Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 22/10/2017

Le mille luci di New York questa volta è una mostra

Warhol, Basquiat, Haring, Schnabel e Clemente hanno dei legami con Napoli. Una mostra alle Gallerie d'Italia li celebra.

Ci sono due modi per leggere gli anni Ottanta del Novecento mondiale: la pittura e New York. Basterebbero questi due elementi per capire tanto di “sua evanescenza” come si diceva all’epoca e la mostra “​Le mille luci di New York​”, ​curata da Luca Beatrice, a Napoli intende proprio fare questo. A palazzo Zevallos Stigliano nella centralissima via Toledo, l’accostamento di Jean Michel Basquiat, Francesco Clemente, Keith Haring, Julian Schnabel e Andy Warhol intende rileggere gli anni Ottanta partendo dai suoi principali protagonisti attraverso le due chiavi di lettura di cui vi abbiamo parlato.

Ma la cosa straordinaria è il legame che la scena artistica di New York​ aveva in quegli anni con la Napoli del post-terremoto e dei trionfi calcistici di Maradona. Un rapporto non ancora celebrato abbastanza e in cui il gallerista Gianni Amelio ebbe una rilevanza importantissima.

Si ricordano prolifici soggiorni di Andy Warhol​ e KeithHaring​ in città (il primo volle dormire all’Excelsior nella suite di Liz Taylor) le esperienze promosse dal gallerista Lucio Amelio e il lavoro del pittore napoletano FrancescoClemente​, emerso con il gruppo della Transavanguardia e poi trasferitosi a Manhattan. Lì Clemente all’inizio della sua popolarità addirittura dipinse il soffitto della discoteca trendy Palladium, dove avvenivano i primi party di MTV.  Napoli un decennio fa fu protagonista di una irripetibile mostra dove Warhol, Clemente e Jean-Michel Basquiat collaboravano assieme su dei quadri.​ E Basquiat con Haring continua ancora oggi a popolare i sogni di chi quegli anni 80 vuole studiarli. , emblematicamente rappresenta la storia tanto rapida quanto folgorante degli anni Ottanta.

Emblematico anche il titolo, Le mille luci di New York: era un romanzo dello scrittore statunitense Jay McInerney uscito a metà degli anni 80 e divenuto nel 1988 un famoso film con Michael J Fox.

A Julian​ Schnabel​, pittore e regista, è poi affidato il racconto che negli anni Novanta si è fatto di quella generazione di artisti – in particolare di Basquiat – attraverso il suo ritratto generazionale in forma di film dedicato proprio all’amico e collega scomparso a soli 27 anni.

Ovvia la scelta di incentrare l’appuntamento su due opere simbolo di Warhol legate a Napoli: il ciclo Vesuvius e quel “Fate Presto”, prima pagina de Il Mattino riprodotta in dimensioni giganti, realizzata all’indomani dello spaventoso terremoto del 1980.

Periodo
15 settembre – 5 novembre 2017

Dove
Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano
Via Toledo 185
Napoli

Orari
Da martedì a venerdì dalle 10 alle 18 (ultimo ingresso alle 17:30)
Sabato e domenica dalle 10 alle 20 (ultimo ingresso alle 19:30)
Lunedì chiuso



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Leisure - 06/07/2018

Storia di una giacca unica, Les Benjamins per JayZ

E così arrivò il giorno dei Carters, ovvero Beyoncé e JayZ, che con il loro On The Run Tour II (O [...]

Society - 02/07/2018

Miss Burlesque, parla Stefano Regina: “Ho scoperto la forza delle donne”

Ogni settimana è stato a caccia di femminilità, seduzione, ironia, intelligenza e un look ultra se [...]

Trends - 11/11/2016

La Dolce Vita è nel food, ecco il panettone vegano

Dolce Vita Food si prepara a un Natale salutista e lancia in Italia i cioccolati funzionali e i pane [...]

Top