Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 28/11/2018

Paul Is Dead: il giallo della presunta morte di McCartney diventa una graphic novel per la 80144 Edizioni

Michelangelo Iossa ha letto in anteprima per The Way Magazine “Chiedi a John – Quando i Beatles persero Paul”. E per sentirlo sintonizzatevi su Radio Radiosa il 29 novembre 2018.

L’anno prossimo saranno esattamente 50 anni dalla diffusione della più duratura leggenda urbana della storia del rock: la presunta morte di Paul McCartney e la sua sostituzione con un sosia perfetto.

Era il 12 ottobre 1969 quando Russ Gibb, deejay statunitense della stazione radiofonica WKNR-FM di Detroit, ricevette la telefonata di un ascoltatore che dichiarò di essere in possesso delle prove della morte del musicista di Liverpool. Nel giro di poche ore si diffuse la notizia in maniera incontrollata. Da allora la leggenda non ha mai smesso di circolare e la figura di William Campbell – sostituto del Beatle – è stata raccontata in articoli, saggi, special televisivi e radiofonici e spettacoli teatrali.

L’italiana 80144 Edizioni ha pubblicato in questi giorni una bella graphic novel intitolata “Chiedi a John – Quando i Beatles persero Paul” firmata dallo sceneggiatore Paolo Baron e dal disegnatore Ernesto Carbonetti.

The Way Magazine” l’ha letta in anteprima: il volume è senza dubbio uno dei migliori esempi di graphic novel in ambito beatlesiano a livello europeo degli ultimi anni.

Punto di partenza del racconto è, naturalmente, quel ‘maledetto’ giorno di novembre del 1966 in cui l’Aston Martin di Paul McCartney si sarebbe incendiata e distrutta per via di un incidente terribile. La morte improvvisa del musicista, il pericolo della fine del sogno degli anni Sessanta, il tracollo dell’industria-Beatles quale miglior prodotto di esportazione britannico della Swinging London, il dolore di milioni di ragazzi e di Beatlemaniacs. Come fare a risolvere questo complicatissimo dramma generazionale? Semplice: con l’aiuto di un sostituto, selezionato con un concorso per sosia di celebrities.

Protagonisti di questa storia raccontata da Baron e Carbonetti sono John Lennon, George Harrison, Ringo Starr e il manager dei Fab Four, mr. Brian Epstein: a fare da sfondo al surreale psicodramma beatlesiano sono, naturalmente, i leggendari studi di Abbey Road, laboratori creativi che in quei giorni tra il 1966 e il 1967 ospitano la genesi di “Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band”, il più celebre concept album dell’intera storia del rock.

“Chiedi a John” è un lavoro molto ben concepito, con più piani di lettura e con una efficace alternanza tra il punto di vista dei tre Beatles e quello di William Campbell, musicista entrato da prim’attore nella storia del complottismo-rock!

Testo a cura di Michelangelo Iossa per The Way Magazine. L’autore sarà ospite 29 novembre 2018, a diciassette anni esatti dalla scomparsa di George Harrison, al popolare programma radiofonico “GinTonik” condotto da Gino Stigliani sulla storica emittente lucana Radio Radiosa Music (e su Radio Radiosa TV). Una puntata ai BEATLES andrà in onda il 29 novembre dalle 20 alle 22 dove si parlerà anche del suo recente libro “LOVE – Le Canzoni d’Amore dei Beatles”.



Leisure - 19/03/2018

Baustelle al nuovo disco. “Ma sono pezzi facili”

In un tempo di 12 mesi i Baustelle ci deliziano con ben due dischi. Per la prima volta nella storia [...]

Luxury - 13/10/2017

McLaren, con le Special Operations realizza supercar personalizzate

Un numero sempre maggiore di clienti è interessato alla possibilità di avere una vettura fatta su [...]

Travel - 15/02/2017

Grandi Giardini Italiani, l’arte del gardening all’italiana

Grandi Giardini Italiani, il network dei più bei giardini visitabili in tutta Italia, in 20 anni ha [...]

Top