Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 18/02/2019

Villa Clerici a Milano, l’arte sacra e contemporanea

Una delle maggiori raccolte disponibili con artisti di varia estrazione. Il mosaico e la vetrata sono rappresentati da Bodini, Carpi, Longaretti, Fazzini e Salietti.

La Galleria d’Arte Sacra dei Contemporanei (GASC) è una delle maggiori raccolte d’arte sacra di artisti contemporanei.

Negli anni ’50, in seno alla Casa di Redenzione Sociale, venne a formarsi un cenacolo di artisti italiani che progettava un nuovo dialogo tra arte e annuncio cristiano. Ospitata nelle sale di Villa Clerici, costituisce da allora una feconda risorsa che allarga l’attività educativa con quella culturale.

Da questo fermento di collaborazione e di creatività è sorta la Galleria d’Arte Sacra dei Contemporanei che oggi possiamo visitare con le sue opere d’arte.

La GASC organizza costantemente mostre, cicli di incontri, laboratori ed educational.

La raccolta, frutto di una fitta rete di relazioni e scambi con i maggiori artisti coevi, non nasce solo come spazio espositivo ma vuole essere luogo di incontro, dibattito e confronto in merito a temi e iconografie. Per questa ragione sovente sono gli artisti stessi a donare le proprie opere, desiderosi di essere rappresentati in una collezione che offre una panoramica vivace ed esaustiva di come gli artisti, uomini del loro tempo, hanno affrontato la dimensione del trascendente.

È significativa la presenza di artisti lontani dalla Chiesa o da confessioni religiose, ma uniti dalla necessità di riflettere sulla dimensione spirituale.

La collezione si contraddistingue per la varietà di tecniche e materiali, così come per gli autori rappresentati.

Per la pittura artisti come Bellotti, Bodini, Carena, Carpi, Consadori, Filocamo, Longaretti, Speranza e Zigaina.

Andreotti, Biancini, Bodini, Cassino, Fazzini, Manfrini, Messina, Carlo Paganini, Pellini, Rudelli e Scorzelli per la scultura e la ceramica.

Il mosaico e la vetrata sono rappresentati da Bodini, Carpi, Longaretti, Fazzini e Salietti, mentre Martinotti ed Ettore Paganini si distinguono per i colori vivaci dei loro smalti.

Consadori, Filocamo, Manfrini, Manzù, Scorzelli, Usellini narrano attraverso i tratti del disegno e della grafica.

Non mancano gli esempi più contemporanei caratterizzati da nuovi linguaggi ed interpretazioni. Ne sono un esempio i lavori di Bonomi, Gabriel, Mandel, Orlandi e Vago.



Design of desire - 01/04/2019

Teste di moro in chiave pop di Michael Milesi

La testa di moro è un archetipo dell'estetica che naviga tra i trend e i ricorsi storici da secoli. [...]

Travel - 05/12/2017

Al Vilnius la vera essenza del Natale baltico

È al centro dell’Europa e custodisce il vero spirito del Natale illuminato. Si tratta di Vilnius, [...]

Luxury - 17/04/2018

Hervé Gambs, creare profumi per il lusso anticonformista

Abbiamo provato i profumi di HERVÉ GAMBS all'ultima edizione milanese di Esxence ed è davvero un'e [...]

Top