Magazine - Fine Living People
Fashion

Fashion - 11/01/2018

Da Palazzo Pitti arrivano “Tracce” di moda e costume

In esposizione a Firenze le opere d'arte che hanno ispirato gli stilisti. Con una sola visita ci si immerge in due mondi.

Mila Schön Abito da sera 1966-67 Cady di seta ricamato con perline dorate e grigio antracite Dono Chiara Boni Provenienza Maria Teresa Masetti Fedi

Mila Schön – Abito da sera, 1966-67 – Cady di seta ricamato con perline dorate e grigio antracite, Dono Chiara Boni, Provenienza Maria Teresa Masetti Fedi.

L’arte ispira la moda e a Firenze, con una sola visita ci si immerge in due mondi. Nel Museo della Moda e del Costume si può ammirare il confronto in una nuova mostra/allestimento, curata da Caterina Chiarelli, Simonella Condemi e Tommaso Lagattolla con il coinvolgimento diretto della Galleria di arte moderna di Palazzo Pitti.

Pezzi pregiati come dipinti e sculture inseriti nel percorso espositivo arrivano propro da lì ed è un’occasione insolita: ci sono in evidenza le corrispondenze tra le creazioni di stilisti-artisti e artisti-couturiers  operosi dagli anni Trenta del Ventesimo secolo fino ai giorni nostri, sottolineando i diversi linguaggi che si sono avvicendati. Un periodo denso di grandi rivolgimenti dei codici estetici e figurativi.

Il titolo scelto fa subito avvertire la novità del metodo: “Tracce. Dialoghi ad arte” con 107 tra abiti, accessori, dipinti e sculture spesso con la loro stessa immagine riflessa negli specchi che caratterizzano l’allestimento, creando un suggestivo e coinvolgente effetto di dilatazione degli spazi, di replica delle linee e dei colori degli abiti, oltre che di amplificazione delle luci che ne esaltano le forme.

La presentazione degli abiti e delle opere d’arte non è precisamente cronologica, perché vuole essere un invito ad una loro diversa lettura, che privilegi le corrispondenze formali, oltre ad evidenziare analogie di ambito culturale. Si è ricercata quindi una corrispondenza di segni e decori fra i capi stessi e tra questi e i dipinti e le sculture esposte nelle varie sezioni.

In questa stessa occasione verrà presentato alla stampa anche il nuovo deposito degli abiti e del tessile della vasta collezione del Museo della Moda e del Costume, che si trova sempre a Palazzo Pitti, nella nuova ala adiacente al primo deposito.

“L’occasione della presentazione del nuovo deposito per la custodia delle collezioni di moda – dichiara Andrea Cavicchi, Presidente del Centro di Firenze della Moda Italiana e della Fondazione Pitti Immagine Discovery – è un passaggio fondamentale nel percorso di collaborazione tra CFMI, Pitti Immagine e Fondazione Pitti Discovery, con le Gallerie degli Uffizi. In questi due anni di lavoro insieme, oltre ad aver realizzato la mostra monografica di Karl Lagerfeld e il Museo effimero della Moda, curata da Olivier Saillard, abbiamo lavorato alla creazione di una struttura permanente per la conservazione e la valorizzazione della Moda contemporanea”.

Il direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt afferma che “i nuovi depositi, realizzati con il contributo finanziario del Centro Fiorentino per la Moda Italiana, di Pitti Immagine e della Fondazione Pitti Discovery, dal punto di vista tecnologico sono assolutamente all’altezza di quelli degli altri grandi musei della moda al mondo. E sono un’ennesima prova che la tutela e la diffusione della cultura traggono immenso beneficio dall’aprirsi dei musei ad altre realtà: la collaborazione delle Gallerie degli Uffizi con l’ambiente produttivo delle aziende toscane, e di queste in particolare, ha portato novità e idee in città, ma anche risultati pratici evidenti, tra i quali i nuovi depositi. Ciascuna entità trae spinta dall’altra, in un dialogo fattivo e utile per tutti, così come nella mostra Tracce ogni oggetto viene valorizzato dal confronto intelligente – e spesso inaspettato – con  le altre opere”.

Christian Louboutin Scarpe modello Bridget’s Back spiker Autunno-Inverno 2011 Pelle dorata con applicazioni di strass e punte di metallo Dono Christian Louboutin

Christian Louboutin Scarpe modello Bridget’s Back spiker Autunno-Inverno 2011 Pelle dorata con applicazioni di strass e punte di metallo. Dono Christian Louboutin.

L’esposizione, promossa dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e dalle Gallerie degli Uffizi con Firenze Musei, è corredata da un percorso virtuale accessibile nella sezione IperVisioni del sito web delle Gallerie degli Uffizi all’indirizzo www.uffizi.it.

Foto d’apertura: Gianfranco Ferré per Dior Couture Abito da sera Collezione “Au vent léger d’un été” Primavera-Estate 1992 – Organza di seta e raso. Dono Cecilia Matteucci Lavarini



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Fashion - 22/09/2016

Angelo Marani sogna la Los Angeles degli anni 70

Angelo Marani ci porta Los Angeles negli anni 70 e ci fa un bel regalo visivo con la collezione Los [...]

Design of desire - 15/04/2018

Umberto Riva e Giacomo Moor alla Fonderia di Milano

La doppia presentazione di Umberto Riva e Giacomo Moor, in occasione del Salone del Mobile 2018 pres [...]

Leisure - 28/03/2018

Le sculture di Carlo Ramous a Malpensa

Chi ci è passato ultimamente l'avrà sicuramente notata. L'installazione d'arte voluta da SEA a La [...]

Top