Magazine - Fine Living People
Design of desire

Design of desire - 20/02/2017

Simone Fattal a New York porta l’arte della memoria

L'artista alla Kaufmann Repetto dopo la mostra di Milano, sbarca in America per la prima personale. Abbiamo seguito la sua evoluzione.

Kaufmann Repetto a New York presenta la produzione di Simone Fattal. Una mostra che è il secondo solo-show dell’artista dopo il debutto a Milano.

Per il primo passaggio americano, l’artista ha scelto di mostrare le conversazioni naturali e innate senza tempo tra l’organico e lo spirituale, esprimendo così la sua interpretazione della creazione.

Sono degli oggetti d’arte che richiamano forme ancestrali e lavori di memoria, spesso di memoria collettiva di ogni individuo. Una scultura primitiva ma ricercata, che diventa totem da adorare nella sua accezione divina, ma sempre umana nel processo di creatività. Molto emotiva l’arte di Fattal, con la creta che non cela la sua origine terrestre. Un materiale che l’artista usa anche come allegoria di identificazione al mito, alla storia, alla costante tensione dell’umano al divino nella nostra storia.

La scultrice di Damasco, cresciuto in Libano, una volta uscito dalla Sorbonne di Parigi si è radicato in California e ha fondato la PostApollo Press, un’azienda editoriale che si è specializzata nella letteratura sperimentale. Forte il legame con i curatori italiani. Fattal ha presentato per la sezione araba del New Museum di Manhattan, dei suoi pezzi per la mostra Here and Elsewhere, curata da Massimiliano Gioni. Recentemente è stata con Nel Mezzo del Mezzo al Museo d’Arte Contemporanea di Palermo (2016); e ha realizzato Take me, I’m yours curated by Hans-Ulrich Obrist e Chiara Parisi al Monnaie di Paris (2015).

Dal 23 febbraio a New York, Kaufmann Repetto

535 west 22nd street.

 

Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Design of desire - 19/04/2017

La casa di Moooi si diversifica tra spazi pubblici e vizi privati

L'atmosfera che si respira ogni volta che si varca la soglia dello spazio Moooi al Fuorisalone di Mi [...]

Luxury - 31/03/2016

Sfioro, il gioiello d’artista alla Galleria Sozzani

Sfioro è una mostra collettiva di gioielli in visione (e in vendita) alla Galleria Carla Sozzani in [...]

Design of desire - 10/07/2017

Ced Pakusevskij, il designer serbo che innalza lo standard della grafica in Italia

Ced Pakusevskij mi riceve nel suo studio milanese, un loft sospeso tra i palazzi di zona Ripamonti, [...]

Top