Magazine - Fine Living People
Fashion

Fashion - 29/05/2018

Cettina Bucca, per l’inverno la donna è color castagna

La collezione “Dreaming in the woods” per la designer siciliana è una ripresa del valore simbiotico tra genere umano e natura. Con accenni steineriani.

La natura, i colori della Sicilia e il calore dell’autunno nelle stampe eccentriche retro sono il fulcro della proposte invernale 2018-19 del brand Cettina Bucca.
Il marchio nato nel 2010 a Milazzo come Atelier di abiti sartoriali su misura per trasformarsi in breve tempo in un’emozionante avventura nel mondo della moda Made in Italy, è frutto dell’estro creativo di Cettina Bucca, con successo transitata da un passato da biologa a un presente e futuro da fashion
designer. La stilista usa nelle sue collezioni colori e contrasti, dove piante e fiori dei campi primaverili siciliani diventano materia viva per stampe e texture.
I suoi capi sartoriali esaltano la percezione delle forme, le sensazioni tattili, il movimento impalpabile del corpo e che prendono spunto dalla filosofia steineriana dove tutto si esprime attraverso il colore veicolato dall’acqua. Il brand si lascia catturare anche della vibrazioni derivate dalla floriterapia che utilizza gli effetti che taluni fiori, con i loro colori e le caratteristiche strutturali e comportamentali, hanno sulla nostra parte più profonda: l’anima.
Ciò che ne deriva è una sensualità sussurrata fatta di abiti che non risentono della stagionalità, pronti a diventare un continuum tra i colori, emozioni e i cinque elementi della terra.
La collezione “Dreaming in the woods” autunno-inverno 2018-19 rivisita il concetto di simbiosi tra uomo e natura, conferendogli un aspetto visionario e armonioso.
L’albero rappresenta la vita, la natura si ciba di luce e calore da cui prendono vita le stampe della
collezione. Le forme sono femminili, morbide, talvolta over ma sempre strette in vita con lunghezze avvolgenti alla caviglia o al polpaccio.
Pure lane, sete, velluti di seta, sete/cotoni si adattano perfettamente alle linee femminili ed eleganti della collezione. I sintetici sono PVC la similpelle, per diversificare i capi e creare contrasto con gli quelli composti da tessuti in fibre naturali.
I dettagli sono ricercati e molto curati, talvolta si combinano lane super lavorate, pellicce e PVC per dar vita a tessuti unici e speciali, arricchiti da passamanerie inusuali, velluti e cinture con tessuti double-face. Il capo icona della stagione è fatto con un tessuto in lana bouclè di maglia kent, sul quale è stato ricamato un albero e le sue fronde. Le stampe e i colori si rifanno sempre a un’ispirazione naturale, con un particolare riferimento alle linee di alberi e foglie, ma anche alle tonalità floreali. Partendo dal verde, la palette cromatica si estende fino a toccare punte di rosa, marrone, e color mattone tipico della terra
su cui tutto nasce e si estende.


Society - 02/05/2016

Speciale MIA / Fotografia d’arte, le nostre sette scoperte

Al MIA Photo Fair di Milano abbiamo scoperto artisti di ogni provenienza che nel loro campo stanno s [...]

Trends - 18/06/2018

Sondaggio su internet: fa paura il “digital divide”

Il digital divide è l'aspetto dell'avanzata di internet che fa più paura agli italiani. Gli italia [...]

Travel - 04/09/2018

Rocco Forte rileva masseria in Puglia. Nuovo hotel di lusso nel 2019

Rocco Forte Hotels conferma l'interesse per l'Italia nel proprio scacchiere strategico e annuncia il [...]

Top