Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 24/01/2018

L’ode alla libertà di Pierre Et Gilles

Pierre et Gilles sono un brand che dice molto della cultura contemporanea francese. Riconosciuti in tutto il mondo per i loro ritratti onirici e fanciulleschi, sono tornati alla Galleria Templon, un’istituzione a Parigi visto che Daniel Templon si è reso responsabile presso i francesi dell’apertura a opere di Basquiat e Warhol.

La mostra che è partita da poco riporta l’immaginario del loro universo colorato con le icone che raffigurano nelle loro opere che splendono più che mai in questa nuova serie “Le temps imaginaire”, un’ode alla tolleranza e alla libertà. Si tratta di un primo ritorno in galleria dopo la grande retrospettiva di Bruxelles che ha svelato a tutti le loro complessità artistiche e ruolo sociale.

templon

Love from Paris (Lukas Ionesco, Nassim Guizani & Angele Metzger) (2016)

Il mondo di Pierre e Gilles, incantato ma tormentato dalle notizie, gioca con un certo “spirito francese” dove la diversità, l’apertura agli altri ma anche la nozione di resistenza prendono una dimensione sia seria che leggera. Il duo riporta una commovente preghiera serale di un giovane musulmano, un trio innamorato sul fondo della Torre Eiffel che evoca uno spirito libero di Parigi.  In un’alcova della galleria, Pierre e Gilles rendono omaggio al pittore Bernard Buffet, che sceglie di suicidarsi invece di abbandonare la pittura. E poi le celebrità viste sotto punti di vista inediti come Michael Jackson.

“Non c’è una verità, ma innumerevoli possibilità – ricorda Sophie Duplaix, chief curator al Mnam – Centre Pompidou – “sono guardiani illuminati di valori universali, mai ostacolati da considerazioni morali o discriminazione politica ”

Pierre et Gilles, Le temps imaginaire – fino al 10 marzo 2018 a Parigi

templon.com

 Foto apertura Jean Paul Gaultier e foto dell’opening copyrights © Say Who/J.Weber


Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Design of desire - 07/10/2016

Design a tavola, da G Lab l’artigianato di classe italiano

Il design a tavola è diventato un classico delle rassegne che portano alla luce nuovi fenomeni di s [...]

Society - 03/12/2018

La Milano creativa di Flavio Lucchini

"Il Destino - dovevo fare il contadino ma ho incontrato la moda (e non sono uno stilista)" è il nuo [...]

Leisure - 02/12/2016

Sopra i tetti della Galleria, la Highline di Milano

Anche Milano ha la  sua Highline ed è un posto nascosto da scoprire, suggestivo come e forse più [...]

Top