Magazine - Fine Living People
18/11/2018 - “Sotto la pelle del progetto” – Redesco a Bookcity Milano
Society

Society - 31/07/2018

Contact Warhol: Photography Without End alla Stanford University

Le foto del genio della Pop Art mai viste prime arrivano a settembre in Gran Bretagna.

Saranno 130mila le foto esposte in una mastodontica operazione alla Stanford University in Gran Bretagna, tutte appartenenti a Andy Warhol, il genio della Pop Art morto nel 1987.

Per la prima volta, per effetto di una donazione della foundation dell’artista, si vedranno scatti mai visti, con la promessa di digitalizzarli e portarli alla fruizione di tutti online.

Le fotografie di Andy Warhol mai viste prima sono al centro dell’esposizione Contact Warhol: Photography Without End, che attinge a oltre 130.000 esposizioni fotografiche che il Cantor Arts Center ha acquisito dalla Andy Warhol Foundation per le arti visive nel 2014.

La collezione di 3.600 contact sheet e relativi negativi rappresenta l’intera gamma di pratiche fotografiche in bianco e nero dell’artista dal 1976 fino alla sua inaspettata morte nel 1987. L’interesse è notevole, perché specialmente negli ultimi anni di vita, Andy Warhol era sempre visto con una macchina fotografica, spesso Polaroid, con cui documentava incontri e istanti della propria vita. Proprio come facciamo noi tutti 30 anni dopo con i social media.

La mostra fa rivivere le molteplici interazioni di Warhol con l’élite sociale e celebrità del suo tempo con ritratti di star come Michael Jackson, Liza Minnelli e Dolly Parton; sensazioni più giovani nel mondo dell’arte come Keith Haring e Jean-Michel Basquiat; e stelle politiche, tra cui Nancy Reagan, Maria Shriver e Arnold Schwarzenegger.

La mostra curata dai professori di Stanford Richard Meyer e Peggy Phelan, traccia la fotografia di Warhol dal livello più elementare ai dipinti di silice più sviluppati. Il lancio è il culmine di un progetto di digitalizzazione di due anni e mezzo diretto dall’archivista del progetto Cantor Amy DiPasquale che renderà disponibile al pubblico la straordinaria collezione. L’archivio dei provini sarà disponibile attraverso un database online ricercabile a cui si accederà attraverso le biblioteche della Stanford University, e sia i negativi che i provini saranno disponibili sul sito web di Cantor.

Il catalogo che accompagna la mostra è copiato da Cantor e MIT Press. Oltre ai saggi dei curatori, il volume comprende altri tre saggi accademici e 65 tavole. Si prega di notare che questa mostra include alcune immagini che potrebbero non essere appropriate per i giovani spettatori.Condividi e segui le conversazioni intorno a questa mostra speciale con il Cantore e altri visitatori di #contactwarholQuesta mostra e il catalogo di accompagnamento sono organizzati dal Cantor Arts Center. Riconosciamo con gratitudine il sostegno di The Andy Warhol Foundation for the Visual Arts e dell’Ufficio del Presidente, Stanford University.

In foto d’apertura Andy Warhol (U.S.A., 1928– 1987), Detail from Contact Sheet [Photo shoot with  with shadow], 1986. Gelatin silver print. Gift of The Andy Warhol Foundation for the Visual Arts, Inc., 2014.43.2893.



Fashion - 14/09/2018

Cettina Bucca, quadroni tartan in Sicilia

Cettina Bucca, nato come atelier di abiti sartoriali, si definisce come "Italian emotional couture" [...]

Leisure - 11/01/2018

Il teatro di Capucci e gli abiti dionisiaci

Di Roberto Capucci oggi si ricorda il genio e l'estro creativo, purtroppo spesso inquinato dal proli [...]

Leisure - 13/11/2017

Paolo Fresu: “La musica siamo noi”

Paolo Fresu è tra i musicisti jazz più noti in Italia e uno dei maggiori trombettisti al mondo [...]

Top