Magazine - Fine Living People
Fashion

Fashion - 23/05/2018

Never End, borse come monili preziosi

Incontro con Antonio Giordano che disegna il brand di borse e t-shirt. Recentemente al debutto in passerella a Fashion Moda Gold Party a Napoli.

Never End, il giovane brand di t-shirt e accessori in pelletteria nato a Napoli l’anno scorso, ha fatto il suo debutto il passerella. Come vedete dalle foto del nostro inviato Maurizio De Costanzo, la collezione 2018 ha stregato il pubblico della quinta edizione del Fashion Gold Party di Moda Gold a villa Lucrezio, splendida location panoramica nella città di Partenope.

Antonio Giordano di Never End al Fashion Gold Party a Napoli (foto di Maurizio De Costanzo per The Way Magazine)

Jewel Bags e T-Shirt uomo/donna del  marchio Never End sono espressione di un’arte innovativa messa al servizio di qualcosa di esclusivo, senza tempo, come ci racconta l’ideatore e stilista del brand, Antonio Giordano.

Cosa c’è dietro le magliette Never End?

Vogliamo regalare un lusso e un’eleganza nuovi, plasmando la creatività della moda in oggetti di elevata artisticità nella manodopera. Le nostre t-shirt uomo/donna hanno stampe in digitale diretto, una tecnologia di grande impatto visivo e qualitativo, applicata su tessuti top quality, come il cotone soft pettinato 100% Made in Italy. Sono poi e arricchite da applicazioni gioiello, in crystal & metal, realizzate a mano.

Siete nati con le t-shirt e poi siete passati alla pelletteria. Come mai?

I primi clienti sembravano apprezzare le applicazioni e ci hanno chiesto sempre di più. A corredare la linea abbiamo pensato alla creazione di queste Jewel Bags, zaini e borse realizzati interamente a mano in vera pelle con ricami di alta fattura e monili preziosi con pietre castoni e applicazioni in oro, sempre realizzato tutto a mano.

 

Dove vengono realizzati i vostri capi?

Puntiamo sull’innovazione e ce la teniamo stretta attorno a noi, quindi ci serviamo solo da laboratori campani che sanno come operare. Abbiamo un alto livello qualitativo di fattura esclusiva su nostro disegno. I pezzi vengono realizzati a Capodimonte e a Cava de Tirreni dove ci sono artigiani specializzati nella pelletteria a mano.

L’ambizione di Never End è ?

Vogliamo regalare un glamour indossabile dalla mattina alla sera, sia al cocktail che alla passeggiata. Che però può andare bene anche alla sera in discoteca, perché le nostre applicazioni di gioielli e ricami stanno bene addosso al popolo della notte. Ovviamente noi ci auguriamo di piazzare tanti pezzi in giro per l’Italia ma il nostro non è un prodotto fatto in serie, richiede tempo e dedizione e quindi anche una scelta ponderata.

Un’esclusività che volete comunicare, dunque.

Sì certo, vogliamo degli acquisti consapevoli, se possibile. Ogni esemplare viene fatto in massimo 150 repliche quindi aspiriamo ad andare ad accompagnare le clienti in una dimensione anche affettiva. Vogliamo che si affezionino a noi. E quando riveleremo il nome del testimonial che stiamo individuando capirete il perché. Vogliamo che la faccia del brand sia convincente e convinta di noi.

Cosa pensi dello stato della moda attualmente?

Vogliamo affiancare i grandi marchi perché qualitativamente siamo vicini al top di gamma. Ma per il resto non vedo molto entusiasmo o cose entusiasmanti. C’è stata una pericolosa declinazione verso il basso che ha messo a rischio la reputazione di un intero settore. Tutto è di importazione e basato sull’omologazione, tutto costa poco ed è scadente e pochi osano fare qualcosa in più. Noi vogliamo invertire questa direzione.

Sei l’anima dietro questo nuovo progetto ma che background hai?

Nasco come designer di illustrazioni e immagine, e forse questo si vede in quello che facciamo. Il mio percorso è iniziato 33 anni fa, sono diventato art director della Pop 84 e ci sono rimasto per 11 anni. Poi ho proseguito da consulente immagine dal 1998 a oggi. Ho lavorato per Sixty, Superga e Keyway, Sergio Tacchini. Mi occupo anche di corporate identity.

Ecco perché tieni molto al posizionamento di Never End!

Certo, sono cose che ho studiato e ho visto in precedenza. Quando hai un prodotto che è come un gioiello, che ti paice indossare tutti i giorni perché ti distingue dagli  altri, significa che hai fatto già un grande passo verso la fidelizzazione. Il prodotto è un’identità. Specialmente le nostre borse, credo siano delle creazioni di alta manualità che meritano di essere conosciute e di incontrare tutti i sensi dei nostri clienti.

Fotoservizio realizzato al Fashion Gold Party di Moda Gold a Napoli, Villa Lucrezio, da Maurizio De Costanzo per The Way Magazine



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Travel - 02/11/2017

Delphina Hotel, l’accoglienza di lusso nel nord della Sardegna

Con ben 12 location tra Costa Smeralda e Golfo dell'Asinara, Delphina Hotel è un gruppo di hotel di [...]

Design of desire - 18/10/2017

Sag80, gli aggregatori del made in Italy

Abbiamo trovato l'aggregatore del design made in Italy. Da cinquant'anni Sag80 Group opera nel setto [...]

Fashion - 30/07/2018

B-hall e i bracciali “multindosso”

B-hall, brand Made in Italy che nasce dalla passione, dal talent e dalla creatività di due giovani [...]

Top