Magazine - Fine Living People
Fashion

Fashion - 23/12/2018

Fashion Graduate, l’Italia che insegna moda e la sua creazione

Fashion Graduate Italia - Open fashion week per gli studenti delle scuole di moda. Abbiamo conosciuto le creazioni delle accademia da tutta la penisola.

Nell’autunno 2018 il polso della creatività giovane e delle potenzialità del mondo della moda che verrà l’abbiamo indubbiamente visto solo al Fashion Graduate. La grande manifestazione ha portato al BASE di Milano, lo spazio post industriale nel cuore del distretto della moda milanese in via Tortona, una quantità enorme di talenti e scuole di formazione e accademica della moda italiana. Eccone una carrellata.

Arsutoria School, foto di apertura di questo servizio, è l’unica scuola in una capitale della moda con un proprio laboratorio interno dove gli studenti possono realizzare i loro prototipi di scarpe e borse realizzati con l’aiuto di esperti tecnici italiani.

Alla sede milanese c’è un programma intensivo di un anno, lanciato di recente, che mira a formare una figura professionale a tutto tondo in grado di entrare in uno dei settori trainanti della moda di oggi: l’industria delle calzature.

Gli studenti affronteranno un programma completo che fornirà loro una profonda conoscenza delle competenze richieste al giorno d’oggi dal settore calzaturiero.

L’approccio al corso è molto pratico, quindi non solo gli studenti apprenderanno ogni aspetto della produzione di scarpe – dal design alla realizzazione di modelli, passando per una vasta gamma di costruzioni tecniche sia per da donna che da uomo, dagli stili casual a quelli eleganti – ma avrà anche l’opportunità di approfondire la conoscenza dei materiali.

Michele Lettieri, direttore di IUAD – Accademia della Moda

L’Accademia della Moda Iuad (Institute of Universal Art and Design) da Napoli (piazza Garibaldi) ha aperto una sede a Milano (via Copernico) proprio nel 2018. Sono aperti corsi di fashion design, illustratore, modellista industriale. Trattandosi di materie molto specifiche, l’accademia di Michele Lettieri consente agli studenti di fare una lezione di prova per orientarsi.

Del resto la storia dell’accademia è intimamente legata al successo artigianale del suo fondatore, quindi il suo percorso non può prescindere dal saper fare concreto. La sua storia parte dagli anni ’60 da un’idea del maestro sarto Domenico Lettieri a Vico Equense, vicino Sorrento, dove ammirava gli eleganti turisti stranieri che visitavano la città, avrebbe voluto essere come loro, imitarli e farsi notare.

Comincia la sua ricerca del ben vestire e degli abiti sartoriali, così inizia a lavorare in una piccola bottega. Ma, all’epoca, la sartoria era un’arte quasi segreta di cui erano custodi i vecchi sarti, che non amavano tramandare il mestiere ai ragazzi di bottega. Per fortuna i segreti della giacca napoletana sono stati tramandati:  si caratterizza per la manica “a camicia”, attaccatura “a mappina”, tasche “a barchetta”, fodera a metà o assente, profondi spacchi laterali.

Oggi c’è un metodo di modellistica brevettato da Accademia della Moda IUAD Napoli.
La chiave del metodo di modellistica dell’Accademia, usato ancora oggi, è la semplificazione. Si parte da un metodo geometrico semplificato, per renderlo più comprensibile e veloce, adatto alle esigenze di produzione. La progettazione modellistica viene ridotta alle regole indispensabili, quelle necessarie per avere libertà di movimento nel passaggio tra carta e tessuto.

 

Naba di Milano

La Nuova accademia di belle arti, acronimo NABA, è un’accademia di belle arti privata, legalmente riconosciuta dal MIUR, con sede a Milano a via Darwin. Oltre alla storica sede di Milano, capitale mondiale del design e della moda, oggi NABA è presente con una nuova sede a Roma, e ha in totale 3mila studenti provenienti da 70 paesi. Alla scuola c’è attivo un triennio di studi in Fashion Design dove si scoprono e sperimentano tutte le professioni che ruotano attorno al fashion system: dal fashion designer al modellista, dal designer di accessori al costumista per produzioni televisive e cinematografiche, dal visual merchandiser allo stylist per riviste e agenzie di comunicazione.

