Magazine - Fine Living People
La scrittora racconta

La scrittora racconta - 24/10/2017

L’ultimo tabù da sfatare: la menopausa

Conosco Elena Mora in occasione della registrazione in qualità di ospite, di due puntate di ‘ABC casa’ – in onda tutte le domeniche alle 17.45 – per la rete nazionale 7Gold – condotta dall’eclettico Damiano Gallo, trasmissione di cui è autrice assieme al noto anchorman, e regista.

Elena Mora giornalista scrittrice con diversi libri al suo attivo, ex caporedattore di ‘Diva e Donna’ rivista per la quale continui a collaborare, definisciti per i lettori di ‘The Way Magazine’.

Empatica ottimista diretta: sono una torinese trapiantata a Milano, dove ho da subito imparato che qui, tempo da perdere non se ne ha! Insomma occorre sbrigarsi! Io ci sono, dopo ci devi essere pure tu, per costruire una relazione.

elena mora

É appena uscito il tuo nuovo libro ‘Menopausa più vita’ per Cairo Editore.

È uscito il 18 ottobre in occasione della giornata mondiale per la menopausa. Un libro, questo, nato da una folgorazione. Mi trovavo alla Cairo e chiacchierando con delle colleghe esclamo “dovrei scrivere un libro intitolato ‘Menopausa più vita’. É stato un coro di sollecitazioni! Così, dal titolo si è sviluppato il lavoro sul testo. Ed eccomi qua.

Indubbiamente questa tematica parla al cuore e al cervello delle donne. Per me è un libro socialmente utile.

Mi piace questa definizione che riproporrò nelle presentazioni! Il mio libro occupa uno spazio vuoto. Si passava, sul tema, dal tomo universitario del super esperto, al libro semiserio della comica. Diciamo che mi sono collocata nel mezzo! Ho dato voce ai pensieri di molte donne, sfatando anche l’idea che questo periodo dai 50 ai 60 anni, sia un momento buio. In realtà, è un’età straordinaria, tramata di sfide affatto impossibili. La donna si trova al massimo della creatività: sgravata dalle energie dedicate in altre stagioni della vita all’accudimento, può pensare a se stessa, assaporare il gusto di un sano egoismo.

Il sottotesto recita ‘tutto quello che dovete sapere (e non avete mai osato chiedere) per affrontare il Grande Cambiamento.’ Piaccia o no il cambiamento è, più che grande, enorme!

In America si chiama ‘The big chance’, loro ragionano per slogan ma hanno ragione. Io ho coniato il termine ‘sessanteenager’: invece di scimmiottare età ormai vissute e scendere in sterili competizioni che fatalmente ci condannano, visto che la luminosità esplosiva di una ventenne è irraggiungibile, proviamo a dialogare con un linguaggio diverso. Accettarsi, cavalcare il cambiamento, dire ‘no, grazie’… con grazia!

Ogni capitolo è affiancato dal parere di un’esperta in materia: hai voluto dare un sostegno scientifico al tuo bel narrare?

Intanto sono tutte donne, e ho provato una gioia liquida nel dare la parola ‘all’esperta’! Ho spaziato dalla scienziata alla parrucchiera, e il peso del loro dettato è stato uguale! Le caldane fanno sudare, il capello si ispessisce e arriccia: la parrucchiera mi ha svelato preziosi segreti, proprio come la sessuologa che condanna le terapie ormonali sostitutive, consigliando al limite, quella a base di fitoestrogeni, dai tempi lunghi, ma non invasiva.

C’è un tema tra i vari trattati che più ti ha toccato nel personale?

Quello della gratitudine anche verso la menopausa: noi sopravviviamo, abbiamo una lunga aspettativa di vita, che in molte parti del mondo non è per nulla scontata. Il passo successivo, in America molto conclamato, è cercare di rendere a se stesse, quello che abbiamo avuto.

C’è una frase detta da qualche amica che ti ha colpito e fatto riflettere in fase di stesura?

La risposta forte di una mia amica alla figlia che le rinfacciava età e condizione. I figli, anzi i giovani in genere, ci vedono decrepiti già parecchio prima di aver varcato questa ‘deprecata soglia’! Sai cosa le ha risposto? “Sì, mi pettino da vecchia, mi vesto da vecchia, ho preso peso: io ‘sono’ vecchia! E allora? Questa é la mia realtà.” Davvero coraggiosa e ammirevole.

Citi nel mutamento del corpo in menopausa, la mitica canzone di Luca Carbone ‘Ci vuole un fisico bestiale’ che continuava ‘per resistere agli attacchi della vita’. Secondo te anche in questa metamorfosi la donna è più svantaggiata?

