Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 01/04/2019

A Muscat in Oman c’è una voce italiana: Raffaella Lupinacci

Il mezzosoprano si è esibita per la prima volta alla ROHM in Oman, in una nuova produzione della Lakmé di Léo Delibes.

Raffaella Lupinacci, giovane mezzosoprano particolarmente apprezzata, è stata una splendida Mallika (debutto di ruolo) nella Lakmé di Delibes firmata da David Livermore e diretta da Jordi Bernàcer alla guida dell’Orchestra e del Coro del Teatro Carlo Felice di Genova: l’opera è andata in scena alla Royal Opera House di Muscat (Sultanato dell’Oman) il 28, 29 e 30 marzo.

 

Lakmé è una produzione della ROHM in collaborazione con Los Angeles Opera, Teatro dell’Opera di Roma, Fondazione Arena di Verona, Teatro Carlo Felice di Genova, Cairo Opera House, Astana Opera, National Centre for the Performing Arts of Beijing e Shangai Oriental Art Center.

 

Raffaella ha dichiarato: “Sono orgogliosa di far parte di questa produzione della ROHM, non solo perché canto per la prima volta in un teatro d’opera che è orami una splendida realtà internazionale  ma perché questa prima volta si accompagna al mio debutto nel ruolo di Mallika. Lakmé è un’opera che viene eseguita raramente, ma è veramente affascinante grazie a un cromatismo  orchestrale che non scade mai nel pittoresco. Il ruolo di Mallika è una piccola pietra preziosa incastonata all’interno dell’opera. Un personaggio molto dolce, magicamente risolto in termini musicali. Chiaro che tutti attendono il Duetto dei fiori e l’Aria delle campanelle, ma l’intera opera è disseminata di pagine incantevoli. Trovo indovinate tutte le scelte artistiche, sono felice di ritrovare i magnifici complessi orchestrali e corali del Carlo Felice e di condividere il palcoscenico con meravigliosi colleghi.”

 

Tutte le informazioni qui: https://www.rohmuscat.org.om/en/performance/performance-detail?i=384

 

Raffaella Lupinacci, nata ad Acri, è tra i mezzosoprani più ricercati della sua generazione. Dopo avere conseguito il diploma in Canto lirico presso il Conservatorio “Stanislao Giacomantonio” di Cosenza, ha frequentato diverse masterclass con cantanti di fama mondiale, una fra tutte Mirella Freni, ha quindi proseguito gli studi perfezionandosi con il M° Fernando Cordeiro Opa.

Selezionata da Alberto Zedda per l’Accademia Rossiniana di Pesaro, nell’estate del 2012 ha debuttato come Marchesa Melibea ne Il Viaggio a Reims di Rossini. Nel 2013, dopo essersi affermata nel 64° concorso AsLiCo, ha debuttato Tancredi nel ruolo del titolo all’interno del Circuito Lombardo.

Tra i più rilevanti impegni ricordiamo inoltre Zulma ne L’italiana in Algeri, edizione 2013 del Rossini Opera Festival; Otello di Rossini (Emilia) ad Anversa, con la direzione del M° Alberto Zedda;  Maometto II (Calbo) a Zurigo, Basilea e Friburgo; Petite Messe Solennelle di Rossini a Saint-Etienne, ancora diretta da Alberto Zedda, mentre nell’edizione 2014 del Rossini Opera Festival si è distinta per la sua interpretazione di  Publia nell’Aureliano in Palmira ( regia di Mario Martone).

Raffaella Lupinacci è stata protagonista di importanti debutti: Dorabella nel Così fan tutte al Teatro Olimpico di Vicenza con la regia di Lorenzo Regazzo e la direzione del M° Giovanni Battista Rigon. È stata quindi Fenena in Nabucco per il Circuito Lirico Lombardo nei teatri di Como, Brescia, Pavia e Cremona, e una molto apprezzata Donna Elvira in Don Giovanni a Modena, Lucca e  Piacenza. Ancora Mozart, ancora un debutto felice, quello come Cherubino ne Le nozze di Figaro al Teatro dell’Opera di Roma.

Nel 2015 è stata Doralice ne La gazzetta al Rossini Opera Festival; quindi di nuovo Donna Elvira presso il Teatro Verdi di Trieste diretta dal Maestro Gelmetti e al Carlo Felice di Genova, successivamente è stata Suzuki in Madama Butterfly nei teatri di Ascoli Piceno, Fano e Fermo, sotto la direzione del M° Francesco Ivan Ciampa e la regia di Pier Luigi Pizzi.

Tra i più recenti impegni citiamo Il barbiere di Siviglia (Rosina) a Bologna; Madama Butterfly (Suzuki) al Teatro Massimo di Palermo; Nabucco al Teatro Verdi di Salerno sotto la bacchetta del Maestro Daniel Oren, Rosmonda d’Inghilterra (Arturo) all’Opera di Firenze e al Donizetti Opera Festival di Bergamo, Donna Elvira  nel Teatro di Manacor a Palma de  Mallorca, Dorabella al Teatro Carlo Felice di Genova, Melibea ne Il viaggio a Reims al Teatro Filarmonico di Verona, Carlotta nel Torvaldo e Dorliska al Rossini Opera Festival, Neris nella Medea di Cherubini al Wexford Festival Opera, Cherubino al Teatro Filarmonico di Verona, Romeo in Giulietta e Romeo di  Vaccaj che ha inaugurato con grande successo il Festival della Valle d’Itria 2018, debutto nel ruolo di Angelina della Cenerentola all’OperaEstate Festival Veneto 2018, Dorabella alla Korea National Opera, Donna Elvira al Teatro Comunale di Bologna, oltre a vari concerti compresi la Messa in mi bemolle maggiore di Schubert al Teatro Comunale di Bologna e al Teatro Regio di Torino sotto la bacchetta di Michele Mariotti e l’inaugurazione della stagione in corso dell’Orchestra della Toscana con Stabat Mater di Rossini diretto da Gianluigi Gelmetti.



Fashion - 07/02/2018

Puma sceglie Lewis Hamilton per la campagna 24/7

In una società così dinamica come la nostra, gli uomini non si allenano solo in palestra: ogni occ [...]

Leisure - 03/05/2019

Prima Foggia, poi Taranto: è l’anno del ritorno per Medimex

Se il primo maggio si è accaparrato Noel Gallagher, a Taranto per il Medimex arriverà Liam. Contin [...]

Trends - 03/02/2017

I trend del cibo che verrà: naturale e ben comunicato

Sette trend spiegano come sara' il cibo di domani secondo quanto rivelato tra le aziende del food an [...]

Top