Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 12/09/2017

Il premio Cramum al Museo del Duomo di Milano

Il concetto della mostra Limiti-Confini: Qualsiasi opera dell'intelletto vivrà al di fuori e al di là del tempo e del pensiero "originale" che l'ha generata.

CRAMUM, con il patrocinio e in collaborazione tra gli altri, di Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano, inaugura il 21 settembre 2017 alle 18:00 al Grande Museo del Duomo la mostra internazionale LIMITI-CONFINI, curata da Sabino Maria Frassà. La mostra accoglie al proprio interno anche il 5° premio CRAMUM per giovani artisti in Italia.

CRAMUM è un progetto non profit che sostiene iniziative artistiche e culturali in Italia e all’estero, con particolare attenzione ai giovani artisti. Progetto principale di cramum dal 2012 è il Premio Cramum.

La mostra è ospitata dal Grande Museo del Duomo di Milano all’interno della Chiesa di San Gottardo in Corte, nota nella tradizione della città appunto come “chiesa degli artisti”, ospita 26 opere di 22 artisti provenienti da tutto il mondo, tra cui 12 realizzate da artisti di fama internazionale: Magdalena Abakanowicz (Polonia), Zsolt Asztalos (Ungheria), Ivan Barlafante, Carlo Benvenuto, Laura de Santillana, Matteo Fato, Daniele Fissore, Ivan Grubanov (Serbia), H.H. Lim (Cina), Franco Mazzucchelli, Francesca Piovesan, Daniele Salvalai.

Al loro fianco, le opere dei dieci finalisti della quinta edizione del premio CRAMUM: Alessio Barchitta, Alessandro Boezio, Andrea Fiorino, Francesco Casolari, Marco La Rocca, Giulia Manfredi, Dario Picariello, Pamela Pintus, Diego Randazzo, Sally Viganò.

Il giorno dell’inaugurazione sarà nominato il vincitore del premio cramum da parte del comitato scientifico composto da giornalisti, curatori, critici, collezionisti, intellettuali: Matteo Bergamini, Ettore Buganza, Leonardo Capano, Giovanna Calvenzi, Julia Fabenyi, Maria Fratelli, Giuseppe Iannaccone, Rose Ghezzi, Angela Madesani, Michela Moro, Iolanda Ratti, Alba Solaro, Alberto Puricelli, Carlotta Gaia Tosoni, Nicla Vassallo, Giorgio Zanchetti.

Il vincitore vince un percorso di crescita professionale e artistica di due anni che culmina con una mostra personale presso lo Studio Museo Francesco Messina. Al vincitore sarà donato anche un cubo di marmo di Candoglia, simbolo del Premio e realizzato dalla Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano.

Il curatore e direttore del Premio, Sabino Maria Frassà, introduce così la mostra “LIMITI-CONFINI”: “Siamo tutti comparse e pubblico allo stesso tempo: nessuno è detentore della Conoscenza. Qualsiasi opera dell’intelletto (sia essa una poesia, una canzone, un’opera d’arte, un film) vivrà al di fuori e al di là del tempo e del pensiero “originale” che l’ha generata. E’ fondamentale perciò recuperare un reale rispetto per l’intelligenza del “pubblico”,  rinunciando a qualsiasi aspirazione messianica: l’arte e la cultura non devono mostrare ciò che è al di là del “confine”, non devono fornire risposte addomesticate, ma devono educare a farsi domande e a riflettere prima di rispondere per andare veramente oltre i limiti propri e del proprio tempo. Spero che questa mostra emozioni, facendo affiorare dubbi e non certezze.”

Foto d’aperutra: particolare dell’opera di Daniele Fissore Opposizioni schiena ROSSA 1973 areografo acrilico su tela.

Leisure - 15/06/2017

Bestiale! Anche gli animali al cinema hanno una mostra

Effetti speciali, animali e comunicazione. Alla mostra torinese Bestiale! c'è il cinema che si ciba [...]

Trends - 28/12/2016

Mal d’amore, lo psicoterapeuta dice: “Cambiate gli schemi relazionali”

Può uno psicologo dell'amore essere richiesto e corteggiato dai media come una star? A Roberto Cava [...]

Society - 03/11/2016

Golosaria ci illustra le civiltà partendo dal cibo

Torna a Milano uno dei più interessanti ed apprezzati eventi di gola: dal 5 al 7 novembre, negli sp [...]

Top