Magazine - Fine Living People
Targets

Targets - 20/01/2018
MODA

A Parma nasce la startup produttrice dei jeans ecosostenibili

La startup parmense Pagurojeans, ha avviato una campagna per raccogliere i fondi necessari per lo sviluppo del progetto di realizzare jeans in modo eco-sostenibile riuscendo a ridurre del 60% l’impiego di acqua e prodotti chimici e del 40% i consumi di energia elettrica, grazie all’utilizzo di denim riciclato.

Tutto questo grazie ai finanziamenti raccolti con l’utilizzo del servizio di crowdfunding Ginger avvalendosi del supporto di Kick-ER, servizio di orientamento al crowdfunding gestito da Aster, società della regione Emilia-Romagna per l’innovazione e la ricerca industriale.

“L’idea per sviluppare il nostro progetto – spiega Andrea Scaparro, co-fondatore di Pagurojeans  è nata dalla considerazione che il fashion è uno dei settori industriali più inquinanti. Per realizzare un singolo paio di jeans ci vogliono oltre 8 mila litri di acqua, senza considerare la quantità di agenti chimici e di energia necessari per la produzione e il trasporto. La nostra idea è di abbattere questi consumi, utilizzando denim riciclato al 40% e realizzare jeans su misura che, grazie all’utilizzo di un algoritmo nel processo di produzione, è in grado di ridurre i metri di tessuto necessari per ogni singolo capo. Un’altra priorità è il rispetto delle condizioni di lavoro, grazie a una filiera di produzione corta e controllata”.

Si può sostenere il progetto versando contributi, tramite la sezione dedicata della piattaforma Ginger. A seconda dell’importo donato, i sostenitori riceveranno kit di riparazione dei jeans o la possibilità di acquistare a prezzo di costo un Pagurojeans realizzato su misura.

La startup ha vinto anche il Greenhouse Programme 2017 di Climate-KIC, ricevendo sovvenzioni a fondo perduto e consulenze per lo sviluppo dell’idea di impresa.



Francesco D'Agostino
Figlio degli anni 90, spinta digital-social di The Way, si è fatto le ossa nel patinato mondo di To Be Magazine. Per scoprire che il dandy elegant che stava impersonando necessitava di una vetrina all’altezza anche sul web. Senza cercare altrove, se l’è creata da solo. Mette passione solo in quello che gli interessa veramente. Al resto nemmeno ci pensa. Grafica, biz obsession e una giusta dose di involontaria leadership lo proiettano sempre al minuto dopo.
Design of desire - 26/04/2017

Vivere contemporaneo secondo Ciarmoli Queda Studio

Design, Light, Future, Living: quattro concetti chiave per descrivere il mondo del contemporary livi [...]

Design of desire - 23/03/2018

Vedeteci bene e con stile: le proposte Julbo, MomoDesign e DeRigo Vision

Un assortimento unico e dalle elevate caratteristiche tecniche quello che Julbo ha presentato a MIDO [...]

Leisure - 01/01/2018

Roberto Bolle mito contemporaneo in tv

Roberto Bolle continua a farsi promotore della danza presso le masse. E sono sconfinate davvero quel [...]

Top