Magazine - Fine Living People
Targets

Targets - 19/01/2018
BOLOGNA

Imprevedibile Ai Weiwei

C’è tempo fino al 4 febbraio per vedere a Bologna una mostra interessante sulla scienza con pezzi davvero memorabili.

Riflettere sul passato di grandi nazioni per comprendere la necessità di innovare è l’idea centrale di una delle sei sezioni della mostra di arte e scienza IMPREVEDIBILE, essere pronti per il futuro senza sapere come sarà, fino al 4 febbraio nel nuovo Centro Arti e Scienze Golinelli di Fondazione Golinelli.

Tra le opere in mostra, Very Yao (2008) di Ai Weiwei, che appartiene alla lunga serie di opere realizzate dall’artista cinese con le biciclette, un mezzo di trasporto che fino agli anni Ottanta è stato parte integrante dell’identità cinese, ma che la corsa alla modernità e al progresso inarrestabile ha portato a essere sostituito dalle automobili, con un impatto brutale sull’ambiente e sulla vivibilità delle città asiatiche.

L’oggetto che ha rappresentato a lungo la libertà di movimento per i cinesi oggi non ha più lo stesso ruolo: la mancanza dell’elemento dinamico della catena, rimosso dall’artista, conferisce alle biciclette un carattere statico, accentuato dall’essere ammassate in una torre monumentale. Frequente nel lavoro di Ai Weiwei è il riferimento al concetto di tradizione, inteso non come nostalgia del passato ma come necessità di memoria storica, oggi minacciata dalla frenesia del cambiamento.

In questo caso però – come sottolineano Cristiana Perrella e Giovanni Carrada, curatori della mostra – “sembra che le conseguenze di una modernizzazione a tappe forzate possano essere reversibili: negli ultimi anni infatti si sta facendo molto per riportare i cittadini sulle due ruote, cercando di creare un connubio virtuoso tra passato e futuro”.

Foto di apertura: Ai Weiwei Very Yao, 2008 Courtesy; Galleria Continua, San Gimignano / Beijing / Les Moulins / Habana Photo by: Ela Bialkowska

Informazioni: www.artescienzaeconoscenza.it | www.fondazionegolinelli.it



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Fashion - 08/03/2017

Comme des Garçons al Met, ecco cosa c’è in mostra da maggio

Rei Kawakubo, la stilista giapponese fondatrice del brand Comme des Garçons, è sulla via della con [...]

Leisure - 03/03/2017

Fabrizio Bellafante: “Così sovrappongo le contraddizioni d’America”

Fabrizio Bellafante ha l'obiettivo sull'America. Dopo un viaggio in India, che gli ha fruttato una b [...]

Society - 10/04/2017

Giulio Perrone: “Da editore a scrittore, sono sempre i lettori il mio pubblico”

Incontro l'editore Giulio Perrone che dopo il successo con L'esatto contrario (per Rizzoli), è in p [...]

Top