Magazine - Fine Living People
Fashion

Fashion - 02/07/2016

Berlin Fashion Week, la moda cerca una strada tecno

Il casual chic e lo street style domina la settimana della moda tedesca.

Alla Mercedez Benz Berlin Fashion Week per la prossima estate 2017, gli stilisti hanno svelato trend e ossessioni tecnologiche. Emergono dalle catwalk tedesche desideri casual chic e street style per la donna vestita dai creativi del nord. Ma c’è anche chi come l’olandese Erik Frenken per Avelon lancia iniziative “Fashion Fusion”: promozione di giovani talenti che includono la tecnologia nella moda per creare concetti visionari da incorporare nei prodotti di lifestyle contemporanei.

Katharina Buczek

Katharina Buczek, vincitrice dell’European Fashion Fash Award.

A curare la sezione della mostra Fashion Fusion è Lisa Lang di ElektroCouture, una casa di moda che porta ritrovati tecno nella fase creativa del design, che dice che “la moda è a un punto molto proficuo, dove si è capito che lavorare con la tecnologia apre nuove porte e tutto diventa possibile”. Questo sembra l’imperativo dei 30 e passa fashion show berlinesi, che hanno mostrato un’iniezione di vitalità proprio dai ritrovati della Silicon Valley.

Forse dovremo imparare da Berlino: l’attenzione ai ritrovati smart, alla sostenibilità delle creazioni che riescono ad arricchirci nel quotidiano, qui sono molto centrali.

Anja Gockel, emersa ad Amburgo e poi passata alla londinese Central St. Martins fashion school, ha portato l’elemento politico indispensabile di questi tempi (bandiere di paesi al polso delle modelle) e molto interesse hanno suscitato le altre occasioni socio-modaiole collaterali come Green Showroom (la fiera del design eco) ed Ethical Fashion (che espone tutti i marchi etici).

Ma è sempre la tecnologia a primeggiare da queste parti. Alla stazione metro di Friedrichstraße sono in display per tutti i primi fashion film tedeschi della storia sui digital poster. Si tratta di proiezioni di mini-movie di emergenti selezionati, una sorta di eredità del Berlin Fashion Festival appena concluso che sta diventando un riferimento per i film maker di tutto il mondo in quanto a tendenze visive.

L’altro cardine della Berlin Fashion Week è l’attenzione agli stilisti emergenti. Quest’anno lo European Fashion Award FASH (200mila euro e campagna PR gratis) è andato a Katharina Buczek, premiata in una cerimonia sontuosa nel cortile greco disegnato da David Chipperfield all’interno del Neues Museum. Katharina Buczek aveva portato una collezione di capi asimmetrici e contrasti per l’uomo contemporaneo un po’ irreale e molto poco classico, dove azzarda work wear accostato a giacche e capi sintetici.

Allo store Quadrat invece si sono visti per il secondo anno consecutivo i creativi polacchi, di tutte le categorie. Per i gioielli, Anna Orska si fa ricordare per le forme astratte e fascianti delle sue creazioni multimateriali. Berlino accoglie sempre bene i vicini polacchi. Dawid Tomaszewski, ora supportato dal marchio Swarovski, è uno dei trionfatori di questa stagione, con una sfilata che ha omaggiato i Blondie dei tardi anni 70 (anche nelle acconciature).

Per info su calendario e stilisti qui



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Travel - 02/08/2017

Soneva Fushi, lusso è la libertà delle Maldive

Soneva Fushi è la destinazione vacanziera che tutti sognano quando ci si immagina il lusso immerso [...]

Leisure - 30/07/2017

Ali Hassoun crea un crossover per Volterra Jazz

Ali  Hassoun è un artista nato  a  Sidone  (Libano)  nel  1964 e dal 1982  si è trasferito [...]

Society - 08/06/2017

Petra Loreggian: “ZuArt a NoLo, la festa degli artisti urban contro il degrado”

Un museo a cielo aperto per combattere il degrado e l'incuria. A idearlo a Milano è Petra Loreggian [...]

Top