Magazine - Fine Living People
18/11/2018 - “Sotto la pelle del progetto” – Redesco a Bookcity Milano
Gallery

Questo slideshow richiede JavaScript.


Gallery - 24/10/2018

Spandau Ballet, trionfo a Milano col nuovo cantante

Iniziata la tournée della band britannica anni 80 versione 2018. Oggi sono all’Atlantico Live di Roma e il 25 ottobre il Gran Teatro Geox di Padova.

C’è pure quella “Once More” che nella reunion del 2010 fece scaldare i cuori a molti fan della prima ora. In scaletta, la terza vita degli Spandau Ballet, gruppo britannico tra i più popolari della scena pop romantica dell’epoca, inizia con una novità assoluta, il nuovo cantante Ross William Wild. Che in un’intervista nelle scorse settimane, è stato rivelato, pare sia stato suggerito ai fratelli Kemp da Brian May.
Il chitarrista dei Queen è infatti l’artefice  del sodalizio della sua band con il giovane Adam Lambert. Quindi Ross sta a Tony Hadley come Adam sta a Freddie Mercury? Non proprio, anche perché Tony è vivo e vegeto ed è altrove a cantare il suo repertorio (e anche le chicche degli Spandau che gli piacciono di più).
Ross in effetti ha il fisico di un attore da Instagram: affascinante ed energetico, ha fatto musical nel West End di Londra (incontrò gli Spandau nel 2016 mentre rappresentava “Elvis”) ed è uno che con le parti ci gioca. Entra a pennello nel ruolo del romanticone, ma ovviamente lui in quelle canzoni che sono la spina dorsale dello show, non c’entra. Si tratta di una voce prestata che fa il suo compito, egregiamente a livello tecnico. E se il repertorio degli inossidabili divi del pop deve diventare eterno, ha anche bisogno di queste operazioni. Ha anche bisogno di sentirsi “ravvivato” da una voce che all’epoca non c’era nemmeno. Ross è nato nel 1988, un attimo dopo la grande sequenza di hit degli Spands. E inevitabilmente un meccanismo del genere offre a Martin e Gary Kemp, John Keeble e Steve Norman, la possibilità di andare avanti col nome di Spandau Ballet. Che propio a Milano, ricordiamo, iniziarono negli anni 80 un rapporto privilegiato con l’audience italiana. Che a quanto pare dagli entusiasmi di questo tour 2018, non si è esaurito.
Per gentile concessione di Vivo Concerti, photo di Francesco Prandoni


Top