Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 03/03/2019

Al Tefaf di Maastricht l’arte degli appartamenti di stato

Dal 16 marzo settemila anni di arte in un unico posto con visitatori da tutto il mondo. L'Olanda centro degli interessi dell'arte globale.

Fondata nel 1988, TEFAF, The European Fine Art Fair, è considerata la principale fiera mondiale di arte, antiquariato e design. Ci sono in programma TEFAF Maastricht a marzo, che copre 7.000 anni di storia dell’arte; TEFAF New York Spring (3-7 maggio 2019), incentrata sull’arte e sul design moderno e contemporaneo; e TEFAF New York Fall (2-6 novembre), che copre l’arte decorativa e raffinata dall’antichità al 1920.

TEFAF Maastricht (16-24 marzo al MECC, Maastricht Exhibition and Congress Centre di Maastricht, Paesi Bassi) quest’anno ospiterà gli Appartamenti di Stato del Residenzschloss di Dresda (Palazzo Reale) e Semperbau (Edificio Semper), sede della Gemäldegalerie (Galleria delle immagini dei vecchi maestri) e Skulpturensammlung (Collezione di sculture) che fanno parte della Staatliche Kunstsammlungen Dresden (Dresda State Art Collections), nella mostra di prestiti ospitata all’interno del TEFAF Paper.

La mostra preluderà sia all’apertura del Paraderäume nel settembre 2019 che alla riapertura di Semperbau nel dicembre 2019 e offrirà ai visitatori una straordinaria opportunità di vedere opere come “The Abduction of Ganimede”, 1635, di Rembrandt van Rijn (1606-1669), prima di essere esposte permanentemente a Dresda.

 

I punti salienti dei 23 oggetti esposti al TEFAF Maastricht includono la corona di Augusto il Forte, elettore di Sassonia, re di Polonia, creato nel 1697 (dal Rüstkammer); una rara serie di cinque vasi Meissen, quattro raffiguranti gli elementi e un vaso centrale recante lo stemma e il ritratto di Ludwig XV, creato da Johann Joachim Kändler (dal Porzellansammlung); lo straordinario dipinto The Abduction of Ganimede, 1635, di Rembrandt van Rijn (1606-1669) (della Gemäldegalerie); e una scultura squisita, Apollo e Dafne, dopo Bernini, che risale al 1700 (dalla Skulpturensammlung).

Quest’anno TEFAF ha implementato una nuova e più trasparente procedura di selezione, che ha portato numerosi nuovi rivenditori a partecipare alla fiera. Dei 279 espositori che partecipano al TEFAF Maastricht 2019, 40 sono nuovi  con TEFAF Modern che è la sezione con il maggior numero di nuovi espositori (13) con alcuni che vogliono presentare stand per singoli artisti. I commercianti parigini Kamel Mennour (Stand 527), ad esempio, si concentrano sul lavoro di Ugo Rondinone (1963) e lo stand è un’esposizione curata sull’uso della pietra nell’arte contemporanea. I punti salienti dello stand includono The Cordial (2017) e The Faithful (2019), entrambi realizzati in pietra blu e acciaio inossidabile.

Sprüth Magers (Stand 502) evidenzia il lavoro dell’artista concettuale tedesca Rosemarie Trockel (nata nel 1995). Trockel è venuta alla ribalta nel periodo d’oro della Colonia degli anni ’80 e ha lavorato in una varietà di materiali, tra cui lana, bronzo e oggetti trovati. Il display di TEFAF Maastricht brilla di luce sui suoi lavori in ceramica, molti dei quali sono i suoi pezzi più recenti.

REPORT SULLA CINA – La Cina è stata oggetto del rapporto sul mercato dell’arte di quest’anno di TEFAF, che sarà lanciato il 15 marzo con titolo “TEFAF Art Market Report: The Chinese Art Market”.

Il report è stato scritto da Kejia Wu, professore al Sotheby’s Institute di New York ed editorialista per FTChinese. Il mercato dell’arte in Cina ha raggiunto una crescita straordinaria in 40 anni per diventare il secondo mercato più grande del mondo. Le sue due più grandi case d’aste locali, Poly Auctions (fondata nel 2005) e China Guardian (fondata nel 1993) sono ora classificate come la terza e la quarta più grandi case d’asta a livello mondiale dopo Christie’s e Sotheby’s.

Questo rapporto, attraverso approfondite ricerche e conversazioni con i principali attori del mercato, mira a chiarire questo fenomeno presentando una revisione storica di come il commercio d’arte in Cina è iniziato nell’era moderna e alla fine si è sviluppato ed evoluto nel mercato che conosciamo oggi. Il rapporto include un’indagine con i principali collezionisti d’arte in Cina per mostrare perché raccolgono, cosa collezionano e cosa pensano di comprare in futuro.



Leisure - 25/03/2016

Il vino lombardo sbarca al Vinitaly e celebra i suoi successi

Vinitaly 2016 ci mostrerà che la Lombardia non è solo moda e servizi, design e industria pesante. [...]

Leisure - 24/01/2017

Arte Fiera Bologna 2017, apertura alla fotografia ma non per tutti

Dal 27 al 30 gennaio si rinnoverà nei padiglioni di BolognaFiere, con la 41esima edizione, Arte Fie [...]

Design of desire - 30/01/2017

Stockholm Design Week: i contrasti sono trendy

Siamo a caccia di trend dall'Italia e salutiamo con favore la Stockholm Design Week perché quest' [...]

Top