La Laba di Brescia: queste creazioni sono state fatte da Nadia Morella, Lucrezia Pascin, Chiara Gianchini, Anna Mencati e Perolit Marlensa.

Alla LABA di Brescia, Libera accademia di belle arti, quest’anno si è festeggiato un ulteriore riconoscimento, attribuito a Essen in Germania. Andrea Gallina, docente di Concept Design LABA, ha vinto il Red Dot Design Award, prestigiosissimo premio internazionale di design, con il suo progetto X -Smart di AMX Automatrix. L’istituto crede nel primato culturale dell’Italia e da vent’anni opera per la valorizzazione del patrimonio culturale e del Made in Italy.
Attraverso la formazione di giovani che possano essere protagonisti nei settori dell’arte, delle nuove tecnologie, della comunicazione, del design, della moda, della fotografia, del cinema e del teatro. Attraverso le scuole di Arti Visive, di Architettura d’Interni e Design della Decorazione, di Scenografia, di Nuove Tecnologie dell’Arte e di Progettazione Artistica per l’Impresa con i corsi di Fashion Design, Fotografia, Design e Graphic Design e Multimedia. LABA si qualifica come Istituto di Alta Formazione Artistica.

L’Istituo Secoli a Milano,

L’Istituto Secoli è una scuola di alta formazione nel mondo della moda che dalla sua nascita ha preparato oltre 80.000 tra i migliori professionisti del settore. Dal 1934 l’Istituto Secoli è un’eccellenza italiana nella formazione per il sistema moda. Un risultato che perseguiamo ogni giorno attraverso la trasmissione di un metodo unico del saper fare, capace di trasformare un’ottima idea in un abito perfettamente realizzato.

Dice il presidente Stefano Secoli: “La nostra proposta formativa si basa su un concetto molto semplice che proviene da un dato di fatto: il prêt-à-porter si progetta in Italia perché in Italia ci sono le condizioni e gli strumenti per realizzarlo. E la nostra scuola è il punto di riferimento in Italia e nel mondo per questa attività. Per questo motivo anche agli studenti laureati in altri Paesi noi proponiamo di imparare presso il nostro Istituto tutto il processo di progettazione della moda in Italia: dal figurino al modello base, dalla prototipia al campionario e allo sviluppo taglie. Il nostro motto è “La creatività nel campo dell’abbigliamento si esprime attraverso l’abito”.

A ottobre 2016 l’Istituto Secoli, in un’ottica di internazionalizzazione, inaugura una nuova sede a Guangzhou in Cina. Oltre ai corsi per i professionisti locali, è attivo un percorso formativo per giovani creativi che prevede la frequenza dei primi due anni nella sede di Guangzhou e il terzo nella sede centrale di Milano.

Istituto Marangoni a Milano, Firenze, Parigi, Londra, Shanghai, Mumbai.

L’Istituto Marangoni è una delle più famose fashion school del mondo. Nato negli anni 30 del Novecento a Milano come Istituto Artistico dell’Abbigliamento Marangoni, una scuola dove formare professionisti e tecnici altamente specializzati per il mondo della moda. Nei suoi anni di vita, l’Istituto Marangoni non ha mai smesso di credere nel valore della formazione, aggiornando costantemente i propri programmi di studio per renderli sempre più aderenti all’evoluzione del gusto e del mercato italiano, ma anche internazionale. Negli ultimi anni, Istituto Marangoni ha aperto nuove scuole a Londra nel 2003, a Parigi nel 2006, a Shanghai nel 2013. Istituto Marangoni ha aperto la nuova Scuola di Moda, Arte e Design a Firenze a settembre 2016 e più recentemente a Shenzhen (2016), Mumbai (2017) e Miami (2018), le capitali internazionali della moda, del design e del lusso.

Lo Iaad è l’Istituto di arte applicata e design. Nel 2018 ha festeggiato 40 anni di attività.

