Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 09/08/2018

A Messina apre le danze il Sud.O.Re Festival

Balli e culture al parco Horcynus Orca dal 7 al 13 agosto nell'angolo di paradiso sullo stretto. Ce ne parlano gli organizzatori.

Al via il “SUD.O.RE FESTIVAL” al parco Horcynus Orca dal 7 al 13 agosto in provincia di Messina. In un angolo di paradiso a Capo Peloro, davanti al panorama mozzafiato dello Stretto dove la mitologia narra che Cariddi si ergeva a guardiano dell’isola contro l’antagonista Scilla, suo dirimpettaio nella costa calabra, si sono aperte le danze, è proprio il caso di dirlo, del variegato Festival “Sud.O.Re”, che i due organizzatori sperano il primo di una lunga serie.

Il nome della manifestazione vuol dire in latino “Sud Oculi Redeuntes”, in italiano “Occhi che tornano al sud”.

Sud.O.Re. Festival si sta svolgendo in Sicilia in questi giorni. La prima edizione unisce danza e cultura. Presso FONDAZIONE HORCYNUS ORCA a Capo Peloro.

Ho incontrato in esclusiva per The Way magazine il direttore artistico Samuele Cardini e Giulio Cassisi, art director e manager.

Samuele Cardini, sei il direttore artistico del settore danza di Sud.O.Re, come affronti l’impegno per questa prima volta?

Samuele Cardini direttore artistico danza al Sud.O.Re Festival.

Sono il direttore artistico di questa manifestazione chiamata “Sud.O.Re.” Mi occupo del settore perché nasco ballerino e oggi sono un coreografo, che non ha abbandonato la danza attiva. Ho 43 anni, età in cui si diventa maturi dentro e quindi a livello espressivo si ha da trasmettere al pubblico un bagaglio maggiorato di emozioni, mentre il corpo comincia a segnalare i primi cedimenti.

Ma la danza è adattabile al corpo.

Certo, si trasforma con noi, e racconta comunque, se esiste verità, l’eterno gioco dell’arte.

Dove vivi?

Io vivo a Firenze dove lavoro come coreografo. Ho collaborato all’interno della scuola di danza chiamata “Opus Ballet”. Da me sono passati tanti ballerini, alcuni approdati anche ai talent. Produciamo spettacoli, ma siamo pure una fucina di talenti, e quest’aspetto è importante perché i giovani devono avere spazi deputati dove formarsi e inseguire i propri sogni, e nel migliore dei casi, vederli trasformati in realtà.

Come inizia la tua carriera di danzatore?

In modo diverso dai canoni tradizionali. Vengo da una famiglia di artigiani e ho scoperto la danza a 19 anni e per caso, frequentando uno stage. Gli addetti ai lavori mi dissero che ero straordinariamente portato e da quel momento non mi sono fermato più.

Giulio e Samuele, organizzatori del festival sullo stretto di Messina. Il programma di oggi 9 agosto a SudoRe Festival FONDAZIONE HORCYNUS ORCA
ore 10.00 – 14.00 Workshop danza con Elisa Pagani
ore 10.00 – 17.00 Workshop Fotografia Subacquea
ore 19.00 Aperitivo e ” Plastic Concert :: Maestro David Carfì dell’Associazione Fuori di ME
ore 22.30 Concerto The Jester’s Quarters (presso Lido Glirrerammare (Pace)

Che definizione daresti di danza?

I miei inizi sono pop, poi mi sono avvicinato alla danza contemporanea. In Rete si vede di tutto, però la danza è danza: detesto le affermazioni che la imbrigliano e categorizzano. Cosa significa “danza di nicchia”? Il mio intento è togliere quest’idea e avvicinare un pubblico generale a guardarci. Qualunque espressione artistica che arriva allo spettatore ha centrato un suo obiettivo, proprio diventando popolare.

Il tuo ballerino preferito?

Virgilio Sieni, da cui ho preso i miei inizi e ho assimilato la danza che sentivo mia e mi interessava. Da lui ho mutuato il linguaggio che amavo ed ho poi confezionato a mia misura. Qui a “Sud.O.Re” abbiamo esordito con “Ragazze”, una coreografia di Claudia Rossi Valli sotto l’egida della compagnia catanese di Roberto Zappalà, quotata a livello europeo.

E la serata del 13 agosto al festival vede a chiusura una tua coreografia.

Prima, il giorno 11, si applaudirà “Abnorma” della compagnia “DNA” di Bologna. A seguire, il 13, un mio omaggio alla terra di Sicilia che mi ha adottato: ho creato uno spettacolo, intitolato “W Maria/a women sinphony”, ispirandomi alla processione messinese della “Vara” del 15 agosto, dedicata a Maria “Madre Assunta”. La novità è che ne mostro l’aspetto terreno di madre, piuttosto che quello di Madonna.

Giulio Cassisa direttore artistico del festival Sud.O.Re.

Giulio Cassisa, un messinese che per il festival lavora assieme a un toscano.

