Magazine - Fine Living People
Targets

Targets - 29/06/2018
SHELTER

Olivia Chaney, perché tutti ne parlano (bene)

Olivia Chaney si è gaudagnata la stima e il calore di folto gruppo di seguaci che da anni aspettano con trepidante entusiasmo ogni sua mossa. Merito della piacevolezza compositiva dell’artista inglese, che canta soavemente un genere che è la cosa più distante dalle classifiche mainstream che possiate pensare.

Nel suo disco Shelter, appena pubblicato, c’è questa House on a Hill che merita un ascolto appassionato: la dolce melodia della sua voce si fonde a perfezione con gli strumenti che suona, in nome di un pezzo di leggera bellezza d’animo che possiamo concederci nella frenesia quotidiana. Si tratta proprio di un “riparo”, come suggerisce il titolo dell’album, dal frastuono inconcludente delle proposte popolari in questi mesi, almeno in ambito musicale.

I recensori esteri la chiamano “anacronistica bellezza semplice” della musica contemoranea. Che però parla della condizione umana, delle gragilità e della vita nella sua elegante purezza.

Olivia va in toru questa estate in America, con date a Decatur, DC, Cambridge, Brooklyn, Philadelphia, Burlington, Toronto, Chicago, Minneapolis, Portland & San Francisco e in set selezionati con Patty Griffin & Bruce Hornsby. Il suo folk rilassato e contemporaneo (la cantante è nata nel 1982) include le sue abilità da politrumentista (suona indistintamente piano, chitarra, armonica) è un marchio di fabbrica della Nonesuch Records.

Se volete seguire la sua produzione:  The Longest River, 2015 e Shelter, 2018.



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Vip House - 12/03/2018

Solange: “Arredo a sensazione”

L’ho raggiunto al telefono perché Paolo Bucinelli, in arte Solange, non vive a Milano ma ha una c [...]

Design of desire - 09/05/2016

Brionvega lancia WEARiT ts 217 il bluetooth che si indossa

Brionvega sa che il suo marchio è indissolubilmente legato alle radio portatili che dagli anni 60 h [...]

Society - 02/07/2018

Cuore Flegreo e il design di Pietro Del Vaglio

Serata di gala ai Campi Flegrei a nord di Napoli in una cornice di eleganza e design made in Italy. [...]

Top