Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 27/02/2019

Le arti si incontrano nell’opera di Bruno Munari

"Xerografia. Documentazione sull'uso creativo delle macchine Rank Xerox" fu un volume epico. A New York, Napoli e Madrid.

Bruno Munari (Milano, 1907-1998), designer, scrittore e uno dei massimi protagonisti dell’arte programmata e cinetica, è autore di una ricerca multiforme che, al di là di ogni categorizzazione, definisce la figura di un intellettuale che ha interpretato le sfide estetiche del Novecento italiano, esplorando la relazione fra le discipline e l’interscambio fra il concetto di opera e quello di prodotto, fra forma e funzione.

NAPOLILa Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, in collaborazione con la Fondazione Plart, fino al 20 marzo 2019 presenta la mostra BRUNO MUNARI. I colori della luce, a cura di Miroslava Hajek e Marcello Francolini, realizzata presso il Museo Plart (Via Giuseppe Martucci 48, Napoli). La mostra presentata al Plart analizza un aspetto in particolare e uno specifico corpo di lavori di Munari, le Proiezioni a luce fissa e le Proiezioni a luce polarizzata realizzate negli anni Cinquanta del secolo scorso, con cui porta a compimento la sua ricerca volta a conquistare una nuova spazialità oltre la realtà bidimensionale dell’opera. L’artista, esplorando la nozione di dipingere con la luce, arriva dapprima, nel 1950, al processo di smaterializzazione dell’arte attraverso l’uso di proiezioni di diapositive intitolate Proiezioni Dirette: composizioni con materiali organici, pellicole trasparenti e colorate in plastica, pittura, retini, fili di cotone fermati fra due vetrini. Questi piccoli collage erano proiettati al chiuso e all’aperto, sulle facciate di edifici, dando una sensazione di monumentalità e conquista di un’inedita spazialità, tridimensionale e pervasiva, dell’opera. Nasce così la “pittura proiettata” di Munari che, progredendo nelle sue indagini, giunge al suo culmine nel 1953, quando scopre e mette a punto per la prima volta il modo in cui scomporre lo spettro di luce attraverso una lente Polaroid. Utilizzando, infatti, un filtro polarizzato movibile applicato a un proiettore per diapositive, Munari ottiene le Proiezioni Polarizzate con cui compie l’utopia futurista di una pittura dinamica e in continuo divenire.

Le proiezioni dirette e quelle polarizzate sono presentate per la prima volta nel 1953 a Milano nello studio di architettura B24, che allora era uno spazio per le esposizioni del MAC-Movimento per l’arte concreta, e poi nel 1955 al MoMA di New York con il titolo di Munari’s Slides, nell’ambito di una mostra personale. Successivamente saranno presentate nel 1955 alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma ed infine a Tokyo, Stoccolma, Anversa, Zurigo, Amsterdam.

ALTROVE – La mostra che apre in Spagna, Bruno Munari – playing art. education, art, and design dal 22 marzo 2019 (Fondazione Juan March, Madrid) fa da contrappunto all’altra mostra dall’altra parte del mondo, da Kaufmann Repetto a New York (55, Walker Street, dal primo al 23 marzo) che ripropone gli esperimenti con la macchina Xerox che l’artista fece in pieni anni 60 (foto d’apertura). L’artista diede alle stampe addirittura un manuale Xerografia. Documentazione sull’uso creativo delle macchine Rank Xerox, che segnò la sua carriera.



Leisure - 13/11/2018

Scendi da casa, c’è Radio NoLo che ti aspetta

Per il successo di esperimenti sociali di vicinato attivo  come Radio NoLo a Milano si può pensare [...]

Design of desire - 14/02/2019

Un laghetto firmato Balich per il Salone del Mobile che omaggia Leonardo

Il Salone del Mobile.Milano anticipa le commemorazioni cittadine per i 500 anni dalla morte di Leona [...]

Fashion - 06/03/2018

Emanuela Caruso, sandali e borse degli artigiani campani

Sandali e borse con applicazioni e vivaci colori che fanno già design da se, sono i segni distintiv [...]

Top