’Oro 1



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Vip House - 06/04/2018

Margherita Zanatta: “La casa è come un abito”

Ha deciso di aprirmi le porte di casa e non è stato difficile convincerla perché Margherita Zannat [...]

Leisure - 25/10/2018

Il Blue Note Off sbarca a WinCity

Continua la collaborazione tra Blue Note, la celebre catena di Jazz Club internazionali che a Milano [...]

Society - 28/02/2017

Lorena Baricalla, tre stili per un’icona di eleganza

C'è una star dei party di Montecarlo di cui vogliamo parlarvi oggi. Si chiama Lorena Baricalla è u [...]

Top