Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 05/10/2018

La linea d’acqua di Milano, alla Permanente la mostra fotografica

Dal 15 ottobre organizzata da Gruppo CAP in collaborazione con l’agenzia fotografica Contrasto, per celebrare i suoi 90 anni di storia.

Per i 90 anni di Gruppo CAP le foto di Lorenzo Maccotta e le immagini vincitrici del contest su Instagram saranno in esposizione alla Permanente di Milano.

 

Un viaggio attraverso le immagini attorno a Milano, seguendo il flusso di quello che è il suo vero elemento distintivo: l’acqua. Si chiama proprio La linea dell’acqua”, ed è la mostra fotografica organizzata da Gruppo CAP in collaborazione con l’agenzia fotografica Contrasto, per celebrare i suoi 90 anni di storia, che verrà inaugurata presso il Museo della Permanente di Milano il prossimo 15 ottobre, a partire dalle 18.30.

Segrate (MI), Settembre 2017: l’Idroscalo.

L’acqua è di fatto l’anima del territorio della città di Milano, dei suoi dintorni, delle tante comunità che circondano il capoluogo lombardo. Una risorsa preziosa che Gruppo CAP ha imparato a sfruttare, ma soprattutto a curare e preservare, commenta Alessandro Russo, presidente e amministratore delegato di Gruppo CAP. Con questa iniziativa vogliamo celebrare il traguardo dei nostri 90 anni, sottolineando la volontà di guardare sempre al futuro, all’innovazione e a uno sviluppo sostenibile del territorio, in qualità di interlocutori attenti di enti locali e cittadini e andando alla scoperta delle grandi possibilità connesse alla risorsa idrica e alla sua infrastruttura di rete”.

 

Le fotografie, realizzate dal fotografo Lorenzo Maccotta, raccontano luoghi, paesaggi e suggestioni, ma anche processi, impianti e cantieri che segnano il territorio del milanese, un territorio in cui l’acqua è la grande protagonista, caratterizzato da una forte, costante e ininterrotta simbiosi fra natura e lavoro degli uomini.

Bresso (MI), Settembre 2017: impianto di depurazione, sedimentatore secondario.

Mediglia (MI), Agosto 2017: azienda agricola.

Un territorio che proprio sull’acqua e anche grazie all’acqua è cresciuto, si è trasformato, ha mantenuto, laddove possibile, un forte legame col passato, ed è diventato, fin dai tempi di Leonardo Da Vinci, sinonimo di sperimentazione e innovazione.

 

“La collaborazione con Gruppo CAP ha lo scopo di contribuire alla realizzazione di un percorso di arricchimento culturale sul territorio, dichiara il Presidente della Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente di Milano, l’Onorevole Emanuele Fiano. Dalla scomparsa delle Province alla creazione della Città Metropolitana si è smarrito quel rapporto tra cultura e territorio, che con questa iniziativa si intende rivitalizzare”.

 

Si può dire, scrive lo scrittore Luca Doninelli nel testo realizzato per il catalogo che accompagna la mostra, che tutta la Lombardia, e in special modo il Milanese, sia una grande opera idraulica, iniziata allo scopo di imbrigliare e rendere utile una ricchezza idrica enorme, ma di difficile gestione”.

 

E proprio la gestione di questa immensa rete idrica, fatta di falde, fiumi, canali, rogge, laghi artificiali e bacini idrici (si pensi anche solo a quel microcosmo che è l’Idroscalo di Milano), e poi impianti di depurazione, acquedotti, centrali di trattamento delle acque potabili, laboratori…Una lunghissima, affascinante e complessa “linea dell’acqua”,  che costituisce la missione di Gruppo CAP, che ha voluto, con questa iniziativa, condividere con l’intera Città metropolitana di Milano il traguardo dei suoi primi 90 anni.

 

Accanto alle fotografie di Maccotta, “La linea dell’acqua” offrirà uno spazio espositivo anche alle immagini vincitrici del concorso #leformedellacqua, lanciato su Instagram da Gruppo CAP e Contrasto.

 

 

Non solo. A partire da novembre, alcune opere della mostra parteciperanno a un percorso di esposizioni itineranti nel territorio della Città Metropolitana di Milano che faranno tappa nel Comune di Sesto San Giovanni, Pioltello (dicembre), e Abbiategrasso (gennaio 2019).

 

Scrive ancora Doninelli: “Nulla è perduto finché esiste chi, dentro tutte le avversità e gli imprevisti, senza maledire niente e nessuno, senza dar colpe, continua a contare sulla bontà e sulla serietà del proprio lavoro, depurando, canalizzando, educando chi riceve questo bene affinché impari a trattarlo bene. Ricevendo quello che è sporco per restituirlo pulito. Togliendo le cattive memorie e lasciando quelle buone. Perché l’acqua ha buona memoria, e sa se la stiamo trattando con rispetto oppure no”.

 

 

La Linea dell’Acqua

Mostra per i 90 anni di Gruppo CAP

 

Fotografie di Lorenzo Maccotta

15 – 28 ottobre 2018

Museo della Permanente Milano

Via Turati 34, Milano

 

Inaugurazione lunedì 15 ottobre, ore 18.30

 

Orari

Dal lunedì alla domenica, 9.30- 20.00

Giovedì fino alle 22.30

 

Ingresso libero

 

 

 

 



Travel - 26/07/2016

Montenegro, la porta del lusso sui Balcani adriatici

Montenegro come Montecarlo? Non proprio, anche se in questo 2016 molta stampa internazionale (e anch [...]

Design of desire - 16/09/2017

Da Pordenone alla ribalta mondiale, l’arte vetraia di Serena Luxury Mosaic

L'arte e i colori del Settecento veneziano rivivono nelle creazioni di vetro e mosaico di Serena Lux [...]

Leisure - 05/10/2018

Alice Baccalini, pianista per il progetto Brahms a Milano

A proposito dell’immenso Brahms, la grande scrittrice Françoise Sagan lo erge a indiretto protago [...]

Top