Magazine - Fine Living People
Fashion

Fashion - 15/01/2017

Il gentleman di Ferutdin Zakirov sceglie l’eleganza dandy

Nella collezione invernale creata da Mario Chiarenza riferimenti al cinema italiano e i club esclusivi inglesi.

Le icone dell’eleganza del marchio Ferutdin Zakirov sono i personaggi che vestono la tradizione sartoriale british e il fascino dell’italianità tipica di Marcello Mastroianni.

La collezione autunno/inverno 2017/18 di Ferutdin Zakirov è un trionfo di filati preziosi, lavorazioni d’eccellenza e dettagli di stile, eleganza dandy con cui Edoardo VIII ha riscritto i canoni della moda maschile inglese.

Ferutdin Zakirov The Way Magazine

Ferutdin Zakirov ha presentato per l’inverno 2017/2018 dei filati preziosi e lavorati finemente.

I signori diventano gentlemanager che alternano occasioni di business e appuntamenti mondani. Un immaginario denso di citazioni e vezzi stilistici, con l’esclusività del made in Italy del brand che si affida ai maestri artigiani che realizzano le creazioni dello stilista italiano Mario Chiarenza.

Ferutdin Zakirov infatti nasce a Taškent (capitale dell’Uzbekistan) nel 1967 da una famiglia molto in vista di politici e accademici e ha il viaggio nel suo dna. Da quando ha debuttato a Milano un anno fa, spazia da Savile Row alle atmosfere della Dolce Vita, ma esplora anche il relax elegante tipico dei club londinesi con qualche riferimento gentry, si racconta nei toni sofisticati del marrone, dal cioccolato al cammello, con alcune nuance da combinare alle proposte di grigio.

Ferutdin Zakirov The Way Magazine

Ferutdin Zakirov, il logo da ricercare nei damascati delle giacche.

Eccentrici e decisamente sontuosi, i toni del bordeaux, del ciliegia e, in alcuni casi, del rosso e del mandarino si inseriscono con naturale disinvoltura nelle proposte della collezione. Giacche e abiti, da scegliere anche nei tessuti più preziosi, pull sportivi e maglie sottili fanno conoscere alle coloriture grigie e a quelle marroni una nuova vitalità. La sera continua a essere protagonista dell’uomo Ferutdin Zakirov con gli intramontabili smoking, a cui sono concesse piccole e raffinate libertà stilistiche.

La sartorialità, che definisce la costruzione dei capi e la purezza delle forme, è esaltata dalla scelta di tessuti importanti che privilegiano le più sofisticate lavorazioni. Le texture sono mosse, a tratti tridimensionali, e le disegnature sono appena percepite grazie a raffinate lavorazioni dei filati ton sur ton. Delicate agugliature, tessiture jacquard, motivi pied de poule, interventi tessili a contrasto, sorprendenti tessuti double creano una composizione complessa ma di grande armonia, che si declina in molte personalità, tenute insieme da una forte identità creativa.

Ferutdin Zakirov The Way Magazine

Ferutdin Zakirov sfila a Milano dal gennaio 2016.

I tessuti e i filati, scelti con criteri di eccellenza qualitativa, spaziano dalla purezza della lana alla leggerezza del cashmere, dall’impalpabilità della seta alla mano soffice dell’alpaca. I ricami e i velluti calandrati impreziosiscono le proposte formali e le calzature più eleganti. Le lavorazioni e le finiture della tradizione tessile sfidano le frontiere dell’innovazione con materiali antipioggia, per restituire capi pratici ed eleganti.

Proposta nei vari pesi, la maglieria si declina in polo sottogiacca, maglie fantasia e avvolgenti pull per il tempo libero, realizzati con soffici filati oversize.

Ferutdin Zakirov Richiama i classici dell'eleganza (foto: The Way Magazine)

Ferutdin Zakirov Richiama i classici dell’eleganza (foto: The Way Magazine)

Il jersey in tinta unita o con disegnature stilizzate diventa un passepartout da abbinare con semplicità a molti pezzi della collezione. Le coloriture piene o melange scelgono, accanto alle cromie più sobrie, anche l’energia del rosso e dell’arancio. Infine, il jersey di seta, cotone e cashmere, nei beige, marroni, grigi e bordeaux, definisce la linea homewear, all’insegna di un’eleganza sobria e rilassata.

Ferutdin Zakirov The Way Magazine

Ferutdin Zakirov si è ispirato all’eleganza dei club inglesi e film italiani.

Le infinite interpretazioni della pelle, fra nuove lavorazioni e abbinamenti inediti, rendono importante l’outwear. Cappotti anche a doppio petto, bomber, peacoat rivelano l’estro creativo della maison e giocano sulle peculiarità estetiche dei pellami: dal coccodrillo con trattamento antipioggia al pitone, dallo struzzo al camoscio stampato, dall’intramontabile cervo al montone. Completano il look, cappelli a falda o in una preziosa variante con visiera, guanti con interno in cashmere o pelliccia, sciarpe ispirate alle stampe dei cachecol.

Ferutdin Zakirov The Way Magazine

I dettagli del made in Italy nelle giacche Ferutdin Zakirov.

La camiceria diventa sempre più rilevate nella collezione Ferutdin Zakirov. I tagli sono impeccabili per accompagnare l’aplomb degli abiti e delle giacche, i tessuti stretch garantiscono la migliore vestibilità, le coloriture si declinano nei toni dei grigi, dei marroni e dei bordeaux, lasciando spazio alle fantasie dandy: ramage stilizzati, decori barocchi, tassellature e grafismi.

Il gentlemanager di Ferutdin Zakirov riscopre il fascino dell’eleganza classica ripensata in chiave contemporanea e ora ha anche una fragranza maschile dal carattere profondo, lanciata il mese scorso.

Per info qui



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Leisure - 09/05/2017

Dialogo d’artista, la storia dell’arte a confronto con i contemporanei

Dialogo d'artista è un esperimento esaltante. Angela Maria Capozzi è raggiante al Museo della Perm [...]

Fashion - 22/09/2016

L72 Lee Wood fa moda semplice per una vita caotica

L72, il progetto del designer inglese Lee Wood, da oltre un decennio a Milano, continua nella sua gi [...]

Leisure - 16/12/2016

Chianti, vino e storia di una leggenda di 300 anni

Per lo più coperto da boschi, dove prevalgono querce, castagni e pini, punteggiato da cipressi, il [...]

Top