Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 14/03/2019

Passion Animation Studios, da Londra le animazioni per il mondo

Hanno trasferito “La Carica dei 101” da un mondo fatato alla Londra contemporanea, includendo persino alcune scene nell’alternative area di Camden Town. Solo per questo, Passion Animation Studios, la cartoon company vincitrice di premi Oscar® e BAFTA a Londra, meritano attenzione.

In realtà i Passion Animation Studios, con sede a Londra e un team internazionale composto da più di cinquanta artisti, sono i produttori principali della serie Disney 101 Dalmatian Street ma molto di più. Come ci ha detto la responsabile dei film animati e tv Cara Spiller, “il nostro team è altamente internazionale e riceve stimoli continui per la grande creatività che c’è a Londra in questo momento”.

Cara Speller, a Milano ha presentato il suo lavoro per la Disney in “101 Dalmatian Street”.

Confortante sapere che nella capitale delle tendenze europee in materia di comunicazione e pubblicità, si respiri ancora un clima cosmopolita a dispetto del vento contrario nell’anno della Brexit.

L’ultima serie prodotta, quella dei cani a pois in onda anche in Italia su Disney Channel, è stata sviluppata dal team di animazione che ha lavorato con la Gigglebug Entertainment a Helsinki, che ha fornito lo sviluppo del concept e sta creando contenuti digital e short form per accompagnare la serie.
Scritta da Maria O’Loughlin e diretta da Miklos Weigert, con Cara Speller nel ruolo di produttrice esecutiva, la serie è composta da 10 corti da 2 minuti ciascuno, 40 episodi da 11 minuti e 5 speciali di 22 minuti.

Cara Speller è una produttrice esecutiva il cui lavoro ha ottenuto una nomination agli Oscar e un premio BAFTA. La sua attività spazia dalla musica all’animazione, passando per gli effetti speciali, il teatro e il cinema. Durante il suo passaggio a Milano ha illustrato come i cani animati di Dalmatian Street siano stati concepiti ognuno con la propria personalità e peculiarità, sintomo del grande lavoro che c’è dietro una serie di questo tipo che ha la funzione di rilanciare un marchio d’animazione già famoso e allo stesso tempo stimolare curiosità negli spettatori (grandi e piccoli) di tutto il mondo.

Ha collaborato per 17 anni con la band animata Gorillaz producendo la maggior parte della loro attività visual. Dal 2013 sviluppa e produce una serie di film e progetti televisivi per i Passion Animation Studios, compreso il cortometraggio girato da Robert Valley “Pear Cider and Cigarettes” che ha ottenuto una nomination all’Oscar e vinto un Annie Award.

Cara ha poi prodotto due serie brevi: Marvel’s Ant-Man e Marvel’s Rocket & Groot, quest’ultima di recente nominata agli Emmy Awards.

Alcuni esempi dall’incredibile carnet di animazioni di PAssion Animation Studios.

Ora la Gigglebug Entertainment a Helsinki, che ha fornito lo sviluppo del concept e sta creando contenuti digital e short form per accompagnare la serie dei Dalmata, è ancora a lavoro.

“Per noi della Passion è un vero privilegio lavorare al fianco di Disney, reimmaginando la storia classica de “La Carica dei 101″ e creando qualcosa di davvero innovativo per il 2019 con 101 Dalmatian Street”. – ha affermato Cara Speller, Executive Producer della serie – “Siamo davvero entusiasti che i bambini e le loro famiglie possano conoscere e amare la nostra vasta gamma di personaggi colorati e divertenti non solo i protagonisti Dolly e Dylan, ma anche gli altri 97 cuccioli, loro fratelli e sorelle più piccoli, così come tutti gli amici del quartiere”. 

 



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Fashion - 27/02/2019

Audacia e anticonformismo: è la moda di Antonio Marras

Con una lettera a Efixeddu in un libricino curato come un'opera d'arte "Ritratto di Medea", Antonio [...]

Design of desire - 27/01/2016

Patrizia Fabri, da Roma ai Brit Awards

Patrizia Fabri ha il merito di aver riaperto la più antica cappelleria di Roma. "Da sempre – dice [...]

Design of desire - 13/10/2017

Nello studio di Ettore Sottsass, sperimentatore eclettico

Il grande archivio di 14mila materiali e 24 sculture donate dal designer e architetto Ettore Sottsas [...]

Top