Magazine - Fine Living People
Fashion

Fashion - 25/09/2018

D. Exterior, la moda di Brescia che reinventa i capi iconici

Per il marchio di Nadia Zanola, nella collezione 2019, la solidità della pietra incontra la lucentezza dei minerali e la contemporaneità delle leghe metalliche.

Da un maglificio di provincia alle passerelle milanesi. D. Exterior è l’ultima avventura di una parabola di italianità e stile che si è affermata solamente e unicamente per la qualità della proposta della sua moda. Quella di D.Exterior è una storia lunga che ha origine a Brescia verso la fine degli anni 50 quando i costumi da bagno erano in maglia,
tali da lasciare molto spazio all’immaginazione. Il piccolo laboratorio allora si chiamava Maglificio Nadia in onore di quella bambina che sarebbe diventata l’anima e la mente creativa del brand D.Exterior e della sua produzione di altissima qualità.
Nadia è un mix di grande passione, di studio scrupoloso del prodotto e di un’assoluta ded
izione alla suacreatura. E l’eccellenza la si è vista anche dalle re-interpretazioni di alcuni capi iconici sepolti nella memoria collettiva di tutti nell’ultima sfilata alla Milano Fashion Week per i look dell’estate 2019.
Tuttora l’artigianalità delle lavorazioni di tutti i capi di maglieria, che rappresentano la chiave del brand, utilizza la
manodopera italiana altamente qualificata.
Ogni capo viene smacchinato, confezionato, lavato e tagliato a mano, uno per uno, nella ricerca della più assoluta perfezione e ogni lavorazione e fase produttiva viene attentamente controllata dalle sue scrupolose
collaboratrici.
Così Nadia Zanola è riuscita a conquistare il pubblico femminile realizzando un abbigliamento di altissima qualità ideato pensando ai desideri, allo stile e ai profili dei propri clienti.
Nella collezione 2019, la solidità della pietra incontra la lucentezza dei minerali e la contemporaneità
delle leghe metalliche.
Nuances e materiali colpiscono:  diverse tonalità di grigio freddo fanno da sfondo alle lavorazioni e ai tessuti scozzesi di lino, mentre la femminilità pura ed elegante dei colori pastello dà vita a lavorazioni tridimensionali, al jeans e ai cotoni enzimati.
Le sfumature si fanno poi più accese nelle stampe e nelle sete, passando dal cobalto, all’iris fino al limone, dove i fiori vengono proposti in tutte le loro gradazioni.
Punta della collezione sono le righe, interpretate nei plissé colorati e uniti, alternando fili pieni a lurex luminosi. Righe
e lamine caratterizzano anche i popeline, donando nuova freschezza al mood quotidiano. Lo sportswear diventa raffinato grazie ai dettagli “active” che caratterizzano il pizzo macramè e alle lamine che arricchiscono felpe e pantaloni joggings, alternate a superfici trasparenti e craquelé.
La maglieria è brillante eleggera: le superfici appaiono lucide e laccate grazie ai nuovi finissaggi.
Le trasparenze in maglia e in tessuto diventano preziosi ricami da indossare con raffinata eleganza. I volumi si fanno più ampi per le camicie e per le maniche che diventano i must.
Capelli: Cristian Sinopoli per Compagnia della Bellezza
MAKE UP: Prolab Academy
SOCKS: Bram

 

Fotoservizio di Andrea Benedetto



Leisure - 02/03/2017

Questi robot di Transformers Art sono dei giganti del riciclo fatto ad arte

Arriva a Milano la Transformers Art, ovvero dei giganti mostruosi con le sembianze di robot che [...]

Luxury - 03/10/2018

Jeff Koons, leggenda dell’arte vivente con i suoi Balloon

Che sia nel salotto di casa o a bordo di uno yacht extra-lusso, le icone di Jeff Koons si prestano a [...]

Trends - 13/09/2018

Fashion e design, ecco le chance non sfruttate dell’Italia all’estero

La data company 3rdPLACE ha realizzato una ricerca per stabilire quali e quante opportunità dalle a [...]

Top