Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 29/06/2016

Francesco Clemente porta i fiori d’inverno a Siena

La leggenda vivente dell’arte contemporanea espone a Santa Maria della Scala le tele che ha dipinto a New York.

Anche un progetto di dimensioni globali come può essere un ciclo pittorico del sommo artista italiano Francesco Clemente, può nascere per caso. Sua moglie Alba Primicerio ha raccolto dei fiori che crescono a New York solo d’inverno e da lì è partita l’ispirazione.

Un particolare dell'Albero della Vita, l'opera di Francesco Clemente con influenze asiatiche.

Un particolare dell’Albero della Vita, l’opera di Francesco Clemente con influenze asiatiche.

Il pittore napoletano che da anni vive nella Grande Mela ha così realizzato FIORI D’INVERNO A NEW YORK, un ciclo in mostra fino al 2 ottobre a Santa Maria della Scala a Siena.

La mostra è curata da Max Seidel con la collaborazione di Carlotta Castellani e vede il ritorno dell’artista nella città del Palio, dopo l’acclamata collaborazione nel 2012, quando Francesco Clemente aveva curato l’esecuzione del drappellone del torneo storico.

In seguito a tale collaborazione l’artista ha realizzato dieci opere inedite, suddivise in due cicli distinti, in tele di grande formato a New York a partire dal 2010 ed esposte per la prima volta a Siena. La serie dei “Fiori d’inverno a New York” è costituita da cinque opere che hanno impegnato l’artista per più di cinque anni (2010-2016), una rielaborazione della flora invernale naturale della metropoli in cui Francesco Clemente ha selezionato dei pigmenti di origine vegetale utilizzati per ciascun lavoro.

Clemente, entrato nella storia dell’arte italiana da quando è diventato il faro del gruppo della Transavanguardia italiana, il movimento di ritorno alla figurazione promosso da Achille Bonito Oliva nei primi anni Ottanta, è da tre decenni residente a New York. Ma nel suo percorso di uomo e di artista c’è anche un altro universo, una dimensione più intima e spirituale, frutto di tanto tempo passato in India.

Ecco perché in mostra sono presenti anche le opere della serie  intitolata “l’Albero della vita” dove la mitologia classica riecheggia accanto a buddhismo,  storia e letteratura orientali, la summa del linguaggio adottato dall’artista intorno al ciclo della vita.

Per info: www.operalaboratori.com

www.civita.it

Per info sull’artista: www.francescoclemente.net



Travel - 11/08/2017

Baia delle Zagare, luci e ombre di una vacanza a picco sul Gargano

Abbiamo trascorso una settimana nel resort più esclusivo della Puglia del Nord, Baia delle Zagare. [...]

Leisure - 16/02/2017

Matthew Lee, l’elegante italiano al piano che riscopre le radici del rock’n’roll

Ai più attenti non sarà sfuggito Matthew Lee nell'entusiasmante performance al programma tv di Gig [...]

Leisure - 17/04/2019

Manolo Valdés a Locarno: pittura e scultura che “rompe” col passato

Al Museo Casa Rusca, Locarno, con la curatela di Rudy Chiappini, si è inaugurata la nuova stagione [...]

Top