Magazine - Fine Living People
Targets

Targets - 15/11/2018
NAPOLI

La natura morta fil rouge della pittura del Novecento

Se intorno alla metà del secolo scorso si è ripreso ad affrontare la pittura di natura morta con adesione meticolosa e, spesso, appassionata; non si può dire altrettanto per le lingue adibite a questo tema di gradimento universale e, insieme, di così ardua decifrazione. il nostro esame di alcune scritture, prevalentemente moderne, sulla pittura di genere dal 600 al ‘900, nasce da quest’assunto; oltreché da vari pretesti. Uno è stato metter mano a uno spicchio della biblioteca di un conoscitore come Raffaello Causa (1923-1984)…” afferma Stefano Causa, autore del volume La parola alle cose. Sentieri e scritture della natura morta (1922-1972) edito da arte’m che saraà presentato giovedì 15 novembre 2018, ore 16.30 al Museo e Real Bosco di Capodimonte (sala Kauffmann, primo piano) da Riccardo Lattuada, Patrizia Piscitello e Cristina Terzaghi. Introduzione e saluti istituzionali del direttore Sylvain Bellenger. Sarà presente l’autore.

Nel volume viene riproposto in chiusura il saggio di Raffaello Causa La natura morta a Napoli nel Sei e nel Settecento pubblicato nel 1972 per la collana “Storia di Napoli”.

 

Stefano Causa

Nato a Napoli nel 1966, è professore di storia dell’arte moderna e contemporanea all’Università degli Studi “Suor Orsola Benincasa” di Napoli. Ha studiato a Firenze con Carlo Del Bravo e Mina Gregori, a Napoli ha lavorato a lungo con Ferdinando Bologna. Ha cominciato occupandosi prevalentemente di pittura napoletana seicentesca (una sua monografia su Battistello Caracciolo risale al 2000), successivamente i suoi interessi si sono orientati verso la critica d’arte moderna (del 2001 una monografia su Longhi e il contemporaneo dal titolo Il sale nella ferita. Antico e moderno nell’officina di Longhi; del 2003 il libro Di strade e di stanze. Una lettura di Balthus sul pittore francese del ‘900). Negli ultimi anni ha lavorato soprattutto sul rapporto tra le mostre e i musei nel corso del ‘900 (del 2013 il volume Caravaggio tra le camicie nere. La pittura napoletana dei tre secoli. Dalla mostra del 1938 alle grandi esposizioni del Novecento). E’ curatore di una mostra che si terrà a Parigi, nel novembre 2019, su Luca Giordano.

Giovedì 15 novembre 2018, ore 16.30 a Napoli presentazione del libro La parola alle cose. Sentieri e scritture della natura morta (1922-1972) edito da arte’m, 2018

di Stefano Causa

Museo e Real Bosco di Capodimonte (sala Kauffmann, primo piano) ingresso da Porta Grande (lato Ponti Rossi)Introduce Sylvain Bellenger. Interventi di Riccardo Lattuada, Patrizia Piscitello, Cristina Terzaghi. Sarà presente l’autore



Trends - 27/12/2018

Belli, alla moda e tecnologici: così gli orologi smart del futuro

  Gli orologi, un modo per trovare la felicità, soprattutto per gli uomini, con lo status s [...]

Leisure - 03/04/2018

Luca Seta: “Con la mia musica torno alle parole”

Luca Seta è famoso tra le appassioante di fiction (7 Vite, Un Posto al Sole, Don Matteo, Capri) ma [...]

Leisure - 14/11/2018

Giorgia: “Per cantare bene non si deve pensare”

Ha scelto un cuore e la pop art Giorgia, la cantante con la voce più bella nel panorama italiano da [...]

Top