Lo svantaggio è negli occhi degli altri. Sugli uomini e le loro facce avvizzite nessuno dice nulla. Sulle zampe di gallina attorno ai nostri occhi si scatena la riprovazione sociale! Le facce raccontano la vita. Il cambiamento va cavalcato in nuove metamorfosi: io per esempio, ho cambiato casa, altre uomo, altre ancora relazioni amicali. Aiuta girare pagina, insieme al mutamento cardine della vita.

Il tuo saggio ha per me la naturale evoluzione di presentazioni ed incontri dove far scaturire un dibattito con il pubblico che immagino prevalentemente declinato al femminile.

intanto, questo periodo pone i riflettori sulle donne anche da un punto di vista di mercato: un’età in cui si ha danaro, si spende, si mette reddito a disposizione di figli e nipoti. In buona sostanza si detiene un potere economico che va coccolato. Dopo la presentazione classica, effettuerò incontri all’interno delle strutture dove operano le esperte coinvolte nel mio libro: dalle farmacie all’ospedale, allo studio medico. Sono orgogliosa di aver parlato di un tabù che mi ha avvicinato alle donne, facendomele sentire ancora più amiche.

Mi racconti la tua esperienza autoriale con ‘ABC casa’ per la rete nazionale 7GOLD, con il produttore e presentatore televisivo Damiano Gallo?

La televisione é divertentissima, un mezzo efficacissimo di comunicazione. Noi parliamo di casa: per la donna equivale ad un utero contenitivo. Si ritorna al tema del mio ultimo lavoro: in tale fase, non é inconsueto il desiderio di un trasloco, cercando un nuovo ‘abito’ da abitare.

Cosa vuoi aggiungere?

Proviamo a trovare la forza di dire un ‘vaffa’ che tolga dalla schiavitù emozionale. “Mi prendo cura di me.” Che frase fantastica! Allora pronunciamola più spesso!

 



Cinzia Alibrandi
Autrice messinese ma milanese di adozione, laureata in Lettere presso l'università "La Sapienza" e diplomata all'"Accademia di arti drammatiche" di Roma. Ha un passato di attrice, specialmente teatrale, con qualche incursione nel cinema. Oggi insegna italiano e storia al liceo artistico milanese "Boccioni", dove ha ideato, ha organizzato e ha curato i "giovedì letterari", aperti sul territorio, per la biblioteca intervistando autori italiani di spicco nel panorama nazionale. È tre volte edita con 'Anna e i suoi miracoli' - Armando Siciliano editore, 'Petali di Marta' - Ensemble e con 'Torna a casa lettera' - Ensemble, Collana Pongo (di cui è direttrice editoriale). Ha girato in Italia e all'estero (Dublino e Londra) con degli happening legati al lancio dei suoi libri, stabilendo un ponte culturale con noti stilisti (Chiara Boni, Maria Grazia Severi, Martino Midali, Cettina Bucca, Gerardo Orlando) ed orafi raffinati (Stroili, Stellina Fabbri, Francois Larnè, Pippo Alvaro). I suoi romanzi hanno la prefazione prestigiosa di Andrea G. Pinketts; "Petali di Marta" si avvale della copertina a opera della fotografa di moda Agnes Spaak, sorella dell'attrice Catherine. 'Premio Sicilia'- sezione Letteratura - nel 2014 e Premio 'Orgoglio siciliano' 2015 - sezione letteratura. Ha ideato e ha curato per "Assodigitale"per un biennio una rubrica settimanale molto seguita, "tacco & stacco". Attualmente collabora con il settimanale ORA. Ha curato il romanzo di Dalila Di Lazzaro 'La vita è così' - Piemme/Mondadori. Scrive per il mensile “Lei Style”. Il suo ultimo romanzo è “Storie di amori e disamori-dalla A alla Z e ritorno”, casa editrice Giulio Perrone - Erudita.
Leisure - 10/10/2017

I costumi del Teatro alla Scala sono degli incantesimi

Il costume di scena è uno dei componenti della magia del teatro, ancora di più se si tratta del Te [...]

Fashion - 01/04/2016

Vladimiro Gioia e l’intarsio come marchio di fabbrica

Vladimiro Gioia è uno dei brand che dalla nicchia della pellicceria sta traghettando il suo busines [...]

Trends - 05/06/2017

Estate 2017, lo swimwear deve stupire

L'energia e il coraggio di sfoggiare costumi sempre innovativi non manca agli italiani. Per lo swimw [...]

Top