Magazine - Fine Living People
17/12/2017 - Click e Chic – Calendario Sposa
Luxury

Luxury - 26/11/2017

Le vite degli altri raccontate dai gioielli preziosi

Il ibro Una Vita a Gioiello presentato all'Accademia Costume & Moda dall'autrice Patrizia Carobbio. Miti glamour ed eleganza alla portata di tutte.

L’Accademia Costume & Moda ha ospitato la presentazione del nuovo libro di Patrizia di Carobbio, “Una vita a gioiello”. Oltre all’autrice, Marina Valli, direttrice del Master in Fashion Jewellery dell’Accademia, e Lucia Pasqualini, Head of Scholarships program, promotion of Italian language and higher education per il Ministero degli Affari Esteri, hanno fatto sognare le signore presenti con immagini di gioielli favolosi, come le fedi di Liz Taylor vendute dopo la sua morte per oltre un milione di dollari a fronte di una stima di 500/600 mila dollari. A dimostrazione di come i gioielli possano diventare uno status symbol ed acquistare un valore simbolico legato alla loro storia che può andare ben al di là della quotazione di mercato. Bracciali, anelli, orecchini e collane non sono, infatti, semplici ornamenti ma esprimono il carattere e la personalità di chi li indossa. Così l’annoiata moglie di un miliardario indossando quegli anelli potrà immaginare di vivere la vita tumultuosa della splendida Liz.

Patrizia di Carobbio racconta la sua vita con semplicità e naturalezza, come se la sua attività di commerciante di gioielli di altissimo livello sia alla portata di tutti. Ricorda i suoi inizi: dopo un’esperienza professionale da Christie’s a Londra, dove le era stato chiaramente detto che una donna, lì, con i gioielli non avrebbe mai potuto lavorare, quando al marito venne data la possibilità di scegliere tra un lavoro a Parigi e uno a New York spinse per andare a New York, dove, sicuramente, avrebbe avuto più possibilità professionali nel campo dei preziosi. Così è diventata una delle prime banditrici d’asta da Christie’s, ed in pochi anni è diventata responsabile del reparto gioielli. Oggi ha lasciato Christie’s per dedicarsi al commercio di diamanti, gioielli e pietre preziose.

Di New York, dove tutt’ora vive e lavora, dice che le dà energia e positivismo, la ” fa sentire che qui tutto è possibile”.   E poi sicuramente il mercato americano del gioiello offre ben altre possibilità che in Italia: ad esempio, il rito dell’anello di fidanzamento è per la donna americana irrinunciabile e carico di significati che da noi, grazie a una radicale rivoluzione di modelli sociali, ha in parte perduto.

A chi le chiede come sia nata questa passione per i gioielli, dice di pensare che sia sempre stata dentro di lei, ma che sia stata risvegliata già a sei anni, quando ha tenuto in mano il suo primo brillante.

Ma “è stato lavorando, toccando con mano le pietre e ascoltando chi mi stava intorno che ho davvero imparato il mio mestiere. Da Christie’s ho imparato che lavorare tanto è fondamentale e ho capito che si impara per osmosi, stando accanto a chi ti può insegnare qualcosa, ascoltando e assorbendo dall’ambiente che ti circonda. È importante quindi essere sempre aperti alle novità, essere curiosi, attenti, flessibili e, soprattutto, umili”.

Come si diventa un broker di successo? Occorre “avere un buon network di relazioni, saper ascoltare, sentire e capire cosa succede ogni giorno nel proprio mercato di riferimento e sfruttare a proprio vantaggio questa conoscenza”. Ma bisogna anche “saper entrare in contatto”, stabilire un rapporto con le persone con cui si tratta, saper partecipare e condividere l’emozione di chi acquista un gioiello.

Ma una delle più affermate commercianti di gioielli sa essere leggera e simpatica. Alla presentazione del suo libro, affascinante in un abito elegante e semplicissimo, ha sfoggiato orecchini di cartone, creati da una sua amica, Angela Simone, per la quale sta organizzando una mostra. “Scopo del gioiello è farci sentire bene, e possono farci sentire bene anche monili come questi”.

Anche il libro è scritto con leggerezza: Patrizia di Carobbio si diverte e gioca con le parole: “dona” vuol dire “regala” ma anche”sta bene” “mi dona”, “intruso” diventa “perla” (che nasce da una intrusione nell’ostrica). Ma non vogliamo togliere ai lettori il divertimento di scoprire da soli fino a che punto spazia l’arguzia di Patrizia che non si è lasciata inaridire dal mondo degli affari che possiamo immaginare competitivo e spietato.

La presenza di un testimonial così prestigioso e di una ricca platea di esperti ha fornito all’Accademia di Costume e Moda l’occasione irrinunciabile per presentare il nuovo Master “Fashion jewellery Designer”  dedicato a laureati e a chi voglia completare e approfondire la formazione professionale nella progettazione e realizzazione di gioielli e bijoux. Il master, a numero chiuso, inizierà entro la fine di novembre. Direttore Marina Valli, coordinatrice dei corsi di gioiello dell’Accademia stessa con cui collabora dall’83.  Marina è cresciuta nutrendosi dell’idea della creazione del gioiello essendo figlia di Giovanni Valli, designer di Bulgari dal ’45 al ’90 e porta avanti la vocazione di famiglia con impegno e piacere dedicandosi alla progettazione, all’insegnamento e alla divulgazione.

Camilla Di Biagio
The Way Magazine ha un occhio sulla "grande bellezza" di Roma (e non solo) grazie a Camilla. Sempre attratta dal fashion world lo vive sin da giovanissima. Se tre è il numero perfetto, la perfezione nasce dal connubio moda, musica, spettacolo. Fashion designer, fashion stylist ed event planner, si dedica alla scoperta ed alla formazione di giovani creativi, preferendo il dietro le quinte alle luci della ribalta. Dopo una lunga stagione dedicata alla produzione e all'allestimento di sfilate (Milano Moda, Alta Roma) e alle mostre d'arte, ora affianca alla sua professione anche l'insegnamento allo Ied di Firenze.
Leisure - 18/10/2017

Antonio Lopez icona fashion degna di un film

Nel mondo della moda ci sono stati i big break che hanno cambiato i giochi. Specie tra gli anni 60 e [...]

Leisure - 13/12/2017

Giorgio Moroder fa ballare i vip per Alfa Romeo

Alfa Romeo ha messo a segno un colpaccio. Nel suggestivo Spazio Quattrocento di Milano oltre 400 osp [...]

Leisure - 03/02/2017

Elisa ci mostra le tre vie per una canzone

Il 12, 13 e 15 settembre Elisa si esibirà all’Arena di Verona per tre live durante i quali ce [...]

Top