“40 anni IAAD: Crescita e Metamorfosi” è stato l’evento dell’anno 2018 per la scuola di creatività torinese, che si è celebrata alla Nuvola Lavazza. Iaad sta per Istituto d’arte applicata e design e ha sede a Torino e Bologna. Il 30 maggio 2018 ha ufficialmente preso il via il nuovo Dipartimento IAAD di “Innovation design”. Un board d’eccezione che già la dice lunga sulla strategia che ha portato alla sua fondazione e sui profili professionali che andrà a formare. Il Presidente di Dipartimento, Geoff Mulgan, oltre ad essere il CEO di Nesta UK gestisce una vasta gamma di attività in materia di investimenti, innovazione pratica e ricerca ed è abitualmente chiamato a fare da consigliere per svariati Governi internazionali.

 

Harim Accademia Euromediterranea: in Sicilia corsi di moda, design, gioiello e fotografia.

Harim Accademia Euromediterranea ha sede a Catania: in Sicilia porta i migliori corsi di moda, design, gioiello e fotografia. La scelta di fondare l’Accademia in quest’area nasce dalla considerazione che oggi, grazie alla globalizzazione, si può scegliere di creare e produrre ovunque. Uno dei vantaggi più importanti della sua presenza nel territorio è quello di rappresentare un luogo d’incontro, per tutti i creativi dell’area Euromediterranea, dove poter acquisire una forte professionalità, vivendo in un contesto ricco di energia, stimoli, storia e tradizione.

La Ferrari Fashion School a Milano.

La Ferrari Fashion School è una scuola di moda che prepara i nuovi protagonisti del Fashion attraverso una formazione altamente specialistica che trasferisce ai suoi studenti il “sapere” e il “saper fare”. Tra Corsi Professionali e Master: Stilista, Fashion Illustration, Fashion Stylist, Modellista, Sartoria, Fashion Photography, Modellista Cad 2D e 3D Artist.

Ha sede nel cuore del quartiere della moda, zona Tortona, in via Savona a Milano. Una scuola pensata come una vera “Azienda di Moda“: dall’Ufficio Stile dove creativi e designer lavorano in team per sviluppare e disegnare idee sempre nuove e innovative, al Laboratorio di Modellistica e Confezione, dove mani esperte e pazienti progettano e realizzano i campionari delle collezioni.

Domus Academy a Milano.

Fondata dal preminente stilista Gianfranco Ferré, la Scuola di moda di Domus Academy insegna l’arte del fashion design a Milano, l’epicentro dell’industria. Durante i workshop e stage, c’è la possibilità di collaborare a progetti con etichette, studi e aziende di moda. Qui ci sono master in Fashion Design, Fashion Management o Fashion Styling e Visual Merchandising.

Qui si pensa che lavorare su progetti del mondo reale sia il modo migliore per imparare. Ecco perché il 90% del percorso alla Domus è pratico e applicato. Si lavora su incarichi di progettazione che replicano le pratiche di progettazione professionale di oggi in un ambiente che supporta l’apprendimento e la sperimentazione.Si può imparara al fianco di eminenti designer internazionali e leader del pensiero che portano in classe il polso del mondo del design e insegnano le ultime tendenze e pratiche di design.

Cercal sorge nel cuore del distretto calzaturiero romagnolo-marchigiano. Ha sede a San Mauro Pascoli, un comune della provincia di Forlì-Cesena.

Cercal, San Mauro Pascoli (provincia di Forlì-Cesena) sta per Centro ricerca e scuola internazionale calzaturiera.

Opera dal 1984 nell’ambito della Formazione Professionale specializzata avvalendosi della collaborazione di prestigiose aziende e di professionisti che lavorano nel mondo della calzatura, della pelletteria, della moda.

CERCAL prepara figure professionali che ricoprono tutte le specializzazioni del settore con una particolare attenzione alla produzione di calzature da donna di alta qualità. Grazie alla continua ricerca e al costante aggiornamento dei contenuti dell’offerta formativa si propone come punto di riferimento e stimolo per il rinnovamento di figure professionali già inserite nel ciclo produttivo delle aziende.

Nel panorama dei corsi professionali per modellisti, stilisti, tecnici della forma e operatori specializzati, CERCAL si distingue per l’alto grado di preparazione e l’elevata qualificazione conseguita dai partecipanti.

