Magazine - Fine Living People
Society

Society - 14/02/2017

La foto premiata al World Press photo è un’icona terribile del nostro tempo

Cosa fa pensare l'accostamento con il Triple Elvis di Andy Warhol del 1964? Che ancora oggi abbiamo bisogno di immagini a cui affidare la memoria.

La differenza tra l’immagine premiata al World Press Photo di Amsterdam e uno dei capolavori di Andy Warhol è la posa. Solo la posizione della pistola, che Elvis impugnava verso lo spettatore, mentre l’attentatore del 19 dicembre 2016 ad Ankara puntava a terra, è diversa.

Mevlut Mert Altintas shouts after shooting Andrei Karlov, right, the Russian ambassador to Turkey, at an art gallery in Ankara, Turkey, Monday, Dec. 19, 2016.  (AP Photo/Burhan Ozbilici)

La foto vincitrice del World Press Photo 2017: Mevlut Mert Altintas esulta dopo aver ucciso l’ambasciatore russo in Turchia Andrei Karlov in una galleria d’arte ad Ankara, Turchia, 19 dicembre 2016. (AP Photo/Burhan Ozbilici)

Per il resto, i giudici del prestigioso premio di fotogiornalismo di Amsterdam hanno voluto indubbiamente e coscientemente sollevare un polverone. Perché l’attentatore immortalato dal coraggioso reporter turco Burhan Ozbilici il gesto di vittoria farneticante lo fa già nel terribile scatto. Una meta-foto, verrebbe da dire, visto che si tratta di una scena ripresa all’interno di una galleria d’arte dove l’ambasciatore russo ad Ankara stava tenendo un discorso.

Vestito in maniera elegante, capelli composti, fisico asciutto, il terrorista brunetto dall’aria innoqua grida chissà quale vendetta alla storia. E ora lo scatto è premiato, innalzato a icona di un tempo dove le misure si son perse, il terrore è entrato nelle nostre vite, l’esultanza dei fanatici è sempre più associata all’orrore di chi soccombe.

Il Triple Elvis di Andy Warhol (1964) richiamava una posa del film Flaming Star di qualche anno prima. Il padre della pop art voleva consegnare alla storia un’altra faccia dell’icona musicale, ripescando un Elvis attore piuttosto che cantante. La foto del poliziotto assassino Mevlut Mert consegna ai posteri la memoria di questi anni di morte e contraddizioni. Ma rende iconico il deplorevole gesto del protagonista o omaggia il coraggio di un professionista che anche nel momento di maggior terrore non ha rinunciato al suo mestiere?

Troppo presto per dirlo. Le foto premiate per il World Press Photo 2017 sono visibili presso De Nieuwe Kerk dal 15 aprile fino al 9 luglio.

Per info sulle altre foto premiate qui

Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Travel - 04/07/2017

Islanda da sogno, tra natura e design

L'Islanda è la nuova patria del turismo che coniuga lusso e natura, dopo il boom turistico del 2016 [...]

Leisure - 17/01/2017

La metà elettronica dei Subsonica porta i canti gregoriani sul dancefloor

Il nuovo progetto discografico Demonology HiFi è una costola dei Subsonica, oseremo dire il braccio [...]

Fashion - 19/01/2017

Quello che la moda non mostra: i segreti dei backstage delle sfilate

Le foto insolite che vi mostriamo in questa sezione sono l'altra faccia di Milano Moda Uomo, la torn [...]

Top