Magazine - Fine Living People
Design of desire

Design of desire - 17/11/2018

L’infinito di Kusama a Firenze

A 90 anni l'artista vive in un manicomio con di fronte il suo atelier. Una vita consacrata all'arte.

Tormento, ispirazione e arte: queste le tre fasi della vita di una grande giapponese, Yayoi Kusama, che probabilmente anche mentre scriviamo vive ancora intensamente tutte e tre. Fasi che ripropongono il mistero della creazione e del gesto artistico, oggetto di una bio-pic Kusama: Infinity di Heather Lenz (USA, 2018), un omaggio dedicato alla novantenne artista giapponese, una delle figure più celebri della scena contemporanea mondiale.

Dal 1977 vive per sua scelta nell’ospedale psichiatrico Seiwa – fin da piccola soffre di allucinazioni, manie ossessive-compulsive e depressione – ma dipinge quasi quotidianamente nel suo studio a Shinjuku a Tokyo. Il documentario si sviluppa tra le interviste agli amici, ai collaboratori, agli studiosi e colleghi del mondo dell’arte, e contiene numerosi estratti dal suo diario e dalle sue lettere, comprese quelle che da giovanissima inviò alla grande artista americana Georgia O’Keeffe.

 

STORIA – Nel 1958, una giovanissima artista giapponese si trasferì a New York dopo aver scritto a Georgia O’Keeffe per esprimere ammirazione e cercare indicazioni su come entrare nella scena artistica newyorkese. Miracolosamente, O’Keeffe rispose e Yayoi Kusama lasciò così ciò che considerava la cultura conformista del Giappone per tentare di affermarsi nella Grande Mela.

Questa storia è uno dei punti di partenza del film “Infinity” Yayoi Kusama già uscito in America in estate con buon riscontro al botteghino e presentato a «Lo Schermo Dell’Arte Film Festival» di Firenze, in programma fino al 18 novembre 2018.

Ispirate dalla rivoluzione politica e sociale americana degli anni ’60, le innovazioni avanguardistiche di Kusama hanno guadagnato notorietà. L’artista è pioniera di audaci ed inedite sculture morbide, protagonista di proteste da nuda contro la guerra in Vietnam e ideatrice di abbaglianti e fantasiose creazioni a pois.



Society - 31/01/2019

Il rap e la street art spiegata ai bambini

"Chiedi chi erano i Beatles" cantavano gli Stadio nel 1984. E oggi? Chi erano i rapper che hanno dat [...]

Society - 26/09/2018

Antonelli Firenze ha aperto a Milano con Carlo Cracco

Grande evento a Milano per l'apertura della prima boutique Antonelli Firenze in corso venezia 12 nel [...]

Trends - 28/12/2016

Mal d’amore, lo psicoterapeuta dice: “Cambiate gli schemi relazionali”

Può uno psicologo dell'amore essere richiesto e corteggiato dai media come una star? A Roberto Cava [...]

Top