Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 08/03/2017

La poetica del creato secondo Marcello Chiarenza

Le sculture sospese dell'artista all'Unicredit Pavillion di Milano. Sono un gesto creativo di autentica poesia.

Marcello Chiarenza è un artista che lascia gli spettatori in riflessione e li trasporta in una dimensione di appagante silenzio. In maggioranza chi vede le sue opere si sente in serenità. Se ne è avuta prova all’inaugurazione della mostra “Viaggio nella poetica del creato” all’UniCredit Pavilion di Milano, dove l’artista ha incontrato il pubblico entusiasta e riconoscente prima di illustrare i pezzi in esposizione.

marcello chiarenza unicredit pavillion (2)

Marcello Chiarenza all’Unicredit Pavillion dialoga con l’architetto Michele De Lucchi (foto: Christian D’Antonio per The Way Magazine).

Le persone gli sono riconoscenti per aver sempre creato sculture “anonime, perché non devono essere interpretate in base a chi le fa, ma in base a quello che suscitano“, dice lui. Che della sua arte racconta: “Nel mio lavoro subisco l’attrazione ed il fascino dello spazio,. gli orientali direbbero del vuoto,. quell’oceano infinito delle possibilità”.

La Passerella dell’Arte nell’avveniristico Pavillion in zona Porta Nuova, è visitabile gratuitamente fino al 28 marzo.
marcello chiarenza unicredit pavillion (5)
Architetto di formazione, siciliano di origine, milanese d’adozione, Chiarenza (1955) ha sviluppato nel corso di diversi anni di attività una ricerca poliedrica che si fonda e si alimenta proprio nel dialogo tra ambiti e discipline diverse, tra scultura, pittura e teatro. Ci sono degli oggetti esposti che sono altamente scenografici e teatrali, altri di un minimalismo commovente, molti di estrazione naturale e semplice che però colpisce per il richiamo a memorie e simboli radicati nel mito e nella tradizione. Sono opere di piccole dimensioni e sculture sospese che con la loro leggerezza suggeriscono l’impalpabilità delle emozioni attraverso delicati slanci poetici.
Suprema la “Pesca delle stelle”, rete che dalle profondità dell’acqua scura delle origini, riflette scintillante gocce d’acqua e luce.
In occasione della mostra sarà edito da UniCredit Pavilion un catalogo concepito come libro di artista, acquistabile presso il Bookshop. La mostra è organizzata in collaborazione con la galleria Avanguardia Antiquaria.

Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Fashion - 19/01/2017

JF London tutto fa 80: pelliccia negli anfibi

L'autunno/invenro 2017/2018 di Joshua Fenu per il brand JF London è un tripudio di lucchichii anni [...]

Fashion - 22/09/2016

Angelo Marani sogna la Los Angeles degli anni 70

Angelo Marani ci porta Los Angeles negli anni 70 e ci fa un bel regalo visivo con la collezione Los [...]

Leisure - 04/07/2017

Viaggio in Sicilia, i miti del Mediterraneo attraverso artisti contemporanei

Al Museo Archeologico Regionale Antonino Salinas di Palermo fino al 10 settembre 2017,Viaggio in Sic [...]

Top