Magazine - Fine Living People
Fashion

Fashion - 29/06/2018

Sara Bergantini, eccellenza marchigiana che si ispira a Frida

L'armoniosa combinazione di colori e materiali caldi. Lo stile ethnochic si sposa con incursioni boho chic. Scopriamo la creativa e il suo mondo.

Sara Bergantini, un’eccellenza marchigiana nel campo del made in Italy di moda, è un brand che risuona di grinta ed energia. Il marchio ha sede nella terra dei distretti manifatturieri, le Marche, da sempre regione di made in Italy, culla di brand d’eccellenza che hanno fatto e scritto la storia della moda italiana nel mondo.

Nel cuore delle Marche, a Fano, in provincia di Pesaro-Urbino si “nasconde” una fashion designer di talento, Sara Bergantini, le cui creazioni, che arricchiscono le più belle ed esclusive boutique italiane (e non solo), sono una vera esplosione di grinta e di energia.

Sara rispecchia appieno la sua collezione, è una donna dinamica, energica, sempre di corsa, una sorta di vulcano di idee che ti travolge con la sua passione, il suo talento e la sua “luce”.

La linea di Sara è il risultato dell’armoniosa unione degli “influssi”, delle tendenze e delle passioni che hanno colorato e segnato la sua personalità e vita al punto che il suo brand, ed ogni sua creazione, si va a delineare come il risultato della concretizzazione della sua anima e delle sue idee.

La stessa designer afferma: “Il mio marchio non poteva non riportare le mie iniziali proprio perché dietro ad ogni singolo pezzo c’è un mondo di colori, di sensazioni e di esperienze, fatte di sogni ed emozioni vissute”.

Sara, con il suo brand, sta acquisendo una rilevanza crescete grazie anche alla sua collezione che si contraddistingue per freschezza ed energia, una selezione che ha riscosso un grande successo commerciale.

L’offerta di questa stagione risuona di energia ed ispirazione, proveniente sia dal mare e che da grandi ed iconiche “donne di rilievo”.

Ogni pezzo è ricercato nei più minimi dettagli e vede l’armoniosa combinazione di colori e materiali caldi. Lo stile ethnochic si sposa con incursioni boho chic; questa unione domina il carattere stilistico della collezione rendendola unica e piena di passione e portandola ad ottenere un vero e proprio boom commerciale.

In particolare, ad ottenere ampio riconoscimento è stata la capsule collection che Sara ha ideato ispirandosi a Frida, un’artista, una donna che l’ha “contaminata” portandola a decorare i suoi capi con un mix di colori, fiori e messaggi. L’unione di questi elementi è stata realizzata per mezzo di disegni e di bellissime applicazioni realizzate con ricami, pietre, pailletes e perline.

Per Sara Frida costituisce una sorta di personaggio “guida” che lei stessa ha scelto di seguire sulla base di uno stimolo nato e concretizzatosi in modo totalmente naturale. Questa decisione della designer è scaturita non solo dall’attenzione e dalla rilevanza che la figura di Frida ha ottenuto grazie alle recenti mostre, elementi che le hanno dato ancor maggior visibilità, ma quanto piuttosto da una delle sue celebri citazioni: “Che farei io senza l’assurdo?”.

La frase ha, infatti, un significato importante per Sara poiché rispecchia appieno sia il suo prodotto che la sua filosofia di vita in quanto lei realizza ogni pezzo con ironia, glamour e sorriso. Ogni creazione di Sara è come lei, una sorta di suo specchio poiché evidenzia e comunica la sua visione gioiosa e giocosa della vita, fattore che la porta a sviluppare una linea e dei prodotti dedicati a donne grintose che amano amare.

Sara Bergantini con questa linea è stata in grado di evidenziare e concretizzare appieno il suo talento e la sua versatilità. La collezione si caratterizza, infatti, anche per numerose altre proposte, dagli orecchini (il vero e proprio “cavallo di battaglia di Sara) agli shorts, dalle borse fino ai sandali. Ogni capo si distingue per originalità, “diversità” di forme, di materiali, di colori e di combinazioni di influssi. Ogni pezzo è, infatti, il risultato delle “contaminazioni” personali di Sara.

Servizio a cura di Francesca Rizzi



Leisure - 30/05/2018

“Che Cosa Ci Siamo Fatti”, Briga riparte dal cantautorato

Cantautore nel vecchio senso della parola, italiano fino al midollo, nella tradizione, contro le mod [...]

Society - 10/01/2017

L’arte narrativa di George Lucas cerca un museo

"Uno spazio come nessun altro" è lo slogan di George Lucas per il suo museo, l'utopia che sta inseg [...]

Trends - 29/07/2016

Mangereste questa stampa? Arriva Food Ink, il cibo creato dalle macchine

Food Ink a Londra ha scatenato la fantasia e la curiosità di tutti i media europei. Adesso che si [...]

Top