Magazine - Fine Living People
Gallery

Questo slideshow richiede JavaScript.


Gallery - 13/03/2018

E Tony Hadley cantò tra neve e chef

Il leggendario leader degli Spandau Ballet ha fatto visita al Super G di Courmayeur con chef stellati e tanto lusso in relax. Per una stagione che si avvia alla chiusura.

Insieme alla sua ex band, gli Spandau Ballet, Tony Hadley ha segnato la storia della musica anni Ottanta. Da allora, non ha mai smesso di calcare i palchi anche da solista e sabato 3 marzo al Super G di Courmayeur, ha cantato al “closing party” del tour MINI ALL4 Experience. Un evento unico al mountain lodge di Plan Chécrouit, punto di riferimento quando si parla di après ski e di divertimento sulle piste.

Dalle foto che vi mostriamo, lo scenario appare incantato e la musica che Hadley ha portato al pubblico è stata certamente di riscaldamento. In molti avranno pensato con nostalgia agli inverni degli 80, in cui Tony era protagonista. Anche se alcune scene di questa giornata sembravano uscite più dal video Last Christmas degli Wham! che da Gold degli Spandau Ballet.

All’hotel Super G la giornata musicale inizia presto: merito della “radio live” del mountain lodge di Plan Chécrouit, che dà il buongiorno agli ospiti dell’hotel e agli sciatori più mattinieri con una rassegna stampa e una selezione di brani curata e di tendenza. Del resto nel solarium MINI, la terrazza con vista da urlo su Courmayeur e sulle vette alpine, la musica non è mai un dettaglio: merito anche di uno dei due fondatori del format SUPER G, Andrea Baccuini, da oltre 20 anni nel mondo della comunicazione live e dell’intrattenimento. Alla consolle troviamo invece il dj resident Giorgio Guerra: a lui il compito di accompagnare il momento dell’aperitivo e del pranzo, quest’anno arricchito dalle proposte del nuovissimo Langosteria Fish Bar l’angolo gourmet – collocato sulla scenografica Terrazza Ferrari – che propone aragoste, ostriche, king crab e un “crudo” freschissimo, tutto pronto per essere gustato non appena tolti gli sci.
Al pomeriggio da queste parti c’è l’après ski guidato dalla voce dell’energico Luca “Kovac” Coacci. A completare la programmazione, i dj set organizzati in collaborazione con Red Bull: tra gli artisti attesi nei prossimi weekend, Francesco Manghisi del Jaguar Florence Club (17 marzo), Paolo Pompei del Room 26 di Roma (24 marzo) e Marco Campox dello Space di Firenze (31 marzo). A far da contorno a questa esplosione di beat e divertimento a 2000 metri di quota, fiumi di champagne Veuve Clicquot e cocktail preparati a regola d’arte.

Dal 2013, the “place to be” ai piedi del Monte Bianco. E una meta per gourmet e bon vivant
In quota, affacciato sulle piste di Courmayeur, il Super G è lontano anni luce dal classico rifugio per sciatori. Ideato dal creativo Andrea Baccuini, consulente strategico per diverse aziende italiane, e da Giacomo Sonzini, attualmente amministratore delegato della filiale italiana di una private equity di Londra, è il primo mountain lodge italiano, ispirato alle analoghe strutture en plein air dei grandi comprensori canadesi e sorto nel 2013 al posto di una obsoleta struttura alberghiera preesistente al Plan Chécrouit, all’arrivo della telecabina di Dolonne. ll claim della struttura eat. sleep. ride. après ski. repeat.” sintetizza una proposta a 360°, tutta italian style: “eat” – ad esempio – è il menu à la carte composto dai classici della cucina italiana reinterpretati dallo chef stellato Andrea Ribaldone e preparati dal giovane e talentuoso Alessandro Rinaldi. Il ristorante è aperto anche alla sera, per gli ospiti dell’hotel e per chi ha voglia di salire in quota (la funivia è aperta tutti i giorni fino alle 23.40). Di giorno il posto top per mangiare, bere e rilassarsi sono naturalmente le tre meravigliose terrazze esterne: dalla Terrazza Ferrari, con le sue preziose bollicine italiane e le proposte del nuovo Langosteria Fish Bar Courmayeur, alla Terrazza MINI, perfetta per bere qualcosa di caldo o mangiare un boccone veloce, oppure dedicarsi al sole e al relax sul solarium stage. Infine la Terrazza Veuve Clicquot, regno dell’après ski: beat & Champagne in quota, con un Beer Corner targato Heineken, per chiudere in bellezza la giornata sulle piste. In tutto questo mondo di proposte, “eat” naturalmente significa anche “materie prime”, che vengono selezionate grazie a fornitori di fiducia e sono sempre di altissima qualità: come il salmone affumicato “Coda Nera” e le gustosissime acciughe del Mar Cantabrico “Reserva” (entrambi a marchio La Nef).



Top