Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 31/01/2017

I Pathosformeln sono gli archetitipi dell’arte “current”

Artisti contemporanei espongono le forme archetipe dell'arte in un avvincente allestimento. Nel cuore storico di Milano.

Particolarmente appropriato l’abbinamento tra Pathosformeln e la parola “current” che è anche il nome della galleria milanese che ospita un’interessante mostra di artisti contemporanei. Il curatore Andrea Lacarpia l’ha chiamata Pathosformel ispirandosi alla definizione che il critico d’arte tedesco Aby Warburg diede più di 100 anni fa a quelle figure ricorrenti nella storia dell’arte: la ninfa, gli animali antropomorfi, le fantasiose nature morte.

pathosformel current the way magazine (2)

L’allestimento di Patthosformel alla galleria Current, Milano (foto: The Way Magazine)

Current, punto di aggregazione per captare le correnti che oscillano fra i nostri immaginari virtuali e reali, unisce arti visive ai più differenti apporti creativi in uno spazio da conquista, a due passi dal cuore storico della città dove alberga il Cenacolo. Lacarpia ha portato la ricerca della sua galleria Dimora Artica in questo luogo antico con un allestimento che definiremo televisivo. Si entra in una stanza con archi e ci si trova dinanzi a creazioni che più pagane non si può. Drappi laminati sottolineano il fascino evocativo di quello che Daniele Carpi, Valentina D’Amaro, Giovanni De Francesco, Luigi Massari, Stefano Serusi, Marcello Tedesco e Devis Venturelli hanno creato.
Gran parte del territorio mitico condiviso da opere d’arte è qui: immaginario popolare e alcuni oggetti ornamentali, in cui ricorrono le stesse formule di pathos, formalizzazioni di una carica emotiva innata. Sono anche oggetti artistici e oggetti-feticcio in moviemento, perché, ad esempio, D’Amaro con la stampa Capriccio “curva” il paesaggio del Lago Maggiore, il video di Venturelli indaga spazi urbani che diventano mentali, Tedesco crea Eva dei Serpenti in cemento e cristallizazioni saline. Unico l’esperimento di Giovanni De Francesco che installa sculture appese con capelli finti e occhi finti.

Dal 30 gennaio al 4 marzo 2017
CURRENT, via Sant’Agnese 12 – Milano (MM1 Cadorna – MM2 S. Ambrogio)

Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Design of desire - 03/10/2016

A NoLo il design sbarca al Crespi Market

NoLo, Nord di Loreto, il quartiere milanese che negli ultimi mesi ha attirato l'attenzione di media [...]

Design of desire - 05/11/2016

Gioara, il vetro come non l’avete mai visto

Dietro il marchio Gioara, brand che lavora il vetro in versione art-design, c'è un duo creativo tor [...]

Design of desire - 24/02/2017

Troels Flensted design danese per specchi bruciati e tavoli di polvere minerale

Il desgin danese colpisce ancora. Abbiamo incontrato Troels Flensted, il creativo che ha uno spazio [...]

Top