Sono un messinese di 26 anni: ho studiato architettura e poi a Milano ho frequentato una scuola diventando art director. Sono timido e in genere rifuggo le interviste, tuttavia il mio amore per l’arte è tale, che ho pensato di farla diventare il mio mondo professionale, anche se operando dietro le quinte.

 

Oggi gli artisti hanno più che mai bisogno di un manager efficace.

Senza, rischiano di non andare da nessuna parte, oppure, nel migliore dei casi, sono costretti a entrare in ambiti che non competono e li distraggono dalla loro arte.

Com’è nato il connubio con Samuele Cardini?

Ci siamo conosciuti a Firenze, dove vivo da otto anni, e c’è stato un connubio perfetto. L’artista, come dicevo, ha bisogno dell’organizzazione che regala la necessaria libertà di espressione che consente di creare. Con Samuele ormai ci conosciamo da anni e abbiamo i nostri settori operativi divisi, che magicamente si congiungono sul progetto finito, com’è accaduto con questo festival di “Sud.O.Re.”

“Tutti abbiamo una ferita segreta per riscattare la quale combattiamo” I.Calvino
Abnorma Compagnia DNA Regia e coreografia Elisa Pagani
SudoRe Festival FONDAZIONE HORCYNUS ORCA
sabato 11 agosto ore 21,30

Girate l’Italia!

All’inizio abbiamo lavorato per altri, poi nutrivo da sempre l’idea di portare nella mia terra eventi importanti. Qui la danza è legata ai saggi di fine d’anno delle scuole, e volevo togliere questa riduttività. Permettimi di ringraziare Patrizia Casale e Marika Micalizzi, prestigiose comunicatrici che ci hanno supportato con un prezioso ufficio stampa. Se tutti vanno via, non si permette di fruire arte e tutti hanno diritto di accedervi con libertà.

“SUD.O.RE FESTIVAL” è un titolo geniale.

È un acronimo che ho trovato con Giulio e significa “Uno sguardo al Sud” e ci proponiamo in un Sud più che meraviglioso! Intanto questa produzione andrà anche in circuiti invernali, e si darà un seguito ai debutti estivi. Gli eventi sono tutti gratuiti per incentivare l’afflusso del pubblico. Siamo comunque legati alla beneficenza solidale con un motto “Smile to life”, che aiuta l’Associazione Fasted dei talassemici di Messina. Il pubblico in cambio di un braccialetto rosso con siglato questo logo, può contribuire con un’offerta libera.

Sud.O.Re. Festival dal 7 al 13 agosto 2018 in provincia di Messina.

L’Intervista è terminata e la scrittora augura che ci sia ‘Sudore’ di vita in ogni lettore.



Cinzia Alibrandi
Autrice messinese ma milanese di adozione, laureata in Lettere presso l'università "La Sapienza" e diplomata all'"Accademia di arti drammatiche" di Roma. Ha un passato di attrice, specialmente teatrale, con qualche incursione nel cinema. Oggi insegna italiano e storia al liceo artistico milanese "Boccioni", dove ha ideato, ha organizzato e ha curato i "giovedì letterari", aperti sul territorio, per la biblioteca intervistando autori italiani di spicco nel panorama nazionale. È tre volte edita con 'Anna e i suoi miracoli' - Armando Siciliano editore, 'Petali di Marta' - Ensemble e con 'Torna a casa lettera' - Ensemble, Collana Pongo (di cui è direttrice editoriale). Ha girato in Italia e all'estero (Dublino e Londra) con degli happening legati al lancio dei suoi libri, stabilendo un ponte culturale con noti stilisti (Chiara Boni, Maria Grazia Severi, Martino Midali, Cettina Bucca, Gerardo Orlando) ed orafi raffinati (Stroili, Stellina Fabbri, Francois Larnè, Pippo Alvaro). I suoi romanzi hanno la prefazione prestigiosa di Andrea G. Pinketts; "Petali di Marta" si avvale della copertina a opera della fotografa di moda Agnes Spaak, sorella dell'attrice Catherine. 'Premio Sicilia'- sezione Letteratura - nel 2014 e Premio 'Orgoglio siciliano' 2015 - sezione letteratura. Ha ideato e ha curato per "Assodigitale"per un biennio una rubrica settimanale molto seguita, "tacco & stacco". Attualmente collabora con il settimanale ORA. Ha curato il romanzo di Dalila Di Lazzaro 'La vita è così' - Piemme/Mondadori
Leisure - 23/01/2018

Matthew Lee: “Il mio vintage è la vera novità”

Nuon vuole cambiare in base alle mode, lui il suo universo di riferimento l'ha trovato tra gli anni [...]

Fashion - 14/10/2017

L’uomo Officina 36, cool e comfort con accenni militari per l’inverno

Conm le "ottobrate" che stiamo vivendo in questo 2017 rischiamo di dimenticarci che presto arriverà [...]

Fashion - 13/01/2018

Anche la moda uomo “cede” alle Instagram stories

Maurizio Miri arriva alla sua prima sfilata ed Ermenegildo Zegna sceglie la Bocconi per l'avvio di M [...]

Top