Magazine - Fine Living People
Targets

Targets - 08/05/2019
ADATTAMENTI TEATRALI

Dal 10 maggio al Nuovo di Milano “A Bronx Tale”

Alle volte certe piccole storie fanno il giro del mondo e infrangono la barriera del tempo, acquisendo immortalità. Verso la fine degli anni ’80 un ultra trentenne attore italo-americano, che fino ad allora aveva fatto solamente qualche piccola apparizione in ‘Dallas’, si mise a lavorare a una piece teatrale. Quando il copione fu pronto invece di proporlo negli iconici teatri di newyorchesi di Broadway, fu messo in scena a Los Angeles. Così nacqua “A Bronx Tale”.

Si narra che quell’attore interpretò ben 35 ruoli, tratti dal suo stesso copione. Leggenda vera? Non si sa. Cosa che veramente poi è balzata all’attenzione delle cronache giornalistiche dedicate agli spettacoli teatrali era che, quella piece, riscosse talmente successo che all’inizio del decennio successivo un altro attore, un pezzo da 90 di Hollywood e anch’egli italo-americano, decise di trarne un film per il grande schermo.

L’attore in questione è Robert De Niro. De Niro contattò chi aveva ideato il copione teatrale per offrirgli una parte significativa nel lungometraggio. L’autore si chiama Chazz Palminteri.

‘A Bronx Tale’, uscito nelle sale cinematograficche nel 1993, narra la storia di amicizia tra un boss della mafia ed un adolescente, originata quando quest’ultimo non testimonia contro il criminale dopo che lo ha visto uccidere, davanti ai suoi occhi, un uomo.

Il film rappresentò un successo non solo di pubblico ma anche di critica conquistando, persino, la candidatura al Leone d’Oro alla cinquantesima edizione del Festival del Cinema di Venezia dello stesso anno. La pellicola narra la storia di amicizia tra un boss della mafia ed un adolescente. Amicizia nata quando quest’ultimo non testimonia contro al criminale che ha ucciso un uomo davanti ai suo

Nei prossimi giorni, ‘A Bronx Tale’, dopo l’ultima versione a Broadway nel 2007, ritorna alle origini. Difatti dal 10 al 19 maggio, al Teatro Nuovo di Milano, la storia verrà riproposta in chiave musical.

A dirigere questa nuova versione teatrale sarà Claudio Insegno, le musiche di Alan Menken, con il difficile compito di non far rimpiangere le versioni originali del genere doo-woop fruite nella pellicola. A supportare il lavoro del compositore ci saranno ben 23 performer che saranno impegnati, sul palco, a ballare e a danzare. Le coreografie saranno di Luca Peluso.

Fra gli attori si annoverano Marco Stabile nel ruolo di Calogero, l’amico del Boss; Daniela Pogeba nel ruolo di Jane, la ragazza che fa impazzire calogero; Andrea carlinel ruolo di Sonny, il boss impersonato nel film proprio da Chazz Palminteri e infine Roberto Rossetti, nel ruolo del padre di Calogero. Impersonato, nella versione cinematografica da Robert De Niro.

Testo a cura di Vincenzo Pepe



Leisure - 06/12/2018

Pjero: “La mia semplicità è la forza della mia musica”

Nella semplicità c’è vita, c’è l’essenza delle cose. Ce lo dice lui, Pjero, nome vero Pierf [...]

Design of desire - 23/05/2019

Econyl, un sogno ecologico in un tappeto colorato a Cannes per Chopard

PArte della magia degli happening del festival di Cannes sono soprattutto gli allestimenti. Per uno [...]

Luxury - 08/08/2019

I gioielli tagliati al laser di Ve and Vile

Si può anche diventare protagonisti e scegliere il gusto nei gioielli, con il sistema di contribuzi [...]

Top