Magazine - Fine Living People
Luxury

Luxury - 02/03/2018

La rinascita della Jaguar D-type, gli anni 50 ripartono dal 2018

Uno dei miti della 24 ore di Le Mans prenderà vita e ne verrà finita la produzione interrotta nel 1956.

Ci sono periodi storici che vorremo non finissero mai. Per gli appassionati dell’automobilismo sportivo sicuramente il momento migliore è partito con l’inizio degli anni 50 per poi concludersi (tranne qualche strascico) con la fine del millennio.

Durante quegli anni le competizioni sportive erano alimentate da grande agonismo tra le scuderie e i piloti in gara. I successi che rimasti nella storia sono molteplici e al giorno d’oggi possedere una vettura da competizione dell’epoca o una vettura derivata da essa (parliamo di modelli originali e non di reppliche, ndr) è un vero privilegio. Molti sono anche i restauri che gli appassionati hanno messo in pratica per conservare al meglio i modelli più pregiati.

jaguar d-type

La D-type montava un motore 6 cilindri in linea di 3.442 cm³ che nella versione da competizione raggiungeva i 285 CV.

Jaguar tra i costruttori è stato tra i principali protagonisti di quel periodo storico collezionando molte vittorie in molte gare. Nel periodo compreso tra il 1955 e il 1957 ha vinto per tre volte la 24 ore di Le Mans con la magnifica D-type.

Di questo modello, in quegli anni, dovevano essere prodotti 100 esemplari, purtroppo o per fortuna dei possessori, ne furono prodotti solamente 75.

Come è già successo nel 2014/15 con il completamento della produzione dei sei esemplari mancati della E-type Lightweight e nel 2017 con gli ultimi nove esemplari della XKSS, Jaguar attraverso la sua divisione Classic produrrà gli ultimi 25 esemplari della D-type.

“La Jaguar D-type è un icona di bellezza e delle competizioni, è un auto che ha battuto record mondiali nel mondo delle corse e poterla osservare è ancora un piacere per gli occhi.” commenta Tim Hanning, direttore del dipartimento Jaguar Classic, “siamo orgogliosi di far continuare la storia del modello, completando la produzione originale.”

Sessantadue anni dopo l’uscita di fabbrica dell’ultimo esemplare prodotto, i disegni originali e le consulenze degli ingegneri dell’epoca faranno ancora da guida per la costruzione dei nuovi esemplari di D-type.

I clienti potranno scegliere di acquistare la D-type con le specifiche del 1955 o del 1956 che oltre a diverse migliorie tecniche si distingueva per la caratteristica ala che si ereggeva dietro il posto del guidatore.



Francesco D'Agostino
Figlio degli anni 90, spinta digital-social di The Way, si è fatto le ossa nel patinato mondo di To Be Magazine. Per scoprire che il dandy elegant che stava impersonando necessitava di una vetrina all’altezza anche sul web. Senza cercare altrove, se l’è creata da solo. Mette passione solo in quello che gli interessa veramente. Al resto nemmeno ci pensa. Grafica, biz obsession e una giusta dose di involontaria leadership lo proiettano sempre al minuto dopo.
Fashion - 27/01/2016

Paolo Pecora punta ai gentlemen

Da secoli gli uomini si riuniscono in gentlemen clubs, ci vanno per giocare, bere, fumare, leggere i [...]

Design of desire - 05/02/2016

Casalgrande si affida a Pininfarina e Daniel Libeskind

Casalgrande Padana stringe partnership con Pininfarina. E non solo. Non basta essere i primi nella p [...]

Leisure - 07/04/2016

International Radio Festival a Milano: la radio in carne e ossa

International Radio Festival è pronto per accogliere a Milano tutti gli appassionati della radio de [...]

Top