Magazine - Fine Living People
Fashion

Fashion - 21/10/2017

Icona di Donna, arte al Fashion Research di Bologna

Dieci metri di altezza con i led a celebrare la creatività made in Italy. A Bologna l'innovativa esperienza immersiva.

La scultura di led Icona di Donna realizzata da Senso Immersive Experience, è l’opera simbolo e cuore del progetto Fashion Research Italy che oggi si presenta al grande pubblico negli spazi completamente rinnovati di via del Fonditore 12 a Bologna

Una scultura di luce fortemente voluta da Alberto Masotti, ex patron del gruppo fashion La Perla, che veicola valori e mission della Fondazione FRI, nata per celebrare la moda e l’innovazione Made in Italy in un’ottica formativa e aggregativa. Un tributo alla femminilità e al forte legame che unisce la donna e la moda, concetto universale che annulla ogni barriera culturale e linguistica.

 

Tecnologie avanzate, design e innovazione si fondono in un’installazione che punta a coinvolgere i sensi attraverso le suggestioni visive e sonore di un abito digitale che veste la sinuosa silhouette della statua LED.

Un tessuto di luce che evoca lo scintillio dei diamanti, ottenuto grazie ai 21.120 LED che compongono la Icona di Donna, che racconta in chiave creativa il patrimonio archivistico di oltre 30.000 disegni di textile design raccolti all’interno del Fondo Renzo Brandone acquistato dalla Fondazione nel 2015 da un ex converter di Milano, catalogato e digitalizzato.

Tra le più grandi sculture LED a figura umana al mondo, Icona di Donna supera i dieci metri di altezza. Ha in sé l’anima artistica di Senso Immersive Experience, lo studio creativo che fa capo al talentuoso Mick Odelli, specializzato in Immersive Storytelling e nella creazione di esperienze immersive e interattive ad alto contenuto emozionale.

Il progetto è volto alla valorizzazione dell’Innovazione Made in Italy e alla preservazione del Fashion Heritage. A questo si affianca il Modulo in Immersive Storytelling for Fashion, tenuto dall’ambassador e academy trainer di Senso Andrea Gion, esperto in architettura immersiva e già docente allo IUAV di Venezia e presso le Università di Padova e Ferrara.  Tra i primi in Italia, Immersive Storytelling for Fashion si inserisce all’interno del piano di studi del corso di alta formazione Architettura per la moda, in partenza a novembre. Un percorso didattico che nasce con l’obiettivo di formare progettisti in grado di interpretare un brand e mediarlo nello spazio architettonico, deputato a rappresentarlo.

“Siamo entusiasti di poter prendere parte alla mission di Fashion Research Italy, con il nostro contributo” afferma Mick Odelli dell’azienda innovativa fondata nel 2015 da Mick Odelli, che ha riunito know-how differenti nell’ambito dei media immersivi, delle nuove tecnologie, del design e della progettazione architettonica. “Immersive Storytelling for Fashion esprime la nostra idea di una formazione che sia prima di tutto esperienziale. In cui l’azione integra la teoria, il lavoro si fa di squadra e la comunicazione diventa interazione. Esperienza ma anche e soprattutto creatività. Quella creatività su cui si basano progetti visionari come Icona di Donna e che speriamo stimolerà gli studenti a vedere il mondo e ad immaginare la propria professione, con occhi diversi.”

Senso crea e realizza esperienze immersive e interattive customizzabili, prodotti di visualizzazione brevettati e sistemi integrati. Fornendo soluzioni di Immersive Storytelling, Senso aiuta i brand ad attrarre nuovi clienti con l’innovazione, creare associazioni di marca e a comunicare suscitando emozioni uniche.

www.sensoimmersive.com

Fashion Research Italy (FRI) è una Fondazione no-profit, centro didattico e di innovazione, polo espositivo e archivistico, dedicato alla valorizzazione di un settore chiave del sistema economico-produttivo: la moda.

www.fashionresearchitaly.org



Design of desire - 06/11/2017

Slamp adorna il gala del Maxxi

L'Acquisition Gala Dinner in programma al museo Maxxi di Roma il 13 novembre, avrà luce tutta nuova [...]

Travel - 27/01/2017

Aarhus capitale della cultura: c’è del buono in Danimarca

Altro che "rotten" (marcio), come diceva Amleto. Aarhus Capitale Europea della Cultura del 2017 [...]

Society - 21/06/2018

A Torino nel bistrot di Cannavacciuolo

Nel cuore di Torino, alle spalle della celebre Chiesa della Grande Madre di Dio, il Cannavacciuolo B [...]

Top