Magazine - Fine Living People
Targets

Targets - 26/01/2017
GARE DA CHEF

Al Sirha di Lione, chef italiani contro il mondo

Al Sirha di Lione, Salon mondial de l’hôtellerie, de la restauration, si è disputato il Worldchefs Global Young Chefs Challenge – The Hans Bueschkens Trophy, la competizione che ha visto sfidarsi otto giovani chef provenienti da tutto il mondo. A rappresentare l’Italia è stato Ivan Castiglioni, affiancato dall’assistente Andrea Monastero. A seguire l’andamento della performance, i coach della Nazionale Italiana Cuochi Francesco Gotti e Gaetano Ragunì che hanno seguito gli allenamenti dei due chef per la gara.

global chef italia the way magazine

I momenti concitati della gara con gli chef italiani.

Nelle tre ore di tempo a disposizione, il team italiano ha preparato e servito, rispettando i tempi previsti dal regolamento, il menù per sei persone composto da: halibut in manto di capesante e gamberi agli agrumi, crema di cavolfiore, crudaiola di verdure e cremoso di carote, salsa di ostriche e tartare di halibut (starter), loin di vitello con farcia di coppa di maiale stagionata, croccante ai pistacchi, animella fritta, bottone di pasta al brasato su patata, terrina di zucca e giardino di vegetali (main course), cremoso al cioccolato con crumble alla fava tonka, infuso di tè al litchi, rosa e mandorla, composizione di frutta fresca, sorbetto al melograno e infuso di tè al melograno e mirtillo e neve al lime (dessert).

A vincere la competizione la Germania, seguita da Svezia e Singapore. «L’Italia non è sul podio – dichiarano i coach Gotti e Ragunì – ma considerato il poco tempo che hanno avuto a disposizione per allenarsi, i ragazzi hanno dimostrato grande professionalità e impegno. L’Italia è competitiva e il buon lavoro svolto ne è la dimostrazione». Soddisfatti i coach e anche Castiglioni, che a pochi giorni dalla competizione ha sostituito Salvatore Canargiu, chef del Team Junior della Nazionale Italiana Cuochi, finalista del Global Young Chefs Challenge 2016 di Salonicco e impossibilitato a partecipare alla gara francese.

«Abbiamo gareggiato dando il massimo – dichiara Castiglioni – e il risultato credo sia soddisfacente. Merito dell’impegno di tutto il team e del supporto ricevuto dal mio amico e assistente nel box di cucina Andrea Monastero e dai coach, che ci hanno seguito con pazienza e attenzione». Una gara che i nostri giovani chef non dimenticheranno, «una competizione molto impegnativa e, allo stesso tempo, soddisfacente a livello personale e professionale – conclude Monastero – Un’esperienza che lascia il segno».

Leisure - 31/01/2017

VERSO SANREMO 2017/Raige e Giulia Luzi, incontro con la coppia atipica del Festival

Vogliono comunicare la gioia della vita e il sapore della qualità delle piccole cose, Raige e Giuli [...]

Design of desire - 04/07/2016

Cantieri Estensi, anteprima dello scafo Maine che vedremo a Cannes

I Cantieri Estensi di Ferrara portano l’eredità del nome storico nel lusso della nautica contempo [...]

Design of desire - 03/02/2017

Gli orologi Welder per essere Bold o Moody

Un orologio da uomo può influenzare il nostro mood? Alla Welder pensano di sì e ci riescono be [...]

Top