Davvero fuori dal comune è la sinergia esistente tra CERCAL e le oltre 40 aziende consociate tra cui spiccano i maggiori punti di riferimento del made in Italy calzaturiero: Baldinini, Casadei, Gianvito Rossi, Giuseppe Zanotti, Pollini, Sergio Rossi.

La gloriosa Brera accademia di belle arti, ha a Milano anche un corso di Fashion design.

All’Accademia di Brera a Milano, anche la moda è trattata come forma artistica d’espressione. All’interno della prestigiosa istituzione c’è il corso di diploma accademico di secondo livello in Fashion Design. Che vuol dire formazione di specialisi della progettazione artistica del fashion, in grado di realizzare collezioni con una forte componente creativa. C’è la manualità e la conoscenza delle tecniche artigiane, applicate in forma espressiva e innovative.

Afol Moda, a Milano: modellismo e sartoria.

AFOL Moda, scuola pubblica di AFOL Metropolitana dedicata alla formazione post diploma nel settore moda, sta per Agenzia Metropolitana per la formazione, l’orientamento e il lavoro dedicata alla moda.

Qui c’è riferimento all’ambito progettuale, modellistico e sartoriale con didattica che coniuga lezioni teoriche con una forte esperienza pratica e di laboratori. Lo scopo è la preparazione di professionisti di alto profilo in ogni ambito della filiera produttiva del sistema moda. L’ente è tra i soci fondatori della Piattaforma Sistema Formativo Moda e mette in relazione gli studenti con la realtà produttiva milanese.

AFOL Moda sostiene e stimola lo sviluppo di una manualità sapiente e creativa, frutto di una tradizione da conservare e valorizzare, promuove e guida lo studente nello sviluppo creativo delle tecnologie visive digitali. I percorsi formativi si compongono di annualità e corsi brevi complementari: le une creano solide basi professionali nell’ambito del fashion, del modellismo, della sartoria e del prodotto; le altre completano la formazione con competenze specifiche e aggiornamenti che rispecchiano le esigenze e le tendenze più attuali del mondo del lavoro.

Accademia della moda

Accademia della Moda a Napoli e Milano.

Accademia costume e moda a Roma dal 1964.

L’Accademia di costume e moda è un ente morale legalmente riconosciuto dal MIUR, con sede a Roma, attivo nella formazione nei campi dello stilismo di moda, del costume teatrale e cinematografico, dello stilismo del gioiello, della comunicazione e del giornalismo di moda.

Con sede a Roma, alla scuola è anche sato attribuito per due volte il prestigioso premio LVMH Prize, assegnato alla Foundation Louis Vuitton a Parigi. Scylia Chevaux ha vinto il riconoscimento nel 2018 con la sua collezione di accessori “Surface” sviluppata sulla ricerca di materiali.

Partito nel 2013, LVMH Prize è stato creato con lo scopo di supportare i giovani fashion designer di tutto il mondo. Il concorso assegna due premi.

Young Fashion Designer Prize, a un designer emergente che abbia prodotto almeno 2 collezioni e abbia meno di 40 anni. Il vincitore si aggiudica 300,000 euro e un anno di supporto tecnico e finanziario dal gruppo LVMH per lanciare il proprio brand a livello internazionale.

The Graduate Prize, a tre neo laureati nell’anno in corso in una scuola di moda. I vincitori si aggiudicano 10,000 euro e l’opportunità di lavorare nel design team di uno dei brand del gruppo LVMH.



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Travel - 22/08/2018

A Bussana in Liguria l’arte ha fermato le macerie

Per arrivare a Bussana, riviera ponenete ligure sopra Sanrem, la srada dalla costa a un certo punto [...]

Society - 13/12/2017

Natale in campo, vip del calcio e Cecilia Capriotti per una buona causa

A Milano si sono raccolti 8mila euro alla terza edizione di Natale in campo, l’evento natalizio vi [...]

Design of desire - 08/10/2018

Archindependence Day, fino a fine anno ridisegna Milano

Un concorso culturale dedicato all'architettura che si presenta come una divertente cover del film [...]

Top