Magazine - Fine Living People
Targets

Targets - 03/12/2018
SICILIA

L’arancina day a Milano al Boatta

Tanti dicono che le arancine di Boatta siano le migliori di Milano e nulla hanno da invidiare a quelle delle blasonate rosticcerie della Sicilia. Il grazioso locale nel quartiere trendy Isola, alle spalle del Bosco Verticale, giovedì 13 dicembre 2018, il giorno di Santa Lucia, si trasformerà nella sede dell’Arancina day: verranno così proposte meravigliose arancine ( prosciutto e mozzarella, ragu di carne e pisellini, oltre a versioni gourmet a fantasia dello chef Angelo Mancuso), panelle a mezza luna o le classiche “crocché” di patate, in orario continuato da mezzogiorno a mezzanotte, fino ad esaurimento scorte.

STORIA DI SANTA LUCIA – LArancina Day di Boatta Milano, il concept restaurant e food shop di eccellenze italiane di zona Isola, dopo il grande successo dello scorso anno torna in occasione della festa di Santa Lucia, tanto amata dai palermitani e siciliani tutti, in cui sacro e profano si uniscono in favore delle tondeggianti e squisite arancine. Pur essendo a Milano, a 1600 km di distanza da Palermo.

La storia racconta che Lucia nacque a Siracusa intorno al 283, era di famiglia nobile e fu promessa sposa ad un pagano. Il padre di Lucia morì quando lei era ancora piccola. Quando sua madre fu colpita da una grave malattia, lei decise di recarsi in pellegrinaggio a Catania, presso il sepolcro di S. Agata a chiederne la guarigione. Qui promise, per voto, di donare tutti i suoi averi ai poveri e di non sposarsi per dedicare tutta la sua vita a Dio. Il pretendente però non fu d’accordo con la sua decisione e la denunciò come cristiana, vi erano in vigore in quel tempo i decreti di persecuzione dei cristiani emanati dall’imperatore Diocleziano Lucia fu presa e processata, sottoposta a molte torture fino a che non fu decapitata, era l’anno 304. Il suo culto si diffuse da subito in tutte le chiese dove fu venerata come Santa protettrice degli occhi, forse per il suo nome che significa “promessa di luce”. Anche se patrona di Siracusa, Santa Lucia, ha un posto speciale nel cuore dei palermitani, che in questo giorno si astengono dal mangiare pane e pasta. Questo per ricordare il miracolo della Santa che liberò la città dalla carestia nel 1646, facendo arrivare nel porto un bastimento carico di grano. La gente che per diversi mesi aveva sofferto la fame, non aspetto’ di macinare il grano, ma lo bollì per sfamarsi in minor tempo, aggiungendo solo un filo d’olio, creando così la cuccìa.
Ma la rinuncia a mangiare pane e pasta in questo giorno, non deve far pensare come a una penitenza, poiché risotti, panelle, timballi e le immancabili arancine sono i protagonisti di una giornata all’insegna della golosità.

Boatta Milano
Piazzale Segrino 1, Milano
info@boatta.it
MM ISOLA – MM ZARA



Society - 10/05/2016

Paola Barale: “Prima andavo in vacanza, ora viaggio davvero”

Paola Barale è una viaggiatrice consapevole e contenta. Ha iniziato davvero ad assaporare le cultur [...]

Leisure - 03/03/2017

Renato Mambor, pittore nel modo di essere

Renato Mambor, uno dei grandi degli anni 50 italiani, arriva alla Fondazione Gruppo Credito Valtelli [...]

Leisure - 13/05/2019

Arona Lake & Shopping, un grande centro commerciale naturale con show e musica

Se non vi bastano George Benson, Renzo Arbore, Edoardo Bennato e Paolo Fresu, potreste pensare di an [...]

Top