Magazine - Fine Living People
18/11/2018 - “Sotto la pelle del progetto” – Redesco a Bookcity Milano
Fashion

Fashion - 04/06/2018

Ferragamo, l’uomo che fece Hollywood

Non esportavamo solo moda. Ma era una cultura intera di una nazione che veniva propagandata in California con cinema, letteratura e stile.

Mentre si faceva l’Itlalia, nel cuore del Novecento, è giusto dire che alcuni italiani hanno fatto l’America. Salvatore Ferragamo, la leggenda del made in Italy quando ancora non si chiamava così, tra gli anni dal 1915 al 1927, trascorse un pezzo di vita in California, che ora diventa l’ispirazione della nuova mostra al Museo Salvatore Ferragamo al centro di Firenze.

Nel palazzo storico della griffe di moda tra le più conosciute delle italiane nel mondo, un’esposizione analizza la presenza degli italiani in quella regione e l’influenza che esercitarono in svariati settori, dall’arte all’artigianato e alla nascente industria cinematografica.

Il museo si trova nel centro storico di Firenze, nello storico Palazzo Spini Feroni, sede dell’azienda Ferragamo dal 1938.

Il percorso ha inizio con la Panama-Pacific International Exposition a San Francisco nel 1915, dove il padiglione italiano progettato da Marcello Piacentini consolida l’apprezzamento degli americani per l’arte e l’architettura del Bel Paese.

Sullo sfondo del fenomeno migratorio italiano in quelle terre e della Hollywood che si avvia a diventare la capitale mondiale del cinema, si narra di personaggi che già ai loro tempi erano circondati dall’aura del mito, come Enrico Caruso, Lina Cavalieri, Tina Modotti e Rodolfo Valentino; di film epocali quali Cabiria, Romola e Ben-Hur; dello star system; del ruolo importante che ricoprirono i musicisti italiani anche nella nascita del jazz; e dei moltissimi immigrati provenienti dall’Italia che come Salvatore Ferragamo diedero un contributo essenziale alla creazione di Hollywood.

Inaugurato nel maggio 1995, il museo è nato per iniziativa della famiglia Ferragamo con la volontà di far conoscere al pubblico di tutto il mondo le qualità artistiche di Ferragamo e il ruolo che ha ricoperto nella storia non solo della calzatura, ma anche della moda internazionale.

IL MUSEO – E visto che ci siamo vi diciamo anche di cosa si può bodere una volta arrivati al palazzo Spini Geroni di Firenze a Piazza Santa Trinita. La collezione di calzature, di cui si avvale il museo, documenta l’intero arco di attività di Salvatore Ferragamo, dal suo ritorno in Italia nel 1927 fino al 1960, anno della sua morte, ed è arricchita anche dalla produzione di calzature successiva alla morte di Salvatore Ferragamo fino ai giorni nostri.

La mostra è visibile fono al 10 marzo 2019. Per info qui



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Fashion - 20/06/2017

Ermanno Scervino prende l’ispirazione British

Non è detto che l'estate debba essere tutta Mediterranea e palme greenery per essere eleganti e tre [...]

Leisure - 11/09/2018

Alessandro Baricco a Procida per MARetica

La letteratura italiana riparte da Procida per "Ripensare l'uomo a partire dal mare" . Questo è il [...]

Fashion - 13/11/2017

Natasha Calandrino Van Kleef lancia abiti fatti con fibra di faggio

Leafdress di Natasha Calandrino Van Kleef è una creazione di abiti di moda ecosostenibili lanciati [...]

Top