Magazine - Fine Living People
Society

Society - 13/04/2017

Betta Gancia: “La luce nella notte genera le mie foto di bagliori”

Il lavoro straordinario della fotografa torinese che impressiona con i suoi bagliori riprodotti in scatti d'autore.

Le foto notturne di Betta Gancia, artista torinese che lavora a Milano con un’attitudine a usare l’obiettivo come voce dell’anima, sono di una luce sorprendente. Non solo perché ritraggono in questa serie che vi proponiamo, vere luci notturne catturate in movimento nei loro squarci nel buio. Ma perché riescono a raccontare delle storie in cui tutti ci identifichiamo, con semplici tratti luminosi e colorati che evocano esperienze, tracce di vita, ricordi sopiti. Dove, in sintesi, il nero è l’incognita che ci circonda e il tratto luminoso è la speranza e la positività.

Betta Gancia con Martino Midali (foto: The Way Magazine)

Betta Gancia con Martino Midali (foto: The Way Magazine)

Ho cominciato a lavorare intorno a queste immagini due anni faci spiega l’artista, protagonista la settimana scorsa di una personale presso lo spazio di Martino Midalispinta da un forte desiderio, una curiosità insaziabile e l’aspirazione ad approfondire un progetto visivo che avevo già abbozzato tempo addietro, quando mi sono concentrata su immagini ugualmente ispirate alla natura e al mondo che mi circonda. In quel caso, l’oggetto del mio interesse di fotografa era il cielo. Il mio lavoro sulla luce e sulla notte ha in realtà una radice antica, che affonda nel fascino per la luminosità naturale, quella calda del sole che ci permette di vedere il cielo come una vivida e piena immagine del giorno. Quella sensazione che ci regala la vita. Per questo, dalla luce del giorno, dalla pienezza del cielo, ho pensato di concentrarmi sulla notte come assenza di tutta la luce possibile“.

Questa la premessa. Ma come riprendere la notte, come racchiudere in una foto la sua estrema intensità? “La notte mi incuriosiva. Il suo buio mi sembrava la parafrasi di tanti concetti e tanti timori: la cecità, la solitudine dalle cose e dalle persone, la morte. Ma poi, da quel buio, da quel nero assoluto, nelle mie fotografie appare qualcosa. Forse una serie di tratti, bagliori improvvisi, linee discontinue che indicano, anche se a stento, una possibile strada e concedono una speranza di vita e di calore. Forse, di casa. Poi, successivamente, la vita si anima ancora di più ed ecco sulla superficie fotografica, apparire una sagoma familiare – come un paese in lontananza”. La fotografa dice che a destare il suo interesse è “il movimento che ha prodotto e accompagnato alcune immagini della mia serie. A volte, quando “vedo”, in realtà non guardo e mi rimane nella mente una forma e un ricordo distorto che non posso recuperare perché l’attimo è passato per sempre. Come nelle fotografie. Anche la musica, ad esempio, ha un’anima; noi percepiamo il ritmo della bacchetta del direttore d’orchestra e vediamo la melodia che scaturisce da quel gesto“.

Sono foto nate da sovraesposizione e anche molta passione e pazienza. Betta Gancia rivela: “Non ho amato il digitale. Credo che l’ immediatezza dell’immagine abbia tolto la poesia dell’attesa, della sorpresa e anche, a volte, della delusione. Ma contro il “progresso” non si può fare nulla se non adeguarsi e accettarlo con gioia e grazia. Anche se questo non è sempre facile. Ora sto continuando a lavorare e a studiare cose nuove. Procedo in questo modo nella mia ricerca visiva e interiore”.

Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Luxury - 05/12/2016

I sei migliori Yacht Club esclusivi nel mondo

Gli esclusivi e riservati Yacht Club sono un luogo di eleganza e lusso che pochi fortunati membr [...]

Design of desire - 31/03/2017

Per la Design Week Hyper Room sprigiona anche Idee Verticali

In occasione dell’attesissima Design Week milanese dal 4 al 9 Aprile si svolgeranno gli esclusivi [...]

Travel - 30/08/2017

L’hotel dell’anno è il Kulm di St. Moritz

Il Kulm di St. Moriztz è Hotel of the Year per il 2018. Lo ha stabilito la rinomata guida svizzera [...]

Top