Magazine - Fine Living People
Design of desire

Design of desire - 22/09/2018

V&A Dundee, il primo museo di design della Scozia

Contrariamente a quanto si possa pensare, a Dundee, nel cuore pulsante della Scozia, c’è da anni una grande comunità artistica e di design. Tanto rappresentativa da meritare la costruzione di un innovativo e gigantesco museo. Se si considera che questa destinazione ha la prima “dependance” fuori Londra del glorioso marchio V&A (Victoria and Albert) la circostanza ha dell’eccezionale.
Il progetto V&A Dundee, aperto al pubblico lo scorso 15 settembre, è frutto di un impiego di un miliardo di sterline per cambiare in 30 anni tutta la zona marittima della città.
Dundee è una delle 4 maggiori città scozzesi ed è conosciuta come la città della scoperta. Ha un vascello che veniva usato per le esplorazioni con un museo costruito intorno, ha visto la partenza dell’industria biomedica britannica negli anni 80 e ora ha un forte legame con lo sviluppo del digital entertainment. Del design e dell’estetica parlano le sue tradizioni di manufatti e soprattutto di filati.
Lo scopo di installare un museo faraonico qui, in un centro urbano di soli 150mila abitanti, è quello di esaltare queste eredità creative in un solo luogo.

V&A Dundee è stato progettato dal pluripremiato architetto giapponese Kengo Kuma e lo stesso edificio a tre livelli è un testamento di design all’avanguardia. Le gallerie interne possono ospitare fino a 300 mostre prese dalle collezioni di design scozzese da pubblico e privato.

Si tratta del primo edificio di Kuma nel Regno Unito, un “salotto per la città” – e un modo per ricongiungere la città al suo storico lungofiume del fiume Tay.

Cuore del museo è la stanza di quercia di Charles Rennie Mackintosh, architetto, designer e pittore scozzese esponente del celebre Glasgow movement nei primi anni del Novecento.

Grazie a un restauro mirabile e alla partnership tra V&A Dundee, Glasgow Museums e Dundee City Council ora è visibile a tutti dopo un oblio di 50 anni.
La prima mostra che ha lanciato il museo questo mese è invece l’interessante Ocean Liners: Speed and Style, organizzata con il Peabody Essex Museum di Salem, nel Massachusetts, (USA) che espolora il design dei transatlantici e di come hanno creato impatto indelebile sulla cultura popolare mondiale.
All’interno della struttura anche una commissione dell’artista londinese Ciara Phillips, la prima esperienza visiva per i visitatori al loro arrivo al museo.


Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Travel - 03/07/2017

Armenia destinazione dell’anima, ecco cosa vedere

L'Armenia, il Paese euroasiatico nel Caucaso meridionale, è una delle mete emergenti per il turismo [...]

Luxury - 09/11/2016

Dentro la Torre Odeon, il grattacielo più alto di Montecarlo

La Torre Odeon (in francese Tour Odéon) racchiude in se tutti i sogni probiti della grandeur monega [...]

Leisure - 15/03/2017

Di Casa In Casa, passeggiata storica tra le dimore artistiche di Milano

“Di Casa in Casa” è la nuova iniziativa realizzata dalle quattro Case museo di Milano – Casa [...]

Top