Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 21/06/2018

Le “statue vive” di Sergio Visciano a Napoli

Ogni mattina al Museo del Castello di Baia a Bacoli va in scena una lezione di bellezza attraverso le foto che ritraggono l'archeologia. Imperdibile.

Statuae Vivae. Fotografie di Sergio Visciano”, una mostra di fotgorafie che mira a rendere vive e attuali le bellissime statue ritrovate nelle aree archeologiche di Napoli.
Da sabato 30 giugno  presso il Museo Archeologico dei Campi Flegrei nel Castello di Baia (Bacoli – NA) parte il progetto che comprende ventisette opere di cui sedici dedicate al museo flegreo.
L’esposizione nasce dall’esigenza di attualizzare la bellezza classica proposta da capolavori della scultura antica esposti in vari musei italiani: volti, corpi, gesti che attraverso lo sguardo dell’artista trascendono la materialità del marmo e producono nuove percezioni, altri racconti, molteplici riflessioni.

“Una mostra che arricchisce il percorso di visita del Museo Archeologico dei Campi Flegrei –  afferma il direttore Paolo Giulierinidove lo straordinario repertorio scultoreo flegreo diventa ispirazione e reinterpretazione in una dimensione di incontro tra mondo antico e creatività contemporanea, che è uno dei tanti dialoghi che il museo si propone di promuovere e favorire”.

L’interesse principale che muove l’autore è creare una connessione tra opera d’arte, fotografo e spettatore, al fine di valorizzare ciò che sta all’interno della statua, la sua essenza, che va oltre il tempo e oltre il contesto storico in cui è stata realizzata.

Volti, corpi, gesti che attraverso lo sguardo dell’artista trascendono la materialità del marmo e producono nuove percezioni, altri racconti, molteplici riflessioni. Sono ventisette le opere in mostra, di cui sedici dedicate al museo flegreo. Gli scatti offrono un catalogo di divinità, eroi, personaggi mitici, rappresentazioni ideali di atleti del mondo antico: accanto alle opere del Museo Archeologico dei Campi Flegrei nel castello di Baia (la statua di Persefone e la testa di Atena Lemnia dal Rione Terra, la statua di Issione sempre da Pozzuoli, la statua di Ninfa seduta da Cuma, la statua di bambina dal Ninfeo sommerso di Punta Epitaffio, e altre), trovano posto il Doriforo, l’Afrodite di Capua e due statue di guerrieri della Collezione Farnese esposti nel Museo Archeologico Nazionale di Napoli, la Niobide dagli Horti Sallustiani del Museo Archeologico Nazionale Romano-Palazzo Massimo, il Galata morente dei Musei Capitolini.

Un viaggio iniziato nel 2006, partendo dalle visioni suggestive del maestro Mimmo Jodice, e costruito nel corso di frequenti visite nei principali musei archeologici (Roma, Napoli, Baia), che ha avuto una prima tappa espositiva presso la Reggia di Colorno (PR) con la curatela di Paola Riccardi. Al Museo Archeologico dei Campi Flegrei nel Castello di Baia approda con un percorso ampliato ad hoc, centrato sulle opere artistiche presenti in questo contesto. E non è un caso, forse, che già in testa al primo progetto fotografico fossero stati scelti i versi dell’Imperatore esteta Adriano che proprio a Baia concluse la sua vita.

Sergio Visciano, geologo e fotografo, partecipa in gioventù a numerose ricerche archeologiche organizzate dalle Università di Padova, Londra e Lancaster.

Dal 2005 espone i propri lavori fotografici e pittorici a Verona, Roma, Milano e Venezia. Di particolare interesse il progetto fotografico Statuae Vivae, a cura di Paola Riccardi, in mostra alla Reggia di Colorno nell’ambito di Photolife 2011 con, tra gli altri, il grande maestro Nino Migliori e il progetto La Divina Commedia per Immagini, presentato alla Società Dante Alighieri di Roma e presso il Castello Sforzesco di Milano nel 2015, nell’ambito degli eventi per il 750° anniversario della nascita del Sommo Poeta.

La mostra, con data di inaugurazione sabato 30 giugno e apertura al pubblico domenica 1 luglio, resterà aperta fino al 30 ottobre 2018. 

Museo Archeologico dei Campi Flegrei nel Castello di Baia

t 081 5233797

via Castello 39, Bacoli (NA)

pa-fleg@beniculturali.it

 

orari

Tutti i giorni, tranne il Lunedì,

dalle 9.00 alle 14.20

– ultimo ingresso alle ore 13.00 –

 

Main Sponsor: Di Mauro Flexible packaging



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Fashion - 30/03/2016

Gerardo Orlando, creare moda con l’architettura nel cuore

Gerardo Orlando è uno stilista introspettivo e riservato. Lavora da due decenni nel campo della mod [...]

Leisure - 21/10/2016

Le cattedrali dell’energia: foto di turbine con l’anima dalla Fondazione Aem

Fondazione Aem apre l'archivio e si scopre che anche le turbine hanno un’anima. Oltre a ferro e ru [...]

Leisure - 18/01/2018

Taste Of Courmayeur chef ad alta quota

Il festival degli chef, dopo Milano e Roma, si sposta ai piedi del Monte Bianco e diventa Taste of C [...]

Top