Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 02/11/2018

Le gallerie di Artissima 25, dove va l’arte nel 2018

"Il tempo" è il fil rouge delle esposizioni. Attesi 50mila visitatori all'Oval a Torino. Le tendenze? Etnico e multimaterico.

Anche se gli esperti inorridiscono a paralre di tendenza artistica, ad Artissima nel 2018 i trend si vedono e come. La fiera di arte contemporanea a Torino questo lungo weekend celebra il suo venticinquesimo anniversario e attende 50.000 visitatori da venerdì 2 a domenica 4 novembre all’OVAL di Torino. Riconosciuta a livello internazionale per l’attenzione alle pratiche sperimentali e come trampolino di lancio per artisti emergenti e gallerie di ricerca, Artissima ha molta arte multimaterica e un occhio puntato più che in passato all’arte etnica. Cioè quella proposta che arriva dai paesi emergenti che non imitano gli occidentali ma provano a dialogare con loro usando i propri linguaggi.

Il fil rouge della venticinquesima edizione è “il tempo” (Time is on our side – Il tempo è dalla nostra parte) inteso non come statica cristallizzazione del ricordo e della celebrazione, ma proposto come flusso dinamico, in grado di imprimere il ritmo del cambiamento, preservando la sospensione temporale dell’emozione dell’opera d’arte. Il “tempo” di Artissima assume quindi una duplice valenza: un passato eloquente e un futuro aperto all’indagine creativa.

ANAZ MODABBER Current Cartography, 2017
graphite on paper 1000×100 cm Courtesy The artist and Ab-Anbar Gallery, Tehran

SIMONE MUSSAT SARTOR
Private memories #1, 2018 Polaroid 19,5×33 cm Courtesy Alberto Peola Arte Contemporanea

 

GIOBERTO NORO
Lorem Ipsum, 2017 Archival pigment print on cotton paper
104×152 cm Courtesy Alberto Peola Arte Contemporanea

ANDREW ROSS
The Medium, 2017 Light bulbs, aluminium, plastic, electrical components, steel wires
200x120x10 cm Courtesy Clima, Photo: Marco Davolio

 

NICOLA DE MARIA
La libertà, 2016 pigments on paper
98×199 cm Courtesy Galleria Giorgio Persano
Photo: Nicola Morittu

 

TAMáS KASZáS
Space Colonization, 2017 steel
240x100x100 cm Courtesy artist and Kisterem
Photo: Tom Callemin

 

HENRIKE NAUMANN
Traueraltar Deutsche Einheit , 2018
Mixed media Dimensions variablex cm
Courtesy Courtesy by the artist and KOW, Berlin
Photo: Achim Kukulies

 

SÉRGIO CARRONHA
Sem título, 2017 Polychrome terracota, slip
54x31x2 cm Courtesy The artist and Monitor Rome, Lisbon
Photo: Bruno Lopes



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Society - 02/02/2018

Mirco Toffolo: “Fotografare Venezia per trasmettere un incanto”

Fotografare il Ballo del Doge è sicuramente una delle esperienze più interessanti per un fotografo [...]

Fashion - 10/06/2016

Angelo Cruciani lancia il Pink Power a Pitti Uomo 2016

Angelo Cruciani è molto più che uno stilista. Si è fatto conoscere nel mondo della moda per l [...]

Fashion - 04/11/2016

Cotonificio Albini, le camicie ispirano un’opera d’arte commemorativa

Le camicie made in Italy ispirano un'installazione d'arte. Accade per celebrare il 140° anniversari [...]

Top